• 31 Gennaio 2023

4 modi per aumentare la privacy di Android ai livelli di iPhone

modi per aumentare la privacy di Android
Condividi su:

Uno dei motivi più interessanti per acquistare un iPhone negli ultimi anni è stato il costante impegno di Apple nel migliorare la protezione della privacy dei propri dispositivi. Ora vediamo 4 modi per aumentare la privacy di Android per avvicinarsi ai livelli di iPhone.

Infatti grazie alle numerose funzioni di privacy integrate nel sistema operativo iOS dell’iPhone, Apple può vantare che uno dei principali vantaggi dell’utilizzo del proprio telefono su telefoni Android è la maggiore privacy.

I ricercatori della Vanderbilt University hanno scoperto che i telefoni Android inviano a Google 10 volte più dati di quanto facciano gli iPhone ad Apple.

Naturalmente, gli utilizzatori del robottino faranno notare che mentre Android potrebbe fornire più dati utente, la capacità di Android di accedere a più dati degli utenti aiuta Google a eccellere nel fornire servizi di gran lunga superiori. Un esempio di questo, potrebbero dire, è quanto l’assistente di Google sia più utile di Siri.

E se un utente Android potesse avere il meglio dei due mondi? La privacy di un iPhone con l’utilità di una piattaforma basata su Google?

Ecco 4 modi per aumentare la privacy di Android

E’ possibile una cosa del genere? Gli utenti Android attenti alla privacy non ci sperano. Tuttavia, ciò non significa che non sia possibile apportare alcune piccole modifiche che consentiranno allo smartphone Android di avvicinarsi al livello di privacy che un iPhone offre immediatamente.

Elimina CHROME e installa FIREFOX o BRAVE

La prima cosa che gli utenti Android possono fare per salvaguardare una parte maggiore dei propri dati è abbandonare il browser Chrome di Google, che è il browser predefinito sulla maggior parte degli smartphone Android. Sì, Chrome è il browser più popolare al mondo, ma raccoglie anche una folle quantità di dati sui suoi utenti, al punto che Geoffrey Fowler del Washington Post lo ha definito “software spia”.

Confronta quello con l’iPhone Safari, che si piega all’indietro per proteggere i tuoi dati di navigazione da terze parti. Naturalmente, Apple non crea Safari per Android, ma ciò non significa che non ci siano altri browser che portano la privacy al livello di Safari su Android.

I due più grandi nomi sono Mozilla Firefox e Brave. Entrambi offrono una protezione avanzata del tracciamento e una serie di altre funzionalità che ti consentono di mantenere la tua navigazione web per te.

Utilizza APP di messaggistica crittografate END-TO-END

Un altro vantaggio per iPhone che gli utenti Android vorrebbero avere: l’app iMessage è rinomata per la sua semplicità, facilità d’uso e, naturalmente, privacy. iMessage utilizza la crittografia end-to-end, quindi nemmeno Apple può accedere ai contenuti delle tue conversazioni.

Google’s Messages ha l’aspetto e la semplicità dei messaggi di Apple e supporta SMS regolari e il nuovo standard RCS in una singola app, ma i messaggi inviati tramite esso non sono crittografati end-to-end, il che significa che potrebbero essere letti da una terza parte ficcanaso .

Mentre è improbabile che i messaggi di Apple e il suo servizio iMessage arrivino su Android, anche se possiamo sempre sognare, ci sono alcune buone app di messaggistica di terze parti che offrono la crittografia end-to-end. La migliore è Signal.

Il problema è che relativamente poche persone usano Signal rispetto ad un’altra fantastica app sostitutiva di Google Messaggi, WhatsApp. Scegliendo Signal o WhatsApp come app di messaggistica Android, avrai la crittografia end-to-end dei messaggi che piacerà ai tuoi amici iPhone.

Sostituisci GMAIL con APP email più private

Sì, Gmail è stabile, versatile e gratuito. Tuttavia, sebbene Google affermi che non esegue più la scansione del contenuto delle e-mail per scopi di targeting degli annunci, i suoi sistemi stanno ancora eseguendo la scansione delle e-mail per altri motivi .

I proprietari di iPhone possono optare per il servizio e-mail iCloud di Apple, che non esegue la scansione delle e-mail degli utenti ai fini della raccolta dei dati.

E se sei un utente Android che ha anche qualsiasi dispositivo Apple, come un Mac o iPad, puoi impostare un ID Apple e accedere a un account iCloud gratuito, che include la posta elettronica. Puoi quindi configurare il tuo telefono Android per utilizzare l’e-mail iCloud e abbandonare il tuo account Gmail.

Tuttavia, dovrai eseguire la tua e-mail iCloud tramite l’app Gmail.

Se non hai un account iCloud ma desideri comunque abbandonare Gmail per un’alternativa di posta elettronica più privata e sicura, la buona notizia è che ce ne sono molte. Ecco tre fra le migliori alternative a Gmail incentrate sulla privacy:

Setta le impostazioni sulla privacy di GOOGLE MAPS al massimo

Dopo il suo disastroso lancio nel 2012, Apple Maps è migliorato a passi da gigante ed è un formidabile rivale di Google Maps. Probabilmente ha anche un’interfaccia utente migliore e di gran lunga la migliore politica sulla privacy.

È incredibile ciò che Apple Maps fa per mantenere i tuoi movimenti privati ​​nei confronti di Apple e di chiunque altro.

Detto questo, Google Maps è ancora il servizio migliore quando si tiene conto di tutte le funzionalità che offre rispetto ad Apple Maps (è praticamente un social network col navigatore).

Inoltre, gli utenti Android non hanno comunque la possibilità di utilizzare Apple Maps sui propri dispositivi e nessun altro servizio di mappatura compatibile con Android si avvicina a Google Maps.

Leggi anche: Le 7 migliori app antifurto Android per proteggere il tuo telefono

Quindi cosa deve fare un amante di Android?

Semplice: continua a utilizzare Google Maps, ma massimizza le impostazioni sulla privacy, in modo da limitare la quantità di dati che Google raccoglie su di te. Vai alla pagina delle impostazioni “I tuoi dati in Maps ” nel tuo account Google.

Fai clic su “Cronologia delle posizioni” e nella pagina successiva attiva l’interruttore per mettere in pausa la cronologia delle posizioni. Ciò impedirà a Google di memorizzare la posizione di ovunque tu vada.

Infine, vai alla pagina ” Controlli attività ” nel tuo account Google e metti in pausa “Attività web e app”. In questo modo, Google Maps non ricorderà né memorizzerà le query di ricerca immesse nell’app Maps.

Adottare i passaggi sopra riportati in merito a Google Maps non significa che Google non possa tracciare i tuoi movimenti in altri modi , ma modificando alcune semplici impostazioni, otterrai una migliore protezione della privacy del tuo telefono Android rispetto a prima.

Questi 4 modi per aumentare la privacy di Android non ti offriranno il livello di protezione di iPhone ma di daranno un livello di privacy quantomento accettabile.

Condividi su:

valerio sanna

Vsx Blog : il mio punto di vista sul mondo del web, dell'innovazione e della scienza.

Leggi Precedente

Il calo nel posizionamento di un sito spiegato da Google

Leggi Prossimo

Quanto tempo impiega il pay per click (PPC) per funzionare?

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Social media & sharing icons powered by UltimatelySocial