• 27 Settembre 2022

La storia dei social media (social network) odierni

La storia dei social media
Condividi su:


Scopri l’ascesa dei social media odierni, comprese le prime tecnologie che hanno ispirato i social network così come lo conosciamo oggi.

La definizione che troviamo sul dizionario dice:

Forme di comunicazione elettronica (come siti Web per social networking e microblogging) attraverso le quali gli utenti creano comunità online per condividere informazioni, idee, messaggi personali e altri contenuti (come video).

Mentre vengono automaticamente in mente servizi come YouTube e Facebook , puoi far risalire le origini dei social media alla fine degli anni ’70.

In questo articolo troverai una breve panoramica della storia dei social media, dai primi pionieri della comunicazione elettronica alle piattaforme di social networking che dominano Internet oggi.

Le bacheche

Randy Suess e Ward Christensen hanno introdotto il Computerized Hobbyists Bulletin Board System nel 1978 .

Sebbene inizialmente progettato per aiutare i membri di un club di computer a Chicago e generare contenuti per la newsletter del loro club, alla fine è cresciuto fino a supportare 300-600 utenti.

CBBS esiste ancora oggi come forum con post risalenti al 2000.

Con l’aumento della velocità dei modem , i sistemi di bacheca sono diventati più popolari tra gli utenti di computer. Utilizzando la guida telnet BBS , puoi viaggiare indietro nel tempo e vedere oltre 1.000 sistemi di bacheche elettroniche.

Per coloro che cercano versioni aggiornate dei sistemi di bacheca elettronica, provare l’ elenco dei forum Internet di Wikipedia.

Internet Relay Chat, messaggistica istantanea e chat room

Come estensione dei sistemi BBS, Jarkko Oikarinen ha creato il primo client e server Internet Relay Chat (IRC) nel 1988. Consentirebbe agli utenti di chattare tra loro in tempo reale.

Ciò getterebbe le basi per servizi di messaggistica istantanea come mIRC e ICQ , che esistono ancora oggi.

Mentre ICQ ha continuato ad aggiornare la sua interfaccia per adeguarla ai tempi attuali, mIRC ha lo stesso sito Web dal 2008.

Nel 1992 America Online (AOL) è diventata disponibile al pubblico. Entro il 1995 , i 3 milioni di utenti di America Online potevano interagire tramite e-mail, forum e chat room.

Celebrità come Michael Jackson hanno utilizzato le chat room di America Online per ospitare una delle prime sessioni Ask Me Anything (AMA) con oltre 25.000 partecipanti.

AOL ha rilasciato una versione gratuita e autonoma del suo servizio di messaggistica istantanea nel 1997 , che ha collegato i suoi utenti fino a quando non si è disconnesso per l’ultima volta nel 2017.

Nel 1999, Tencent ha lanciato QQ , un servizio di messaggistica istantanea.

Questo servizio esiste ancora oggi, insieme al social network Qzone (lanciato nel 2015), che vanta 574 milioni di utenti.

I primi social network

Nel 1997 vengono lanciati i primi siti di social networking: Bolt e Six Degrees .

Dan Pelson ha progettato Bolt come piattaforma per i ragazzi di 15-20 anni da utilizzare per e-mail, segreteria telefonica, chat vocale, bacheche e messaggistica istantanea. 11 anni dopo, Bolt annunciò nei suoi forum che avrebbe chiuso.

Il fondatore di Six Degrees Andrew Weinreich, a volte indicato come il padre dei social network , ha creato la sua piattaforma per aiutare le persone a connettersi con persone che non conoscevano (ancora).

Ha inoltre depositato il primo brevetto di social networking per:

Un database di rete contenente una pluralità di record per diversi individui in cui gli individui sono collegati tra loro nel database da relazioni definite.

La piattaforma esiste ancora oggi , anche se non sembra essere cambiata dal 2017.

La nascita del social blogging

Nel 1998, Open Diary è diventata la prima piattaforma di diari online a riunire individui, consentendo loro di condividere i propri pensieri e commentare le riflessioni degli altri. Gli scrittori usano ancora oggi il sito per condividere le loro storie personali.

Un anno dopo, nel 1999, LiveJournal sarebbe entrato nell’arena dei blog sociali.

