• 22 Maggio 2024

Completamento automatico di Google: un grande aiuto per la SEO

Completamento automatico di Google
Condividi su:

Scopri come utilizzare il completamento automatico di Google come parte dei processi di ricerca di parole chiave e argomenti per una strategia SEO più intelligente.

Il completamento automatico di Google è una funzione di ricerca controversa ma potente.

Quando digiti una parola, o anche una lettera, su Google, viene compilato un elenco di suggerimenti per la ricerca. Ecco cos’è il completamento automatico.

Professionisti SEO, esperti di marketing di ricerca a pagamento, marketer di contenuti e gestori di social media possono trarre vantaggio dall’utilizzo del completamento automatico di Google per avere dei suggerimenti con diversi progetti incentrati sulle parole chiave.

D’altra parte, il completamento automatico di Google fa spesso notizia per abitudini divertenti, peculiari o addirittura offensive ( spesso in modo negativo ).

Le persone usano il completamento automatico costantemente, risparmiando tempo ogni giorno, ma è stato anche accusato di insabbiamenti politici e spoiler di film, programmi TV e videogiochi.

Il completamento automatico di Google può anche essere un potente strumento di marketing. I professionisti SEO e altri marketer digitali lo usano da anni per migliorare la strategia, ottenere parole chiave e trovare le domande importanti che i clienti si pongono.

Possono utilizzare il completamento automatico per ottimizzare al meglio i contenuti e i messaggi da inviare.

Questa guida ti aiuterà a capire il vero potere che questa funzione semplice ma super utile può fare per aiutarti con le tue attività quotidiane.

Che cos’è il completamento automatico di Google?

Per usare le parole di Google, il completamento automatico di Google è “progettato per rendere più veloce il completamento delle ricerche che stai iniziando a digitare”.

È integrato in Ricerca Google e altre proprietà di Alphabet che utilizzano Google, incluso in “Omnibox” su Chrome.

Google stima che, cumulativamente, risparmi oltre 200 anni di digitazione ogni giorno e in media riduce la digitazione complessiva di circa il 25%.

Lo scopo principale del menu a discesa Completamento automatico è ridurre il tempo che un utente dedica alla digitazione offrendo previsioni su ciò che un utente potrebbe digitare, anche per i siti Web che utilizzano la funzione integrata del motore di ricerca personalizzato di Google .

Sebbene il completamento automatico sia stata una funzione di ricerca desktop dalla fine del 2004, è diventata ancora più utile come funzione per risparmiare tempo sui dispositivi mobili.

Digitare su un dispositivo mobile è un po’ più difficile che farlo sulle grandi tastiere con cui siamo cresciuti e a cui siamo abituati, quindi è uno strumento apprezzato per fornire assistenza e risparmiare tempo.

Esistono molti altri modi utili in cui la funzionalità può essere utilizzata per sfruttare idee di contenuti, suggerimenti di parole chiave, esplorazione delle intenzioni, gestione della reputazione online e altre attività basate sui dati.

Come funziona il completamento automatico?

L’ex googler Kevin Gibbs ha creato il progetto, originariamente chiamato “ Google Suggest ” da un’altra ex googler Marissa Mayer.

Da allora Google si è allontanato dal nome “Suggerisci” poiché non offre sempre le previsioni più ponderate, premurose o appropriate.

Google chiama i completamenti che offre “previsioni”, non “suggerimenti”. Ciò è dovuto al modo in cui funziona il completamento automatico.

Il completamento automatico dovrebbe aiutare le persone a completare una frase che intendevano , non suggerire un intento di ricerca, come con “Mi sento fortunato”. Determinano le previsioni esaminando le ricerche comuni su Google, comprese le ricerche di tendenza che potrebbero essere pertinenti.

Ciò consente al completamento automatico di aggiornare e adattarsi rapidamente alle nuove tendenze di ricerca e alle notizie.

Gran parte del comportamento di Autocomplete è generato dal computer, con dati raccolti da milioni di altre ricerche su Google e dai relativi risultati, incluso il contenuto di quelle pagine. Prende anche informazioni dalla cronologia delle ricerche, dalla posizione e da altri punti dati.

Google ha anche lavorato molto per evitare suggerimenti di completamento automatico inappropriati o offensivi. Ciò significa che esistono procedure di rimozione sia automatizzate che manuali che possono influenzare i suggerimenti di completamento automatico rimasti.

Solo dal 2008 Google ha integrato il completamento automatico nel suo motore di ricerca predefinito (in precedenza era una funzione da attivare).

