• 22 Maggio 2024

Hanno inventato le lenti a contatto con lo zoom

Lenti a contatto con lo Zoom

Lenti a contatto con lo Zoom

Condividi su:

Scienziati statunitensi e cinesi hanno lavorato insieme per sviluppare una lente a contatto morbida in grado di modificare la sua lunghezza focale al comando di chi la indossa, vere e proprie lenti a contatto con lo zoom.

Lenti a contatto discrete ma ad alta tecnologia che forniscono una visione migliorata (come la realtà aumentata) o scattano fotografie e video sono da tempo una caratteristica della fantascienza. Ora, un gruppo di esperti di materiali morbidi dell’Università della California-San Diego e dell’Harbin Institute of Technology cinese hanno collaborato per rendere le lenti a contatto reattive una realtà.

Le lenti a contatto sono controllate dai movimenti oculari di base

Ciò consente a chi le indossa di zoomare quando si sbattono due volte le palpebre.

Ciò è stato possibile misurando i segnali elettrooculografici (il piccolo potenziale elettrico tra la parte anteriore e posteriore dell’occhio) generati quando l’occhio compie determinati movimenti, come sbattere le palpebre, rotolare in su, giù, sinistra e destra, e creando una lente morbida che risponde a questi segnali. 

L’elettrooculografia viene comunemente utilizzata per valutare la funzione ottica, ma è stata anche utilizzata come input per l’interfaccia cervello-computer nei sistemi a comando neurale.

Quando la lente a contatto rileva i segnali associati a determinati movimenti, la sua lunghezza focale si sposta attraverso l’attivazione di diverse regioni di sottili film di elastomero, in un processo ispirato ai meccanismi biologici della maggior parte degli occhi dei mammiferi (compresi gli occhi umani). Ciò consente a chi le indossa di ingrandire o rimpicciolire usando semplici movimenti oculari.

Applicazioni delle lenti a contatto con lo zoom

Le lenti a contatto con lo zoom potrebbero essere preziose nelle protesi visive, nella robotica a distanza e negli occhiali regolabili.

In precedenza, un team di scienziati con sede presso l’Istituto Federale Svizzero di Tecnologia di Losanna aveva presentato una lente a contatto che permetteva a chi la indossava di ingrandire e rimpicciolire quando si faceva l’occhiolino, usando una minuscola serie di specchi di alluminio disposti in un anello attorno al centro dell’obiettivo. Tuttavia, questi obiettivi richiedono un paio di occhiali speciali per passare dalla visualizzazione standard a quella ingrandita.

I dispositivi realizzati con materiali morbidi, come alcuni polimeri, sono ritenuti preziosi nel futuro dell’assistenza sanitaria, della produzione e dell’interazione uomo-macchina. 

Sono di particolare interesse per i ricercatori medici, in particolare per le applicazioni chirurgiche , a causa della loro flessibilità e biocompatibilità e potrebbero anche svolgere un ruolo importante in vari campi della robotica grazie alla loro capacità di manipolare oggetti (come sollevare un essere umano, indagare in un ambiente difficile o raccogliere i frutti dagl’alberi) con minimo disagio, fatica o danno.

Condividi su:

valerio sanna

Vsx Blog : il mio punto di vista sul mondo del web, dell'innovazione e della scienza.

Leggi Precedente

Come visualizzare i post di Instagram senza account

Leggi Prossimo

Completamento automatico di Google: un grande aiuto per la SEO

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Social media & sharing icons powered by UltimatelySocial