• 25 Maggio 2024

Analisi della concorrenza SEO: La guida completa

Condividi su:

Perchè fare un’ Analisi della concorrenza SEO ? Beh, il modo più efficace per imparare a fare qualcosa è guardare qualcun altro farla bene. 

Gran parte degli sforzi SEO riguarda il monitoraggio di ciò che effettivamente funziona per altre persone nella tua nicchia particolare

Devi tenere d’occhio le persone che si posizionano più in alto di te. Quindi, utilizzando strumenti specializzati, sarai in grado di decodificare le strategie che hanno usato. Da quel momento in poi, sarai in grado di implementare le stesse tecniche nelle tue campagne.

Cosa intendiamo quando si parla di ricerca della concorrenza?

Fare analisi della concorrenza SEO significa analizzare gli sforzi SEO dei tuoi concorrenti al fine di migliorare il tuo posizionamento. Quindi, come ricercare realmente la concorrenza ? In generale, tutto si riduce nei seguenti passaggi:

  1. Scegliere i concorrenti giusti  : persone della tua nicchia, che si posizionano costantemente più in alto di te.
  2. Capire cosa stai cercando : dalla ricerca delle loro parole chiave in classifica ai backlink, c’è un sacco da scoprire e devi sapere cosa vuoi scoprire.
  3. Utilizzare uno strumento per  estrarre i dati  che ti interessano.
  4. Applicare tali approfondimenti al proprio sito Web.

In quale parte del mondo sono i tuoi concorrenti SEO?

Quindi questo potrebbe sembrare un punto banale. Qualcuno può nominare 6-8 concorrenti dalla cima della classifica, giusto? Ma, come al solito, non è così facile come sembra.

Per qualsiasi campagna SEO, ciò di cui hai bisogno per prima cosa è un elenco delle  principali parole chiave per le quali vuoi classificare. Questa è la funzione di base per condurre la ricerca di parole chiave. 

Crea un cosiddetto “nucleo semantico” per il tuo sito Web e le sue pagine. 

I concorrenti aziendali globali potrebbero non essere necessariamente gli stessi della concorrenza SEO. La ricerca sulla concorrenza SEO  fa parte della ricerca sulla concorrenza in generale, certo. Ma i concorrenti SEO sono in particolare quei siti Web e pagine che ricevono traffico  indirizzato alle stesse parole chiave dell’utente . 

Una volta stabilito un elenco di parole chiave, puoi cercare chi nel mondo si sta già classificando per loro. Saranno i tuoi principali concorrenti. Ora puoi ovviamente utilizzare Google e digitare tutte le diverse parole chiave che desideri. Quindi puoi monitorare tu stesso il posizionamento su Google, nessuno strumento coinvolto.

Per alcuni questo  approccio “sans tool” funziona, certo. Ma per quelli di noi che monitorano dozzine, se non centinaia di parole chiave? E quelli di noi che non apprezzano davvero l’opportunità di passare dieci ore a fare ricerche una parola chiave alla volta? Questo sembra estremamente scomodo.

Naturalmente, il modo più semplice è utilizzare uno strumento SEO come SEO Power Suite

Ci sono due tipi generali di concorrenti che devi trovare

  • I concorrenti tematici (per “argomento”) : le pagine e i siti Web che si classificano per le parole chiave che ti interessano.
  • I concorrenti del “dominio”: quei siti Web che vengono fuori con la ricerca dell’intero cluster di parole chiave associate all’intero dominio.

1. Concorrenti tematici

Quelle sono semplicemente le pagine che attualmente si posizionano tra le prime 10 per le parole chiave specifiche che si desidera targettizzare con una determinata pagina. Tali concorrenti dovrebbero essere ricercati prima di creare effettivamente un contenuto . 

Prova a capire quali parole chiave e in quale ordine funzionano meglio per questo particolare argomento in questo momento. Osserva i titoli e i sottotitoli, le parole chiave che mettono in grassetto e ciò che è un “immancabile” di questo argomento, vale a dire ciò che deve assolutamente essere menzionato affinché Google possa considerare utili tali contenuti

Un ottimo strumento da utilizzare durante la preparazione alla creazione di una pagina è TF-IDF . 

