• 25 Maggio 2024

La SEO è morta o è ancora indispensabile?

La-SEO-e-morta
Condividi su:

La morte della SEO è un argomento che è stato dibattuto per anni ma è questo l’anno in cui la SEO è morta? Una storia che risale a più di 25 anni, ora è terminata?

TikTok, PR digitale, ricerca vocale: nuovi termini sono stati coniati e nuovi social network sono spuntati negli ultimi anni. Mentre gli esperti del settore danno uno sguardo all’ultimo anno e prevedono le tendenze per il prossimo, l’inevitabile domanda sorge di volta in volta: “La SEO è morta quest’anno?”

La risposta ovviamente è: La SEO non è morta.

Se stai leggendo questo articolo perché ti stai chiedendo se investire i tuoi soldi guadagnati duramente sulla SEO o se spenderli più saggiamente altrove, continua a leggere!

Perché la gente dice che la SEO è morta?

Quindi, se la SEO ha un successo enorme come quello che stiamo proclamando, allora perché le persone dichiarano che la SEO è morta?

Mettiti nei panni di un proprietario di un sito Web la cui intera esperienza di SEO riguarda le e-mail losche che riescono a evitare il filtro antispam della sua casella di posta: “Caro signore, devi essere curioso di sapere, nonostante tu abbia parole chiave popolari e molti backlink perché il tuo il sito Web non è visibile sulla prima pagina dei principali motori di ricerca “.

O pensa a quelli del marketing tradizionale che lavorano al di fuori della SEO.

Secondo uno studio, il 61% degli imprenditori ha affermato che “aumentare la consapevolezza del marchio” è importante per loro: quanti di questi comprendono che la SEO è uno dei modi più efficaci per aumentare la consapevolezza organica del proprio marchio?

L’importanza della posizione su Google

Mentre sappiamo che la posizione numero uno su Google è in grado di catturare fino al 31,7% del traffico di ricerca, secondo uno studio , rispetto a circa il 17% nella posizione numero due, si arriva a solo il due percento in posizione 10.

Consideriamo queste statistiche in termini reali, pensiamo a un settore con una parola chiave ad alto volume di ricerca altamente competitiva, ad esempio “voli economici”. Questo ha 550.000 ricerche mensili medie. Se sei in una posizione su Google per quel termine di ricerca, hai un potenziale di 176.000 persone che raggiungono il tuo sito attraverso quel risultato di ricerca ogni singolo mese.

Ma per mescolare le cose, aggiungi a questo il fatto che la posizione numero uno nei risultati di ricerca di Google non significa esattamente convertire.

Gli utenti dovranno prima confrontarsi con un “annuncio” chiaramente etichettato, pubblicato da Google Ads sulla base di una combinazione di ciò che quel sito ha offerto loro e la qualità percepita.

Google Ads
Google Ads

Quindi alcuni pensano che La SEO sia morta perché i media a pagamento sono migliori

Ma possiamo contrastarlo con il fatto che la posizione 1 in Google non è più tutto ciò che dice di essere. Mentre, ovviamente, ci sarà un annuncio nella parte superiore dei risultati di ricerca, spesso questo è seguito anche da una “Google Answer Box” e / o da un pannello di conoscenza. Queste sono le nostre ricerche a zero clic e non sono facili. Google non le distribuisce a nessuno.

Ci vuole una combinazione di elementi per assicurarsi di raggiungere quelle posizioni, gli snippet di Google:

E un duro lavoro per mantenere quella posizione nel tempo.

Anche all’interno dell’industria digitale, la gente proclama che la SEO sta morendo. L’algoritmo di Google diventa sempre più vizioso ad ogni aggiornamento. I siti possono scomparire dai risultati di ricerca senza preavviso e le tattiche che hanno funzionato ieri possono causare danni molto presto.

Al fine di evitare del tutti questi rischi, alcuni eviteranno di investire tempo, sforzi e denaro nella SEO, ma ciò significa potenzialmente perdere quelle centinaia di migliaia di potenziali clienti che potrebbero raggiungerti ogni giorno.

Ma dobbiamo anche considerare i riferimenti ai social media, le menzioni del marchio nelle pubblicazioni del settore, il marketing degli influencer, il marketing offline tradizionale e persino il passaparola.

Analizziamo tutto in modo approfondito

Il passato, il presente e il futuro della SEO

Immagina un mondo senza SEO, dove saremmo? È qualcosa che è impossibile da considerare al giorno d’oggi, in un’epoca in cui il termine “su Google” è entrato nel dizionario ufficiale.

Il passato, il presente e il futuro della SEO
Il passato, il presente e il futuro della SEO

Il passato della SEO

Nel 1995, Internet aveva solo due miliardi di utenti, oggi è oltre i quattro miliardi . Per mettere meglio in prospettiva, Facebook è ora 15 volte più grande di quanto l’intera Internet fosse nel 1995.

E a quel tempo nella storia della SEO , i motori di ricerca come Lycos e Altavista erano semplicemente librerie virtuali con poca o nessuna capacità di ricerca. Erano semplicemente considerati indici di server web. I collegamenti non hanno dato alcuna equità alla classifica in questi motori semplicemente perché non offrivano alcun tipo di classifica.

