• 27 Novembre 2022

Google premia il contenuto ma soprattutto gli approfondimenti

contenuto e approfondimenti per google

contenuto e approfondimenti per google

Condividi su:

In passato, Google analizzava il codice HTML della tua pagina per vedere quante volte avevi utilizzato una parola chiave specifica. Ora Google premia il contenuto ma soprattutto gli approfondimenti.

In passato il famoso motore di ricerca si concentrava al 100% sui contenuti della tua pagina, tralasciando il contesto e l’effettiva utilità e leggibilità del testo. Lo spider di Google visitava la tua pagina per verificare se la tua parola chiave era presente nel tuo:

  • Tag del titolo
  • URL
  • Testo ALT dell’immagine
  • Tag descrizione
  • Tag H1

Per essere onesti, guarda ancora alle tradizionali informazioni SEO on-page. Ma Google di oggi è MOLTO più intelligente di un tempo.

Quindi, invece di misurare solo i contenuti , ora si concentra sul contesto . Cosa voglio dire?

Il lavoro n. 1 di Google è mostrare ai suoi utenti il ​​risultato MIGLIORE POSSIBILE. E nella maggior parte dei casi, il risultato “migliore” non è un contenuto pieno di parole chiave, spesso ripetitive e sgrammaticate.

Le pagine migliori coprono un intero argomento in modo approfondito.

Con contenuti approfonditi, un ricercatore di Google ottiene tutto ciò di cui ha bisogno in un unico posto.

In effetti, recenti studi effettuati sui fattori di ranking hanno rivelato che i contenuti approfonditi tendono a classificarsi meglio su Google.

Come scrivere contenuti completi e approfonditi

Innanzitutto, pubblica contenuti di almeno 2000 parole . In questo modo, puoi coprire tutto ciò che un ricercatore di Google deve sapere su quell’argomento. Gli studi sui fattori di ranking hanno rivelato che i contenuti più lunghi (come le guide complete, gli approfondimenti e i post di lunga durata nei blog) hanno superato gli articoli brevi su ​​Google:

Posizione nella SERP di Google rispetto al numero di parole nel contenuto
Posizione nella SERP di Google rispetto al numero di parole nel contenuto

Pubblica contenuti autorevoli e sempreverdi

Nel 2018 BuzzSumo ha analizzato 100 milioni di articoli . Che cosa hanno scoperto?

Prima le cattive notizie :

  • Il post medio su un blog ottiene un totale complessivo di QUATTRO condivisioni totali di social media
  • Il traffico di Facebook è in calo del 50% dal 2015
  • Il 70% di tutti i contenuti online ottiene ZERO backlink

Adesso le buone notizie:

I contenuti sempreverdi, quelli che mantengono inalterato il loro valore per lungo tempo sono quelli che lentamente ma inesorabilmente scalano le classifiche di Google

Steve Rayon , fondatore di BuzzSumo ha concluso la sua ricerca dicendo:

La maggior parte dei contenuti non raggiunge lo zero o la prima posizione, ma la ricerca autorevole e il contenuto di riferimento continuano a guadagnare link. In particolare, l’ autorevole contenuto evergreen guadagna costantemente condivisioni e collegamenti nel tempo

Aggiungi parole chiave “correlate” al tuo contenuto

Una volta che hai fatto gli ultimi ritocchi sul tuo mostro di 2000 parole, aggiungi ad esso le parole chiave LSI .

Le parole chiave LSI (Latent Semantic Indexing) sono parole e frasi fortemente associate all’argomento della tua pagina.

Ad esempio, diciamo che hai appena pubblicato un articolo sulle “ore di sonno minime” .

Le parole chiave LSI che io chiamerò semplicemente CORRELATE potrebbero essere termini come:

  • Dormire bene
  • Ore di sonno raccomandate
  • Calcolo ore di sonno
  • Quante ore dormire per star bene
  • Quante ore dormire per studiare

E quando Google vede queste parole chiave correlate sulla tua pagina, pensa: “Fantastico! Questa pagina ovviamente copre questo argomento in modo approfondito. “

Come si fa effettivamente la ricerca per parole chiave di correlate? Ecco due semplici strategie:

parole chiave correlate suggerite da Google
parole chiave correlate suggerite da Google

Innanzitutto , usa il buon vecchio Google. Cerca solo la tua parola chiave di destinazione. Quindi controlla la sezione “Ricerche correlate a …” nella parte inferiore dei risultati della ricerca.

Naturalmente alcune correlazioni le puoi creare da solo utilizzando dei semplici sinonimi.

Infine , puoi modificare utilizzare Google Keyword Planner per trovare nuove idee per le parole chiave correlate. Ecco come:

Inserisci la tua parola chiave nello Strumento di pianificazione delle parole chiave di Google. E fai clic su “Inizia”.

Trova nuove parole chiave con Google Keyword Planner
Trova nuove parole chiave con Google Keyword Planner 

Quindi controlla i risultati, mettili in ordine per “media ricerche mensili” e scegli quelle con una media decente (rispetto alla ricerca complessiva della tua parola chiave ” ore di sonno minime ) , tralasciando eventuali suggerimenti fuori contesto (come il primo in questo esempio).

ricerca da Google Keyword Planner
ricerca da Google Keyword Planner

A questo punto è importante inserire queste parole nel contesto in modo sensato e razionale, se si eccede con gli inserimenti allora Gogle se ne accorgerà, ricordate di scrivere sempre il contenuto per l’utente non per Google.

L’intelligenza artificiale utilizzata per scansionare i contenuti è sempre più “SMART” e vi consiglio di non tentare scorciatoie , non ce ne sono, la qualità del contenuto è al primo posto, sempre!

Condividi su:

valerio sanna

Vsx Blog : il mio punto di vista sul mondo del web, dell'innovazione e della scienza.

Leggi Precedente

Il telefono più sicuro per la privacy

Leggi Prossimo

Come collegare un iPhone alla TV

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Social media & sharing icons powered by UltimatelySocial