Come utilizzare il completamento automatico di Google

Vediamo quali sono i modi più utili per utilizzare il completamento automatico di Google:

Ricerca per parole chiave

È un compito lungo, noioso e laborioso, ma è anche il fondamento di tutte le strategie SEO e lo è da molto tempo.

Anche se potremmo non indirizzare più esplicitamente le parole chiave, queste ultime e le relative idee saranno sempre una parte importante del marketing di ricerca.

La ricerca per parole chiave è uno dei primi compiti affrontati all’inizio di un coinvolgimento – e portato avanti durante tutto il coinvolgimento – per comprendere non solo un marchio e il contenuto che crea, ma anche le sue potenziali carenze, i punti di forza e di debolezza del sito Web e le lacune nei contenuti.

Il completamento automatico non fa tutto il lavoro per te in termini di ricerca di parole chiave, ma è un ottimo punto di partenza o da utilizzare spesso quando si sviluppano calendari di contenuti e strategie di ricerca organica generali.

Usalo (insieme ad altri strumenti di risorse per le parole chiave come lo Strumento di pianificazione delle parole chiave di Google e altri database di parole chiave di terze parti) per avere un’idea delle parole chiave giuste a cui vuoi rivolgerti considerando la frequenza di ricerca mensile, la concorrenza e persino il costo per clic (CPC ) il prezzo renderà giustizia alla tua strategia di ricerca.

Uno dei grandi vantaggi del completamento automatico di Google è la sua capacità di scoprire parole chiave a coda lunga di qualità che vengono comunemente ricercate sul Web.

Poiché la misura principale per il completamento automatico è la popolarità, basata sulle ricerche reali degli utenti in tempo reale, il valore del completamento automatico risiede nella sua pletora di dati a livello di parole chiave che puoi recuperare se ci lavori duramente e abbastanza a lungo.

Come sempre, assicurati di essere disconnesso da Google per assicurarti di limitare la personalizzazione e ottenere uno sguardo imparziale sulle previsioni.

Le parole chiave a coda lunga sono incredibilmente utili per colmare le lacune nei contenuti, ma offrono anche infinite possibilità in termini di post di blog di alto valore e contenuti educativi all’interno della nicchia di un marchio.

Esplorazione dell’intento

Comprendere l’intento dell’utente è importante perché guida l’obiettivo della pagina, i suoi messaggi, il suo layout e persino le immagini. Sappiamo che le pagine funzionano meglio quando soddisfano pienamente l’intento dell’utente di una query di ricerca.

Puoi utilizzare il completamento automatico per comprendere meglio l’intento dell’utente, ma farlo può essere complicato e laborioso. Prendersi il tempo per visitare molte pagine Web diverse nei risultati di ricerca legati a previsioni specifiche richiederà tempo, concentrazione e consumo di contenuti. Ma le informazioni che puoi estrarre da questo metodo sono inestimabili.

Le parole chiave si sovrappongono a varie fasi dell’intento dell’utente e, senza più contesto delle parole chiave, può essere difficile capire l’intento.

Il completamento automatico ti aiuterà non solo a comprendere diverse parole chiave a coda lunga di alto valore e l’intento che le circonda, ma aiuterà anche i professionisti del marketing a riconoscere il volume dei contenuti attorno a fasi specifiche dell’intento, nonché quali frasi a coda lunga e intenti potrebbero essere ottimizzati per una priorità più alta.

Naturalmente, per le parole chiave di alto valore – frasi a coda lunga o tradizionali di una, due e tre parole – è importante soddisfare tutte le fasi dell’intento in quanto si riferiscono alle parole chiave di alto valore.

Questa è l’idea alla base di una strategia di ricerca globale e di qualità. E il completamento automatico può aiutarti ad arrivarci.

Gestione della reputazione online

Il completamento automatico è stato significativo anche nel regno della gestione della reputazione online.

Ricorda, quando un utente cerca il tuo nome o il tuo marchio, la prima cosa che vede, anche prima del tuo sito sulla SERP (pagina dei risultati dei motori di ricerca), sono le previsioni di completamento automatico legate a quel nome.

Se tali previsioni sono negative, o anche solo una di esse è negativa, possono avere un impatto reale sulle prestazioni della tua attività.

Pensaci. Cerchi [Dog sitter] e la prima previsione finisce con “perde cane”, probabilmente non ti sentirai troppo entusiasta di affidargli il tuo cane giusto?

Lo stesso per un ristorante; se si cerca [Ristorante Pincopallo] e il pronostico termina con “chiuso dai NAS” Probabilmente cambierai ricerca vero?