Oltre a condividere idee e creare comunità attraverso i commenti, LiveJournal ha offerto la possibilità di diventare amico di persone che la pensano allo stesso modo, aumentando l’appeal sociale del blog.

Dagli appuntamenti social al gaming

Friendster, lanciato nel 2002, è stato descritto come:

… una comunità online che connette le persone attraverso reti di amici per uscire o fare nuove amicizie.

Il suo fondatore, Jonathan Abrams, ha depositato diversi brevetti , inclusi metodi per connettere gli utenti in base alle loro relazioni, gestire le connessioni e indurre il caricamento di contenuti in un social network.

Dal 2010 fino alla sua fine nel 2015, Friendster ha spostato l’attenzione da una rete per connettere gli amici a una “… destinazione di gioco social”.

Ha permesso alle persone di connettersi, giocare e condividere i propri progressi.

L’ascesa delle piattaforme social più popolari

All’inizio degli anni 2000, abbiamo visto il lancio di molti dei migliori social network ancora oggi popolari.

LinkedIn

Lanciato nel 2003, LinkedIn ha creato uno spazio di social networking per i professionisti per rafforzare le loro connessioni di rete per migliori opportunità di carriera.

Consente alle persone di entrare in contatto con colleghi ed ex studenti universitari, trovare lavoro e consigliare servizi professionali.

Oggi la rete conta oltre 830 milioni di membri in tutto il mondo.

Myspace

Poco dopo LinkedIn, Myspace sarebbe stato lanciato nell’agosto 2003 .

Era uno spazio per gli amici, dove si potevano creare profili personalizzati, mettere in evidenza i migliori amici preferiti, incontrare gli amici dei propri amici, pubblicare blog, condividere foto, postare nei forum, entrare in gruppi, scoprire musica e giocare.

Nel 2013, Myspace si è rinominato come portale musicale per connettere le persone con i loro artisti preferiti ed è un social network incentrato sulla musica.

Facebook

Il 2004 ha visto il lancio di Facebook (prima noto come Thefacebook). Creato da Mark Zuckerberg per connettersi con altri studenti di Harvard, la popolarità di Facebook è esplosa. Alla fine del 2004 contava oltre 1 milione di utenti .

Da allora, è diventato il secondo social network più grande, vantando 3 miliardi di utenti in tutto il mondo.

Flickr

Nel 2004, Flickr è diventato il primo social network per la condivisione di foto.

Nel 2019, la rete aveva oltre 100 milioni di account e si considera ancora la “… la migliore applicazione di condivisione e gestione delle foto online al mondo”.

Reddit

Nel 2005, Alexis Ohanian e Steve Huffman hanno lanciato Reddit come luogo in cui gli utenti potevano condividere contenuti, discutere argomenti di interesse e votare le storie più popolari.

Da allora Reddit ha sviluppato una base di oltre 430 milioni di utenti, 100mila comunità e 13 miliardi di post e commenti.

Twitter

Nel 2006, Jack Dorsey, Evan Williams, Biz Stone e Noah Glass hanno lanciato Twitter .

L’idea alla base della loro rete era semplice: consentire agli utenti di inviare brevi messaggi fino a 140 caratteri ad amici e conoscenti.

Ora, la base di utenti di Twitter di 436 milioni può inviare tweet con un massimo di 280 caratteri con immagini e video.

Tumblr

Tumblr , fondato nel 2007 da David Karp , consente agli utenti di pubblicare blog, seguire altri blogger e commentare contenuti interessanti.

La community, ora gestita dal CEO Matt Mullenweg, fondatore di WordPress, conta oltre 472 milioni di utenti e 550 milioni di blog.

Sina Weibo

Lanciato nel 2009, Sina Weibo è la risposta cinese a Twitter. Il servizio di microblogging conta attualmente 582 milioni di utenti.

Pinterest

Ben Silbermann, Evan Sharp e Paul Sciarra hanno fondato Pinterest nel 2010.

L’autoproclamato motore di individuazione visiva consente agli utenti di aggiungere immagini ai segnalibri come pin per creare una bacheca di visione virtuale piena di idee. La rete ospita oltre 433 milioni di utenti e 200 miliardi di pin.