Utilizzo dello strumento TF-IDF per creare una pagina dopo la ricerca della concorrenza SEO
Utilizzo dello strumento TF-IDF per creare una pagina dopo la ricerca della concorrenza SEO

Analizza la competizione e le classifiche e ti dà un elenco di idee per parole chiave e argomenti che dovresti includere. 

Ad esempio, se stai scrivendo un articolo sulla ricerca sulla concorrenza, TF-IDF potrebbe rivelare che tutte le pagine di ranking hanno delle “lacune nelle parole chiave”. Questo è un segnale che Google considera le “lacune di parole chiave” una parte importante dell’argomento e dovresti aggiungere qualcosa a riguardo. 

O forse dovrai ristrutturare l’intero contenuto. Diciamo che nella tua analisi vedi che i tuoi principali concorrenti per una determinata pagina sono tutte gallerie con poco testo . Ciò indica che Google considera questo argomento nella sua forma più “user-friendly” come una galleria. 

In alternativa, se vedi un concorrente per il tuo particolare argomento in uno snippet in primo piano, cerca cosa sta facendo e cerca di ottenere anche tu la posizione zero. Questo è ciò che l’ Analisi della concorrenza SEO dovrebbe fare. 

La ricerca organica è molte cose, ma mai casuale. Utilizzando le migliori tecniche di analisi sul Web, puoi battere la concorrenza molto più facilmente. 

2. Concorrenti del dominio

Questi sono i domini che si classificano per le parole chiave complessive che hai raccolto, per il tuo nucleo semantico. Questi non sono solo i tuoi concorrenti “ad hoc”. 

Il tuo sito si rivolge a un determinato argomento e questi sono i siti Web che mirano specificamente alla stessa nicchia. Con qualsiasi strumento di analisi della concorrenza, otterrai un elenco di domini classificati per lo stesso cluster di parole chiave a cui stai mirando. Puoi confrontare non solo la quantità di parole chiave che hai in comune, ma anche il rendimento del tuo sito Web rispetto ad altri siti Web che trattano l’argomento in generale. 

A questo punto, hai messo insieme un elenco gestibile dei tuoi principali concorrenti. Da quel momento in poi, puoi iniziare ad analizzarli per scoprire perché stanno attirando il tuo traffico nella ricerca organica.

Analizzare la SEO dei tuoi concorrenti 

Una volta che hai un elenco dei tuoi principali concorrenti SEO, puoi iniziare a cercare ciò che li fa salire in classifica.

  1. Cercare la salute SEO complessiva della concorrenza
  2. Vedere le parole chiave di posizionamento dei concorrenti
  3. Analizzare i backlink della concorrenza sia verso i loro domini interni, sia verso qualsiasi pagina web

Quindi partiamo dall’inizio: analizzare la salute SEO complessiva dei tuoi concorrenti

Prima di iniziare a conoscere le specifiche, devi avere una panoramica del successo SEO della concorrenza . Questo servirà come base per i tuoi futuri sforzi: saprai immediatamente se ti superano in termini di backlink, ottengono informazioni sui loro domini e così via.

Diversi strumenti rappresentano questo parametro di “salute generale SEO” con metriche diverse, ma quasi tutti i pesi massimi del mercato moderno ti danno l’opportunità di cercarlo. Quindi Rank Tracker indica questo con il termine “forza del dominio”, mentre Moz ha scelto “autorità del dominio” e così via. 

Ottieni un elenco dei punti di forza dei tuoi principali concorrenti rispetto ai tuoi. Dai segnali dei social media al numero di pagine attualmente indicizzate da diversi motori di ricerca, ci sono molte informazioni che devi raccogliere sui domini dei tuoi concorrenti.

Da qui in poi, puoi iniziare a esaminare i dettagli delle pagine in classifica dei tuoi concorrenti. 

Riempi le lacune nelle parole chiave

Una cosa molto importante di cui occuparsi sono le lacune di parole chiave. Qual è il divario nelle parole chiave? Quali sono le parole chiave che i tuoi concorrenti stanno già prendendo di mira?

Identificando le parole chiave che la concorrenza sta utilizzando sulle loro pagine, stai vedendo quali argomenti specifici stanno attualmente prendendo di mira e quali no. 

Dovresti provare a trovare le parole chiave per le quali potresti iniziare a classificarti o classificarti meglio di come sei già .

