• 22 Aprile 2024

Come integrare Content Marketing e SEO

Condividi su:

Scopri come creare contenuti che abbiano le migliori possibilità di portare traffico organico sostenibile, qualificato e di lunga durata. Per farlo bisogna sapere come integrare Content Marketing e SEO.

Quando dedichiamo tutto il nostro tempo e i nostri sforzi alla creazione di un contenuto fantastico e approfondito visivamente accattivante e amato dai nostri clienti e potenziali clienti, perché non ricevere anche un po’ dell’amore di Google e far crescere il traffico organico qualificato?

In molti modi, le cose che l’algoritmo di Google favorisce sono simili a ciò che il tuo pubblico di destinazione ama.

Vogliono tutti rilevanza, struttura e autorità: La migliore risposta a una query di ricerca.

Nei risultati di ricerca odierni un contenuto eccellente ha le migliori possibilità di posizionarsi bene.

Continua a leggere per scoprire come integrare Content Marketing e SEO per ricevere il traffico e le conversioni migliori per il tuo sito web.

Content Marketing e SEO vanno integrate

I link sono ancora uno dei principali fattori di ranking per Google.

Altrettanto importante è coprire un argomento a fondo per aumentare la pertinenza.

Non tutti i contenuti devono essere ottimizzati per la ricerca.

Ci sono altri motivi per scrivere contenuti (ad esempio per le condivisioni sui social o per aumentare la fiducia e la conversione) ma se vuoi ottenere il massimo dal tuo content marketing e migliorare il ROI, la SEO dovrebbe essere nel tuo radar.

Strategia SEO

Per creare una strategia olistica quando si tratta di Content Marketing e SEO, ti invito a considerare tre fattori:

  • Cosa vuoi comunicare : la tua visione, la tua proposta di valore, gli argomenti e le questioni – le cose che rappresenti come azienda e di cui sei appassionato.
  • Che cosa cercano le persone : utilizzare la ricerca per parole chiave come un’opportunità per studiare il tuo pubblico di destinazione, la domanda di mercato e l’interesse online.
  • Cosa preferisce Google : rivedere la prima pagina di Google per capire quale sia la risposta più pertinente e replicare qualcosa di competitivo.

Struttura dei Mi piace di Google

Parliamo delle tue idee sui contenuti da una prospettiva SEO.

La chiarezza e la struttura sono alla base del “gioco” di Google.

Ciascuna delle tue idee di contenuto, pagine o post del blog dovrebbe coprire un argomento, una specifica area di interesse.

Pensa alle tue pagine più come una voce di Wikipedia (una base di conoscenza che copre un argomento in profondità) che come una raccolta di parole chiave a coda lunga.

Una pagina dovrebbe coprire l’argomento così bene da soddisfare l’intento di ricerca dell’utente, Google premia il contenuto ma soprattutto gli approfondimenti.

Corso SEO Silo Map


Ogni pagina sarà ottimizzata per un cluster di parole chiave composto da parole chiave principali e di supporto.

Utilizziamo varianti di parole chiave e sinonimi per consentire a Google di comprendere facilmente ciò di cui stiamo scrivendo, nonché il contesto dell’argomento.

Scelta delle parole chiave

Il processo di ricerca delle parole chiave ci aiuta a determinare gli argomenti rilevanti per il nostro pubblico di destinazione. Devi soffermarti su:

  • Sinonimi, varianti e parole chiave correlate da coprire all’interno di una pagina
  • Traffico di ricerca mensile per comprendere l’interesse di marketing
  • Potenziale di clic stimando la percentuale di clic per tenere conto di annunci, snippet in primo piano, ecc.
  • Difficoltà delle parole chiave per stabilire le priorità in base alle possibilità di successo

Prendere decisioni basate sui dati aiuta ad aumentare le tue possibilità di successo online.

Quando valuti le idee per i contenuti, vorrai sempre tenere conto di queste metriche che ti aiuteranno ad integrare Content Marketing e SEO.

Evitare la cannibalizzazione delle parole chiave

Per ogni idea di argomento unica e chiaramente distinta, vorrai creare una pagina specifica e trattare l’argomento in modo approfondito.

Allo stesso modo, assicurati che ogni argomento venga trattato una sola volta.

Le domande sono:

  • Abbiamo già trattato questo argomento?
  • Possiamo aggiornare o rielaborare una pagina esistente?

Dal punto di vista SEO, vorrai sempre aggiornare una pagina esistente creando un secondo, terzo, quarto pezzo sullo stesso argomento.

I contenuti sempreverdi vincono sempre nel SEO.

Non competere con te stesso

Sei già in competizione con miliardi di pagine sul web per i primi posti, perché competere con te stesso?

Quando molti dei tuoi contenuti combattono per la prima pagina , questo si chiama cannibalizzazione delle parole chiave e questo danneggia davvero il tuo sforzo SEO.

Nella maggior parte dei casi, divrai rivedere i tuoi contenuti esistenti e trovare i post e le pagine del blog che hanno trattato l’argomento in precedenza.

Sfrutta l’età del post, la classifica esistente e i link trasformando un post di medio rendimento in qualcosa di eccezionale.