Instagram

Il 2010 ha visto anche il lancio di Instagram da parte dei fondatori Kevin Systrom e Mike Krieger.

Il servizio di condivisione di foto e video, acquisito da Facebook nel 2012 , è cresciuto fino a raggiungere 1,4 miliardi di utenti e ha ampliato le sue funzionalità per includere lo streaming video live e i post acquistabili.

Quora

Gli ex dipendenti di Facebook Adam D’Angelo e Charlie Cheever hanno lanciato Quora nel 2010.

La rete sociale di domande e risposte mirava a riunire persone con domande ed esperti in settori specifici per fornire risposte.

Ospita 300 milioni di utenti, inclusi ex presidenti e celebrità popolari .

Snapchat

Nel 2011, gli studenti della Stanford University Evan Spiegel, Reggie Brown e Bobby Murphy hanno inventato Snapchat .

Sebbene inizialmente considerata una ” idea terribile ” dai compagni studenti in una classe di design del prodotto, questa rete sarebbe poi diventata uno dei migliori social network per adolescenti e sede di oltre 347 milioni di utenti.

Telegram

Nikolai e Pavel Durov hanno fondato Telegram nel 2013. L’app social si concentra sulla fornitura di messaggistica istantanea e chiamate vocali sicure.

Attualmente conta oltre 700 milioni di utenti.

Discord

Gli appassionati di giochi Jason Citron e Stan Vishnevskiy hanno fondato Discord come servizio di comunicazione vocale, video e di testo nel 2015.

Sin dall’inizio, si è espansa dal concentrarsi sulla comunità di gioco al dare spazi a qualsiasi comunità interessata in cerca di un posto a cui appartenere.

Discord ospita ora oltre 150 milioni di utenti e 19 milioni di server con 4 miliardi di discussioni.

TikTok

TikTok (o Douyin in Cina) è stato lanciato a livello internazionale nel 2017 dopo essere stato acquisito da ByteDance e fuso con Musically.

Conosciuta come la destinazione principale per i video mobili in formato abbreviato, ha oltre 1 miliardo di utenti ed è l’app più scaricata al mondo.

Clubhouse

Paul Davison e Rohan Seth hanno fondato Clubhouse nel 2020 come social network per l’hosting di chat room vocali.

Sebbene fosse iniziato solo su invito, ora è aperto al pubblico e disponibile per gli utenti Apple e Android. A febbraio 2021, contava 10 milioni di utenti attivi settimanali .

Menzioni d’onore

Sfortunatamente, non tutti i social network hanno avuto successo a lungo termine. In questa sezione troverai alcuni nomi importanti nella storia dei social media che sono arrivati, hanno lasciato il segno e sono svaniti nel nulla.

Orkut

Nel periodo in cui Facebook e Flickr sono entrati nel panorama sociale, Google ha lanciato il suo primo social network nel 2004: Orkut. Vantava 300 milioni di membri al suo apice fino alla chiusura nel 2014.

Google+

Un altro prodotto social di Google, Google+ , è stato lanciato nel 2011. Sebbene fosse integrato con altri prodotti di Google, incluso YouTube, e vantasse oltre 500 milioni di utenti “identità”, alla fine sarebbe stato chiuso nel 2019 .

Vine

Nel 2012, Colin Kroll, Rus Yusupov e Dominik Hofmann hanno lanciato un unico social network di video, Vine . Ha consentito agli utenti di condividere brevi video in loop. Twitter ha acquisito la piattaforma nel 2013 ma alla fine l’ha chiusa nel 2019 .

Periscope

Il servizio di video in live streaming Periscope è stato lanciato nel 2015 dopo essere stato acquisito da Twitter. Alla fine Twitter ha incorporato lo streaming live nella sua rete, chiudendo Periscope come app autonoma nel 2021 .

Condividi su:

valerio sanna

Vsx Blog : il mio punto di vista sul mondo del web, dell'innovazione e della scienza.

Leggi Precedente

La modalità DFU ti aiuta a risolvere 5 problemi di iPhone

Leggi Prossimo

Cos’è la modalità Ritratto su iPhone (e come si usa)

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Social media & sharing icons powered by UltimatelySocial