Quindi saprai quali parole chiave dovresti aggiungere alle pagine che hai già e persino formulare un piano di contenuti preciso basato sulle parole chiave per le quali la tua competizione di nicchia è già classificata. Per la precisione, è necessario eseguire analisi pagina per pagina . Controlla una qualsiasi delle tue pagine e confrontala con la classifica delle pagine dei tuoi concorrenti per parole chiave simili.  

Questo mostrerà, in modo molto diretto, quali parole chiave esatte dovresti usare sulla tua pagina. Riceverai anche informazioni piuttosto dettagliate sulle parole chiave effettive, quindi sarai libero di decidere quali sono un “must” e quali potrebbero essere solo un “forse”.

Naturalmente, sei libero di ignorare cose come il PageRank,  che, per la cronaca, conta ancora parecchio.

Ma sappiamo tutti quanto sia importante il tuo profilo di backlink. Per quanto riguarda le classifiche, ottenere più backlink di qualità è una delle cose migliori che puoi fare. Questo vale per il tuo sito Web in generale e per qualsiasi pagina in particolare. 

In questo contesto, è comprensibile il motivo per cui la ricerca dei backlink dei tuoi concorrenti rientri tra le strategie di link building più efficaci utilizzate dagli esperti SEO. 

Come fare? Bene, in realtà, i siti Web di nicchia che già collaborano con i tuoi concorrenti diretti potrebbero fornirti volentieri anche un backlink!

Una metrica particolarmente importante da monitorare qui è la quantità di collegamenti “dofollow”, poiché tali collegamenti hanno un impatto diretto sulle tue classifiche. L’ importanza dei link nofollow  per le classifiche è discutibile, ma sappiamo sicuramente che i link dofollow sono fondamentali per la classifica . 

Ma la caratteristica di gran lunga più importante che è necessaria per un’adeguata ricerca dei concorrenti è un elenco dei collegamenti comuni dei concorrenti. Questi sono i domini di collegamento che alcuni dei tuoi concorrenti SEO hanno in comune, che si collegano ad alcuni di essi ma non ancora a te. 

Puoi usare SEO SpyGlass per questo , nello strumento vedrai tutti i domini che si collegano al tuo o ad alcuni tuoi concorrenti, ma non a te.

Utilizzo dello strumento SEO SpyGlass per la ricerca SEOcompetitor di backlink
Utilizzo dello strumento SEO SpyGlass per la ricerca SEOcompetitor di backlink

Se trovi una certa fonte che si collega a due o quattro dei tuoi concorrenti nella tua nicchia, c’è una possibilità piuttosto alta che avrai anche l’opportunità di collaborare con loro se fai un po’ di sensibilizzazione. 

La costruzione di link è vitale  per la SEO come qualsiasi altra cosa e farla nel modo giusto può aumentare o distruggere il successo di qualsiasi sito Web. 

Monitora le opportunità offerte dalla ricerca dei tuoi concorrenti e cogli l’opportunità nei tuoi sforzi SEO.

C’è un’altra grande prospettiva per analizzare le pagine del tuo concorrente. Prova a cercare quando esattamente i tuoi concorrenti hanno ricevuto quali backlink per il loro contenuto. 

Se vedi un aumento improvviso, ciò potrebbe significare, ad esempio, che la pagina è stata aggiornata. Controllando la pagina stessa, potresti vedere che il tuo concorrente si è imbattuto in un argomento virale che si colloca molto bene.

Puoi cogliere l’occasione e aggiornare i tuoi contenuti esistenti. Oppure, se consapevolmente non hai trattato un determinato argomento pensando che non sarebbe pertinente e scopri che ora è diventato virale, puoi creare del nuovo materiale.

Conclusioni

Esistono diversi strumenti che possono essere utilizzati per fare Analisi della concorrenza SEO. Arrivare in cima alla ricerca organica di Google richiede parecchi sforzi e tanto lavoro, non ci sono scorciatoie. 

Insieme alla ricerca di parole chiave e backlink, audit di link building e siti Web, la ricerca sulla concorrenza è una parte fondamentale di una campagna SEO di successo.

Condividi su:

valerio sanna

Vsx Blog : il mio punto di vista sul mondo del web, dell'innovazione e della scienza.

Leggi Precedente

3 modi per eseguire Windows sul tuo Mac

Leggi Prossimo

iPhone 14, 14 Plus, 14 Pro o 14 Pro Max: Quale iPhone scegliere?

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Social media & sharing icons powered by UltimatelySocial