• 23 Febbraio 2024

Google Rank Brain, che cos’è e come funziona

google rankbrain cosa cambia nella serp

google rankbrain cosa cambia nella serp e nelle query

Condividi su:

L’esperienza utente influenza sempre più i risultati di ricerca, Google Rank Brain è diventato una tendenza SEO molto importante e il trend è in crescita.

In effetti, Google aveva annunciato in precedenza che Rank Brain sarebbe stato il terzo fattore di classifica più importante nelle serp:

“Nei pochi mesi in cui è stato distribuito, RankBrain è diventato il terzo segnale più importante che ha contribuito al risultato di una query di ricerca”.

La domanda è: Che cos’è Google Rank Brain, esattamente? E come puoi ottimizzare un sito per sfruttarlo?

RankBrain è un sistema di apprendimento automatico che consente a Google di ordinare i risultati di ricerca.

Potrebbe sembrare complicato, ma non lo è.

Google Rank Brain misura semplicemente il modo in cui gli utenti interagiscono con i risultati della ricerca e li classifica di conseguenza.

Ad esempio, supponiamo che cerchi “aperol spritz” su Google.

Il risultato n. 5 sembra particolarmente allettante. Quindi fai rapidamente clic su questo link.

E quando arrivi lì … wow! È il miglior articolo sull’aperol spritz che tu abbia mai letto, proprio quello che cercavi, quindi tu leggi ogni parola.

RankBrain prenderà nota … e probabilmente darà al risultato # 5 a un aumento in classifica.

D’altra parte, diciamo che fai la stessa ricerca. Ma questa volta, fai clic sul risultato n. 1 senza nemmeno guardare.

Ma il contenuto è TERRIBILE. Quindi rimbalzi dalla pagina dopo pochi secondi.

E fai clic sul risultato n. 5 per trovare qualcosa che vale davvero la pena leggere.

RankBrain noterà anche questo. E se abbastanza persone rimbalzano rapidamente dal numero uno, Google lo farà sparire dal primo posto.

Come puoi vedere, RankBrain si concentra su due cose:

  • Quanto tempo passa qualcuno sulla tua pagina ( Dwell Time )
  • La percentuale di persone che fanno clic sul tuo risultato (Click Through Rate)

Rank Brain e Dwell Time

Il Dwell Time non è altro che il tempo di permanenza = quanto tempo un utente che cerca su Google, trascorre sulla pagina.

A quanto pare, Rank Brain presta MOLTA attenzione al Tempo di permanenza nella pagina di destinazione.

In effetti, il capo di Google Brain in Canada ha recentemente confermato che Google utilizza Dwell Time come segnale di classificazione.

Ha dichiarato che RankBrain misura quando:

“Qualcuno fa clic su una pagina e rimane su quella pagina e quando torna indietro”

E un recente studio di settore di SearchMetrics supporta questa affermazione. Hanno scoperto che il Tempo di permanenza medio per un risultato in top 10 su Google è di 3 minuti e 10 secondi .

Se hai passato del tempo a scavare all’interno del tuo Google Analytics, sai che un Dwell Time di oltre 3 ​​minuti è legittimo.

E non è un caso che le pagine con Dwell Time elevato tendono a classificarsi meglio. In effetti, RankBrain sta scalando queste pagine proprio per quel motivo.

Questo ha senso se ci pensi:

Se passi molto tempo su una pagina, probabilmente ti piace il contenuto di quella pagina.

E se abbastanza persone la pensano allo stesso modo, Google migliorerà la posizione di tale contenuto per renderlo più facile da trovare.

Google Rank Brain e click through rate (CTR) organici

L’ingegnere di Google Paul Haahr ha suscitato scalpore nel mondo SEO quando ha presentato questa diapositiva ad una conferenza:

Questa diapositiva dice fondamentalmente:

A volte RankBrain classifica le pagine più in alto di quanto meriterebbero.

E se quella pagina ottiene un CTR superiore alla media, Google lo usa come segno che la pagina dovrebbe ottenere un aumento permanente nella classificha.

Questa non dovrebbe essere una sorpresa. Dopo tutto, se nessuno fa clic sul tuo risultato, perché Google dovrebbe tenerlo in prima pagina?

E se il tuo sito viene cliccato come se non ci fosse un domani, perché Google dovrebbe tenerlo nascosto in posizione 9 ?

Il posizionamento su Google è un lavoro molto complesso, non ci sono trucchi magici, bisogna essere sempre aggiornati e migliorare costantemente la qualità dei contenuti, contattaci per maggiori informazioni.

Condividi su:

valerio sanna

Vsx Blog : il mio punto di vista sul mondo del web, dell'innovazione e della scienza.

Leggi Precedente

Facebook lancia la nuova app Thread, un altro clone di Snapchat

Leggi Prossimo

Vedremo mai in commercio lo smartphone arrotolabile di LG ?

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Social media & sharing icons powered by UltimatelySocial