• 27 Novembre 2022

Uno scienziato propone la vita su Marte, ma sotto la superficie

vita su Marte
Condividi su:


Sebbene la vita su Marte non sia stata ancora trovata, un astrofisico pensa che potrebbe esserci vita … sotto la superficie.

Dimitra Atri, ricercatore presso il Center for Space Science presso la NYU Abu Dhabi, ritiene che le condizioni della superficie subacquea di Marte potrebbero ospitare molecole organiche.

Atri spera che le prossime esplorazioni del pianeta, come le missioni di SpaceX e la missione ExoMars dell’Agenzia spaziale europea nel 2022 , confermeranno la sua ipotesi.

Sopra la superficie, Marte non è molto ospitale. A parte piccole quantità di acqua in salamoia, calotte polari e minerali idratati, il Pianeta Rosso manca delle risorse necessarie per sostenere la vita. Gli ossidanti e i composti chimici noti come perclorati, quando attivati ​​dal calore, distruggono potenziali biomolecole e biofirme chimiche.

Sotto la superficie potrebbe esserci vita su Marte.

Un motivo per scavare in profondità sul pianeta rosso è che c’è più acqua laggiù.

Sebbene l’ambiente sub-superficiale marziano non sia stato ancora sondato direttamente, le osservazioni satellitari e le misurazioni del rover hanno mostrato grandi depositi di ghiaccio. I depositi di ghiaccio si trovano a una profondità di 1 metro sotto la superficie, estendendosi fino a diversi chilometri di profondità.

Un altro motivo per esplorare il sottosuolo è che ci sono radiazioni.

I raggi cosmici galattici

La superficie marziana è bombardata da Galactic Cosmic Rays (GCR), particelle energetiche cariche che penetrano a pochi metri sotto la superficie.

Secondo Atri, il costante bombardamento dei raggi cosmici galattici (GCR) penetranti fornisce l’energia necessaria per catalizzare l’attività organica in quel luogo.

Uno dei requisiti più importanti per l’esistenza della vita è il disequilibrio chimico, dice Atri, e la radiazione dei GCR offre quel tipo di interruzione, avviando un processo chimico noto come radiolisi.

Disequilibrio di supporto alla vita su Marte

E sotto la superficie di Marte, la radiazione dei Raggi Cosmici Galattici crea continuamente una “zona radiolitica indotta da GCR” generando un’area di disequilibrio che è potenzialmente di supporto alla vita.

Atri propone che la radiazione cosmica galattica, che può penetrare diversi metri sotto la superficie, indurrà reazioni chimiche che possono essere utilizzate per l’energia metabolica dalla vita.

Lo studio di Atri

Le scoperte di Atri sono riportate nello studio sul potenziale biologico dei raggi cosmici galattici sotto la superficie di Marte. nella rivista Scientific Reports, Springer Nature .

Sulla base dei risultati degli esperimenti di chimica delle radiazioni e delle osservazioni di ghiacci e comete interstellari, è altamente probabile che le molecole prebiotiche siano presenti sotto la superficie

afferma Atri nell’introduzione del suo rapporto.

Utilizzando una combinazione di modelli numerici, dati di missioni spaziali e studi di ecosistemi di grotte profonde sulla Terra per la sua ricerca, Atri propone meccanismi attraverso i quali la vita, se mai esistita su Marte, potrebbe sopravvivere ed essere rilevata con la prossima missione ExoMars (2022 ) dell’Agenzia spaziale europea e della Roscosmos Space Corporation.

La ExoMars invierà il rover Rosalind Franklin a scavare due metri di profondità nella superficie marziana e prelevare campioni per lo studio.

Missione ExoMars 2022
Condividi su:

valerio sanna

Vsx Blog : il mio punto di vista sul mondo del web, dell'innovazione e della scienza.

Leggi Precedente

Ottimizza il sito per l’indicizzazione Mobile-First di Google [aggiornato]

Leggi Prossimo

La velocità del sito web è fondamentale per il tuo successo SEO

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Social media & sharing icons powered by UltimatelySocial