• 26 Settembre 2022

Trasformare la spazzatura in denaro: Possibile?

Trasforma spazzatura in denaro

Trasforma spazzatura in denaro

Condividi su:

La Slovenia è diventata un hub per la raccolta di rifiuti da tutto il mondo e per la loro conversione in una risorsa di alto valore, in pratica grazie ad un’elaborata serie di alterazioni riesce a trasformare la spazzatura in denaro.

La Slovenia accoglie con favore la nuova economia circolare

La Repubblica di Slovenia è nata dopo lo scioglimento della Jugoslavia nel 1991.

Confina con Croazia, Ungheria, Austria e Italia, ha una popolazione di poco più di due milioni di individui. Nonostante le sue dimensioni ridotte, la Slovenia è emersa come uno dei nuovi membri economicamente più riusciti dell’Unione Europea, con un’economia mista costruita sull’industria e un settore turistico in crescita. 

Si sta anche tranquillamente affermando come un banco di prova per la nuova economia circolare grazie alle ambizioni dell’azienda produttrice di nylon Aquafil, che ha fatto della Slovenia la sua base operativa. Aquafil ha sviluppato una catena di approvvigionamento globale che attraversa cinque continenti interamente costruita sui rifiuti. 

Dal 2011, l’azienda sta trasformando questi rifiuti in materiale di base per una serie di nuovi prodotti in nylon.

AJDVOŠČINA: un hub improbabile per i rifiuti globali

Ogni anno, oltre 40.000 tonnellate di nylon di scarto arrivano in questo magazzino nella cittadina slovena di Adjvoščina, vicino al confine con l’Italia. 

Si presenta in una grande varietà di forme: dalle reti da pesca finemente filamentose compresse in balle strette a enormi bobine di corda, pile impolverate di vecchi tappeti sintetici, ritagli di tessuto rimanenti dalla produzione di abbigliamento. I rifiuti vengono portati qui da tutto il mondo, fino a Cina, Nuova Zelanda, America e Camerun, provenienti da una rete mondiale di fornitori. 

Una delle maggiori sfide per Aquafil è stata quella di stabilire una catena di approvvigionamento affidabile su vasta scala, lavorando con aziende e istituzioni che non avevano precedenti esperienze nella fornitura. Oltre alle sfide logistiche, trasformare la spazzatura in denaro non è una sfida da poco.

Cinque decenni d’innovazione in Nylon

Giulio Bonazzi è presidente e CEO di Aquafil, suo padre iniziò a produrre nylon negli anni sessanta, dopo essersi diversificato dalla vendita di impermeabili. Quando Giulio Bonazzi divenne sempre più consapevole dei costi ambientali associati al nylon di scarto, che impiega decenni per biodegradarsi, decise di esplorare metodi di produzione alternativi. 

Nel 2007 ha avviato un ampio progetto di ricerca e sviluppo per esplorare la possibilità di riutilizzare il nylon, non attraverso il riciclaggio meccanico ma attraverso un processo che lo scompone nei suoi blocchi chimici. Ci sono state due grandi sfide nel fare questo: Aquafil aveva bisogno di stabilire una catena di approvvigionamento globale della “spazzatura”

Disassemblamento del nylon

Lo stabilimento Aquafil nella capitale slovena di Lubiana ha uno dei sistemi di depolimerizzazione più avanzati al mondo. Invece di reperire la materia prima per il suo filo ECONYL brevettato dall’industria petrolchimica, disassembla i rifiuti di nylon, scomponendoli dal loro stato polimerico in un monomero per creare un prodotto puro come qualsiasi altro derivato dal petrolio. 

I rifiuti non raffinati vengono prima spezzettati da macchinari pesanti in scarti più piccoli, che vengono immessi in un impianto chimico in cui la reazione chimica consente ai polimeri di diventare nuovamente monomeri. Questi monomeri vengono quindi purificati e il risultato è il caprolattame rigenerato, l’ingrediente di base del nylon. Il caprolattame viene quindi ri-polimerizzato per creare pellet che vengono filati nel filato ECONYL.

Trasformare la spazzatura in denaro

Migliaia di bobine di filo ECONYL attendono di essere imballate e inviate ai clienti nei settori della moda e dell’homeware. 

Aquafil produce attualmente 100 tonnellate di filato ogni 24 ore, con la sua fabbrica attiva giorno e notte. Il filo viene trasportato tramite zip line in un’area di imballaggio, dove i robot li posizionano in scatole di cartone per il trasporto. Sebbene la fabbrica non sia ancora carbon neutral, ha trovato il modo di ridurre al minimo le perdite di energia, incluso l’utilizzo di acqua calda da un parco acquatico vicino. 

L’obiettivo a lungo termine dell’azienda è quello di costruire un sistema a circuito chiuso in cui i prodotti di fine vita (rifiuti) forniscono le materie prime per i nuovi con zero emissioni associate.

Usare la chimica in modo green

Un numero crescente di aziende lungimiranti sceglie di passare al thread ECONYL. 

Prada ha lavorato a stretto contatto con Aquafil per creare la sua nuova collezione Re-Nylon, un risveglio del 21 ° secolo delle iconiche borse in nylon della maison italiana. Marchi come Prada si trovano in una posizione unica per influenzare sia i consumatori che i partner del settore, rendendo la sostenibilità una priorità. Creando meravigliosi prodotti da ciò che la società ha a lungo considerato rifiuti, ovvero materiale indesiderato o inutilizzabile, stanno aiutando a spostare idee errate sia sulle risorse che su ciò che costituisce un prodotto desiderabile di alto valore.

Pionieri dell’economia circolare

Attualmente ECONYL rappresenta il 37 percento delle vendite totali di fibre di Aquafil e Prada prevede di trasferire tutta la sua produzione di nylon in nylon rigenerato entro la fine del 2021, ecco cosa si intende per trasformare la spazzatura in denaro, l’industria della moda può fornire un grosso contributo a questa evoluzione.

Partenariati tra industria e vendita al dettaglio come questo stanno gradualmente aiutando a trasformare l’industria in pioniere dell’economia circolare. Anche i consumatori svolgono un ruolo cruciale grazie alle scelte d’acquisto che fanno, così come i designer, che hanno l’opportunità di rendere principi come la circolarità, il benessere sociale e la sostenibilità ecologica fondamentali per il loro processo creativo.

Condividi su:

valerio sanna

Vsx Blog : il mio punto di vista sul mondo del web, dell'innovazione e della scienza.

Leggi Precedente

Le 6 migliori app per organizzare le e-mail nell’iPhone

Leggi Prossimo

Cinque tattiche innovative per il tuo marketing dei contenuti

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Social media & sharing icons powered by UltimatelySocial