• 31 Gennaio 2023

Il calo nel posizionamento di un sito spiegato da Google

calo nel posizionamento di un sito
Condividi su:

John Mueller di Google ha risposto sul calo nel posizionamento di un sito. Una volta che conosci i motivi, sarai in una posizione migliore per agire ed invertire questo declino.

Non sempre collegamenti e contenuti sono i copevoli

E’ stato chiesto a Mueller se i backlink di un sito preso come esempio (50% da un singolo sottodominio) e i contenuti (generati automaticamente) fossero da biasimare per il graduale calo nelle classifiche.

La risposta di Mueller:

“Non credo che nessuna delle modifiche che stai vedendo siano correlate a questi contenuti e a quei link particolari.

Ma probabilmente è … una cosa più generale. Quando vedi un calo graduale, per un periodo di tempo più lungo di quello che indica il naturale cambiamento delle classifiche, l’algoritmo sta leggermente cambiando, forse gli utenti stanno cercando in modi diversi o sono in attesa di diversi tipi di contenuto nei risultati di ricerca.

E questo non vuol dire che stai facendo qualcosa di sbagliato, cosa ha fatto cambiare tutto probabilmente sono gli interessi degli utenti.”

Secondo la risposta di John Mueller, ci sono almeno cinque problemi che possono causare un calo nel posizionamento di un sito.

Cinque cause del calo nel posizionamento di un sito.

  1. Cambiamenti dell’ecosistema.
  2. L’algoritmo è cambiato
  3. Le ricerche degli utenti sono cambiate
  4. Le aspettative sui contenuti degli utenti cambiano
  5. I cambiamenti graduali non derivano da grandi problemi con i siti Web

Articoli correlati: Google Rank brain, che cos’è e come funziona

Modifiche all’ecosistema

John Mueller non ha approfondito il significato di “Cambiamenti dell’ecosistema”. Tuttavia è chiaro che è qualcosa al di fuori del sito che gli fa perdere posizionamento.

Non è chiaro cosa intendesse Mueller, ma speculerei sul fatto che potrebbe essere qualcosa come la perdita dei link . Da tempo esiste la costante e naturale scomparsa dei link. I collegamenti scompaiono quando i siti vanno offline o le pagine Web vengono aggiornate o rimosse. È raro che un sito rimanga statico e lo stesso vale per i collegamenti.

Un altro esempio di cambiamento dell’ecosistema è un aumento della concorrenza.

L’effetto di un concorrente che migliora la sua attività promozionale è che i suoi siti aumenteranno di ranking. Ciò significa che il sito di qualcun altro perderà posizioni in classifica.

Il posizionamento di un sito è un processo che è sempre in movimento. Stai andando avanti o stai tornando indietro. Non c’è niente di fermo.

Modifiche all’algoritmo

C’è stato un grande cambiamento nel modo in cui i siti vengono classificati, in particolare dall’aggiornamento dell’algoritmo nell’agosto 2018.

Agosto 2018 è quando Google sembra concentrarsi maggiormente sulla classificazione dei siti Web e sul miglioramento della comprensione delle query di ricerca e delle pagine Web.

Ogni aggiornamento importante da quell’anno sembra riguardare la comprensione degli utenti quando effettuano ricerche e anche la valutazione se le pagine Web rispondono a tali domande.

Questi aggiornamenti dell’algoritmo hanno ridefinito il significato di una pagina web rilevante per una query di ricerca.

Dai una seconda occhiata

John Mueller ha concluso la sua risposta incoraggiando il proprietario del sito a dare una seconda occhiata al sito e provare a identificare cose che potrebbero essere migliorate.

Questo è il suo consiglio:

“Bisogna dare un’occhiata al sito in generale e trovare aree in cui è possibile apportare miglioramenti significativi . Assicurati che il tuo sito diventi più pertinente o i tuoi contenuti siano più interessanti per i tipi di utenti che stai tentando di conquistare”.

Articoli correlati: Cinque tattiche innovative per il tuo Marketing dei Contenuti

Mantieni la mente aperta!

Nel web ci sarà sempre quella cosa che sembra ovvia. Ma solo perché qualcosa è ovvio non significa che sia la spiegazione. Si distingue semplicemente ed è più evidente, ma non è detto che sia rilevante.

Quando si diagnostica ciò che non va in un sito, è importante mantenere una mente aperta. Non dare per scontato che la cosa ovvia che risalta subito sia la ragione del problema. Continua a cercare perché in caso di un graduale declino del traffico e del posizionamento, ci sono almeno cinque motivi per spiegare ciò che sta accadendo.

Condividi su:

valerio sanna

Vsx Blog : il mio punto di vista sul mondo del web, dell'innovazione e della scienza.

Leggi Precedente

6 modi per gestire la reputazione del marchio sui social media

Leggi Prossimo

4 modi per aumentare la privacy di Android ai livelli di iPhone

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Social media & sharing icons powered by UltimatelySocial