Il mondo digitale ha iniziato a evolversi rapidamente, tuttavia, i motori di ricerca hanno iniziato a classificare le pagine in base ai punteggi OPIC (sui criteri di importanza della pagina). E anche allora, le tecniche SEO si stavano già evolvendo, le parole chiave erano fondamentali ma scoperte come la manipolazione di tag del titolo che causavano posizionamenti immediati senza nessun rapporto col valore della pagina.

Il presente della SEO

Comprendere come si sono evoluti il ​​mondo digitale e la SEO è fondamentale per capire come funziona oggi. In apparenza, la SEO sembra essere qualcosa di semplice: l’ottimizzazione dei motori di ricerca. Cosa si può fare di più che assicurarsi che il tuo sito web funzioni bene, che abbia un bell’aspetto, che abbia qualche buona parola chiave e qualche buon link, giusto?

In realtà, c’è molto altro da considerare: RankBrain, EAT e BERT sono solo alcuni aggiornamenti che Google ha introdotto nel suo algoritmo negli ultimi anni e che hanno cambiato tutto. Il mondo dei motori di ricerca è in continua evoluzione e il futuro della SEO sembra brillante.

La SEO è solo una parte di un lavoro più grande

Mentre TikTok, le PR digitali, la ricerca vocale e altre, persino il marketing tradizionale, sembrano essere una minaccia per la SEO come industria, in realtà sono tutti gli ingranaggi del web marketing e la SEO è uno dei più grandi.

Definizione del piano di web marketing
Definizione del piano di web marketing

La domanda dovrebbe davvero essere:

Vale la pena investire nella SEO ?

Mentre Internet continua a crescere a un ritmo incredibile, i motori di ricerca che funzionano in modo efficace ed efficiente diventano sempre più importanti. Gli utenti ora hanno bisogno dei motori di ricerca più che mai. È fondamentale non dimenticare che, nel profondo, sono semplicemente uno strumento per aiutare gli utenti a trovare la risposta migliore alla loro domanda il più rapidamente possibile.

Anche se a volte sembra che Google stia danneggiando personalmente i tuoi clienti, stanno davvero perfezionando i loro algoritmi in modo che i siti di spam che non servono ai loro utenti abbiano meno probabilità di sfondare nei loro risultati di ricerca.

Evita le tattiche SEO defunte

Invece di pensare che la SEO è morta, devi pensare a rinnovarla.

Se sembra che le tue tecniche SEO non funzionino, probabilmente c’è un motivo e la colpa non è di Google.

In realtà, è più probabile che le tue tecniche siano obsolete e quindi inefficaci. In effetti, le tecniche obsolete potrebbero danneggiare il tuo marchio più che aiutarlo.

Pensa a contenuti pertinenti fatti per l’utente rispetto alle pagine piene di parole chiave. Punta a backlink guadagnati naturalmente piuttosto che a quelli pagati per collegamenti di testo con corrispondenza esatta. Trascorri del tempo “dietro le quinte” del tuo sito Web: il SEO tecnico che un utente quotidiano non noterà mai, ma sentirà i benefici di ogni volta che usa il tuo sito.

Tutto ciò che Google desidera quando si visualizzano i risultati di ricerca è qualcosa che risponde davvero alle domande degli utenti e funziona bene, e se il tuo sito lo fa, otterrai i frutti.

La SEO vale ancora il tempo e gli sforzi fatti?

C’è solo una risposta a questa grande domanda, le statistiche parlano da sole:

con oltre 40.000 query di ricerca ogni secondo e circa 62,19 miliardi di visitatori all’anno, Google è il colosso che governa Internet. Senza un motore di ricerca ben funzionante, come troveremmo il contenuto di cui abbiamo bisogno?

Inoltre, l’usabilità sta diventando molto più importante ed è un altro motivo che chiarisce perchè la SEO non è morta.

Con la tecnologia semantica di Google che comprende l’intento alla base delle ricerche di parole chiave estese e consente agli utenti di avere una ” conversazione” con la tecnologia; e recenti rapporti secondo cui oltre la metà delle ricerche di Google porta a zero clic grazie a Google Answer Box, Google Immagini, Google Maps e altre proprietà di Google.

Mai prima d’ora un motore di ricerca ha governato così bene.

Diversificare e perfezionare le tecniche SEO è la chiave per attirare clienti in un mondo in cui non hanno nemmeno bisogno di lasciare un motore di ricerca per ottenere ciò di cui hanno bisogno.

La SEO non è morta , né sarà mai morta, finché Internet continuerà a esistere.

Conclusioni

Se vuoi saperne di più sulla SEO di un sito web e su molti altri argomenti inerenti il marketing digitale registrati a questo blog, così ti avviseremo ad ogni nuovo articolo con una comoda notifica.

Registrati alla newsletter VSX cliccando qui

Non è sempre facile occuparsi di SEO. Pertanto, disporre di una fonte di informazioni che possa aiutarti a migliorare il posizionamento del tuo sito web può fare la differenza.

Condividi su:

valerio sanna

Vsx Blog : il mio punto di vista sul mondo del web, dell'innovazione e della scienza.

Leggi Precedente

Pubblicità display e di ricerca: 3 strategie per il tuo pubblico

Leggi Prossimo

Aggiornare i contenuti è fondamentale! Ma come si fa?

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Social media & sharing icons powered by UltimatelySocial