Se stai cercando di creare una “Guida ai regali di Natale per le donne”, faresti meglio a rielaborare, adattare e ridisegnare la pagina esistente ogni anno, piuttosto che creare un nuovo post che non raggiungerà mai la cima.

Se ti rendi conto di avere diversi post che trattano lo stesso argomento, valuta la possibilità di migrarli tutti in una pagina e di utilizzarli come base per il tuo nuovo contenuto.

Inizia a creare un nuovo contenuto solo se hai un vero divario di contenuti e non hai coperto l’argomento in passato: Questa si chama pianificazione del marketing dei contenuti ed è fondamentale per integrare Content Marketing e SEO.

Guarda la Prima Pagina di Google

Prima di passare alla scrittura di contenuti, diamo un’occhiata alla Prima Pagina di Google per determinare il giusto tipo di contenuto da classificare bene.

Spesso i creatori di contenuti e gli esperti di marketing indovinano l’intento dell’utente dietro una query e il tipo di contenuto che dovrebbero scrivere.

Ma il modo migliore per capire cosa vogliono gli utenti e Google è esaminare effettivamente la prima pagina.

9 risultati di ricerca

Scoprirai che ci sono almeno nove diversi tipi di risultati di ricerca che forniscono diversi tipi di contenuto all’utente.

  • Ricerca: definizioni, guide lunghe, grafici della conoscenza o snippet in primo piano
  • Risposta: le solite ricerche con zero clic come meteo, conversione di valuta, fusi orari
  • Transazionale: pagine di prodotti e categorie, risultati di e-commerce
  • Locale: mappe, risultati locali
  • Visuale: immagini, miniature di elementi multimediali
  • Video.
  • Notizie: giornali, tweet, storie principali
  • Branded: home page con sitelink, canali di social media di un marchio
  • Misto: quando Google non è sicura dell’intento di ricerca, fornisce un po ‘di tutto. Cerca “Panda” o “Jaguar” per verificarlo.

La risposta breve è: vorrai creare il tipo di contenuto attualmente visualizzato nella prima pagina di Google per il tuo argomento e le tue parole chiave.

Oltre a ciò, avrai la possibilità di capire quanto segue studiando la Prima Pagina :

  • Argomenti secondari e concetti utilizzati dai contenuti più performanti
  • Titoli trattati negli articoli
  • Parole chiave utilizzate
  • Lunghezza media dei contenuti dei risultati in Prima Pagina

Un buon creatore di contenuti terrà conto di tutti questi aspetti e a volte creare la risposta migliore non significa creare una guida definitiva.

Sì, utilizziamo ancora le parole chiave

Infine, per integrare Content Marketing e SEO, assicurati che i tuoi contenuti siano adatti alla SEO.

Ogni parte di contenuto inizierà a classificarsi per molti sinonimi e varianti perché Google sta migliorando sempre di più nella comprensione dei concetti e del contesto.

Ma l’algoritmo di Google è anche ancora un algoritmo.

Quindi fai in modo che Google capisca facilmente di cosa tratta il tuo pezzo.

Sì, vorrai comunque utilizzare la tua parola chiave principale in:

  • URL
  • Titolo H1
  • Titolo della meta pagina
  • Primo paragrafo

Non solo perché ha senso per Google, ma anche perché ha senso che gli utenti siano congruenti mentre passano dall’inserimento di una query di ricerca alla ricerca del risultato, al clic e alla lettura dell’articolo.

Sì, dovrai anche ottimizzare le tue immagini , soprattutto se stai cercando di posizionarti nei primi risultati di una ricerca visiva.

Un po’ di SEO tecnica non guasta

Per essere veramente adatto alla SEO, dovrai infine assicurarti di implementare il copyrighting e i dati strutturati.

La SEO tecnica aiuta ad aumentare la chiarezza per Google .

Puoi contrassegnare i dettagli sull’autore di una pagina, sul prodotto visualizzato, sugli elenchi, sui video e su altri elementi, sulla tua attività e sull’organizzazione nel suo insieme.

Riepilogo: sfruttare al massimo il content marketing e la SEO

Il tuo content marketing ha le migliori possibilità di avere successo nella ricerca organica se prendi in considerazione quanto segue:

  • Seleziona idee per argomenti specifici, chiaramente distinti e unici.
  • Usa la ricerca per parole chiave per dare la priorità alle idee di contenuto.
  • Aggiorna le pagine esistenti se desideri trattare di nuovo un argomento.
  • Rivedi la prima pagina google per comprendere il tipo di contenuto da creare.
  • Ottimizza la tua pagina con le parole chiave.
  • Implementa lo schema dei dati in modo strutturato

Così avrai le migliori possibilità di portare traffico organico sostenibile, qualificato e di lunga durata.

Condividi su:

valerio sanna

Vsx Blog : il mio punto di vista sul mondo del web, dell'innovazione e della scienza.

Leggi Precedente

ChatGPT ti ruberà il lavoro? La verità è sorprendente

Leggi Prossimo

Uno scienziato propone la vita su Marte, ma sotto la superficie

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Social media & sharing icons powered by UltimatelySocial