Il completamento automatico costituisce una parte importante della gestione della reputazione online (ORM) e non può essere ignorato quando si lavora per bilanciare tutte le connessioni negative stabilite con i marchi.

Bisogna essere vigili, proprio come la maggior parte delle strategie ORM. Diversi modi in cui i marchi possono lavorare per compensare le previsioni di completamento automatico negative sono:

  • Prendi il controllo delle conversazioni del tuo marchio per assicurarti che vengano stabilite le giuste connessioni in Completamento automatico di Google.
  • L’ottimizzazione dell’account sui social media rafforza le connessioni positive che possono essere oscurate da quelle negative.
  • I contenuti, i messaggi e il coinvolgimento dei social media sono in linea con le ottimizzazioni di cui sopra e con la voce e il tono del marchio.
  • Branding e messaggistica coerenti per i siti Web con associazione di parole chiave positive utilizzate altrove.
  • Iniziare in piccolo e avere un impatto cercando connessioni positive per il marchio da diverse località. Ovviamente, più persone sono, meglio è. Ma saresti sorpreso dall’impatto che può avere.
  • Creazione di backlink alle SERP di Google per associazioni di parole chiave positive con il tuo nome; cose come [VSX design SEO] e [VSX design webmaster ] sarebbero grandi inizi per qualcuno come me.😊
  • Se sono presenti suggerimenti di completamento automatico negativi, assicurati di disporre di una strategia su come affrontarli.

Generazione ed esplorazione di contenuti

Ora puoi anche utilizzare il completamento automatico per la generazione di contenuti ed esplorare i contenuti della concorrenza per le tue idee di contenuto. È facile e interessante utilizzare il completamento automatico insieme ad altri strumenti di scrittura online per scoprire cosa stanno cercando gli utenti web.

Domande frequenti

Basta guardare “chi”, “cosa”, “dove”, “quando” e “perché” con alcune domande relative al marchio può farti ottenere un sacco di domande per le tue FAQ, domande che le persone potrebbero già cercare.

Parole chiave correlate

Puoi farlo in molti modi, per molte ragioni. Uno facile è “marchio vs.”. Google si riempirà automaticamente con i concorrenti. Puoi anche guardare “nome del marchio e” e vedere cosa trova il completamento automatico lì, trovando modi per espandere il tuo marchio.

Argomenti correlati

Se riesci a trovare suggerimenti di completamento automatico per argomenti correlati, che non sono coperti dal tuo argomento principale, potresti avere un vantaggio nel far crescere alcuni contenuti in quella nicchia.

Query come “come funziona *” possono essere inestimabili, il completamento automatico riempie lo spazio dei caratteri jolly con suggerimenti. Puoi anche farlo per trovare domande sul tuo marchio, domande per il marketing dei contenuti, trovare i problemi che i potenziali clienti stanno cercando e persino scoprire se gli utenti stanno cercando determinati account di social media.

Politiche di completamento automatico

Google lavora manualmente per prevenire previsioni di completamento automatico inadeguate quando si tratta di:

  • Previsioni sessualmente esplicite.
  • Predizioni odiose contro gruppi e individui.
  • Pronostici violenti.
  • Pericolo e attività dannose nelle previsioni.

Può anche rimuovere le previsioni che potrebbero essere considerate spam, facilitare o sostenere la pirateria, o se viene data una richiesta legale in tal senso.

Google chiarisce che rimuove le previsioni relative a una qualsiasi delle situazioni sopra menzionate a meno che non contengano termini medici o scientifici non dannosi.

In cerca di feedback

Per controllare meglio le previsioni di completamento automatico inadeguate, Google ha lanciato il suo strumento di feedback e utilizza i dati per apportare miglioramenti in modo coerente.

Ad esempio, non deve esserci un particolare gruppo demografico preso di mira da qualcosa di odioso in natura; e il feedback aiuta a scoprirlo più velocemente e più facilmente.

In cerca di feedback

Capire cosa stanno effettivamente cercando le persone è una parte essenziale della tua strategia SEO.

Scopri come puoi incorporare il completamento automatico di Google nel tuo processo di ricerca. Potresti semplicemente essere sorpreso dalle parole chiave specifiche e dall’intento di ricerca che rivela!

Condividi su:

valerio sanna

Vsx Blog : il mio punto di vista sul mondo del web, dell'innovazione e della scienza.

Leggi Precedente

Hanno inventato le lenti a contatto con lo zoom

Leggi Prossimo

Cos’è la fusione nucleare? Che differenza c’è con la fissione?

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Social media & sharing icons powered by UltimatelySocial