• 23 Febbraio 2024

Chi è il miliardario che ha creato Wish? L’app di e-commerce

il fondatore di Wish Peter Szulczewski

il fondatore di Wish Peter Szulczewski

Condividi su:

Il 42enne ingegnere di Google, nato in Polonia , è ossessionato dalle finanze della gente comune e ha usato quell’ossessione per adattare un mercato di e-commerce solo per loro, pieno di merce senza marca, spedita direttamente da venditori cinesi, si chiama Wish ed è l’app di e-commerce più scaricata al mondo.

Peter Szulczewski  dice che i clienti del suo sito di shopping ultra-conveniente hanno esaurito le loro carte di credito molto spesso prima che arrivi il nuovo stipendio.

Wish è l’app di e-commerce più scaricata

Ora è il terzo più grande mercato di e-commerce negli Stati Uniti per vendite.

Globalmente, circa 90 milioni di persone lo usano almeno una volta al mese. Wish ha raddoppiato le sue entrate lo scorso anno, a $ 1,9 miliardi. A partire dal suo ultimo round di raccolta fondi, è stata valutata per oltre $ 8,7 miliardi, e il 18% del capitale è di Szulczewski e lo rende miliardario. (Il suo co-fondatore, Danny Zhang, ne detiene solo il 4,2%.)

Wish non è certo la prima app di e-commerce a tracciare ogni clic del cliente: Amazon ha costruito un colosso annuale di vendite da $ 200 miliardi proprio su questo tipo di dati. E Wish è in competizione con AliExpress per offrire agli acquirenti un flusso infinito di articoli realizzati in Cina da venditori di terze parti.

Ma mentre Amazon continua ad aggiungere funzionalità come lo streaming video e la consegna in due ore ai clienti Prime, Szulczewski non si preoccupa molto della consegna veloce o della qualità. I maglioni partono da € 2 , gli smart Watch vanno dai € 9 in su e gli smartphone Android partono da € 27.

I prodotti ci mettono settimane per arrivare.

Gli acquirenti scorrono da una media di 600 a 700 articoli, ipnotizzato da una sfilata i prodotti strani e stravaganti che attira lo stesso prurito visivo di un feed di Instagram. Circa l’80% dei clienti che acquista per la prima volta su Wish tornerà a comprare una seconda volta.

Szulczewski si concentrò sulla costruzione di qualcosa che i suoi clienti desideravano, non su ciò che la Silicon Valley pensava di volere.

Wish sta perdendo circa $ 190 milioni all’anno, ma sostiene che potrebbe essere redditizio se smettesse di spendere così tanto sul marketing. Ha lanciato grandi campagne su Pandora e Snapchat ed è uno dei maggiori inserzionisti su Facebook . Wish ha firmato un accordo triennale da $ 30 milioni per sponsorizzare i Los Angeles Lakers della NBA, che sono popolari in Cina. Los Angeles è anche uno dei maggiori mercati metropolitani di Wish.

Dato il panorama competitivo, è probabilmente denaro ben speso. Mark Zuckerberg ha recentemente parlato di rendere più facile la vendita di materiale su Instagram, il che significa che Facebook potrebbe diventare un concorrente.

Un sacco di cose su Wish sono scadenti

Wish è l’app di e-commerce più scaricata al mondo ma ci sono centinaia di recensioni negative su Wish su siti come Trustpilot e HighYa.

I clienti non sono contenti del servizio clienti, i commercianti che non inviano i loro ordini e le merci di scarsa qualità. Szulczewski ha ingaggiato Connie Chang, ex community manager di Facebook, per risolvere il problema. Ma Szulczewski sembra impassibile per la sfida del controllo di qualità, sottolineando che a volte i clienti stessi sono il problema.

Chi è il fondatore di Wish?

L’uomo che ha 300 milioni di prodotti in vendita è cresciuto circondato da scaffali di negozi vuoti nella Polonia comunista degli anni ’80, al terzo piano di un blando edificio a sei piani a Varsavia.

Aveva 11 anni quando l’Unione Sovietica è crollata e i suoi genitori si sono trasferiti a Waterloo, in Canada, che si trova a circa 70 miglia a ovest di Toronto ed è sede di un’eccellente università di ricerca.

Ha frequentato l’ Università di Waterloo , che conta anche i fondatori di Kik Interactive e Instacart come ex studenti. Nei corsi di matematica e informatica di Szulczewski ha incontrato un altro immigrato, Danny Zhang. I due giocavano a calcio insieme: Zhang era così bravo che aveva pensato brevemente di diventare un professionista.

Il 37enne ingegnere di Google, nato e cresciuto in Polonia è ossessionato dalle finanze della gente comune e ha usato quell’ossessione per adattare un mercato di e-commerce apposta per loro.

Szulczewski ha fatto uno stage presso Google

Nel 2004, poco prima di laurearsi a 23 anni, Szulczewski ha iniziato uno stage di quattro mesi presso Google, che aveva meno di 1.000 dipendenti e si stava preparando per la sua IPO. Viveva in una casa con tre camere da letto a Palo Alto con altri tre stagisti, sfornando codici giorno dopo giorno.

Una volta diventato dipendente di Google a tempo pieno, Szulczewski ha scritto gli algoritmi per l’espansione delle parole chiave, una funzione venduta da Google ai primi inserzionisti per aiutarli a espandere il numero di termini di ricerca a cui potevano mostrare i propri annunci.

Una società che vende scarpe da corsa, ad esempio, potrebbe dimenticare di chiedere a Google di scegliere come target le “scarpe da ginnastica”, “Ma il codice di Szulczewski ha aggiunto silenziosamente quelle parole chiave in modo che non dovessero farlo.

Gli inserzionisti spendono di più e la funzione aggiunge circa $ 100 milioni alle entrate annuali di Google, afferma Szulczewski.

Nel giugno del 2007, Szulczewski si è trasferito nel nuovo ufficio di Google in Corea del Sud e ha avuto una lezione di tecnologia al di fuori della bolla della Silicon Valley. I coreani preferivano i portali di ricerca che erano occupati e affollati di informazioni rispetto alle pagine pulite e minimaliste come quelle di Google.

Szulczewski ha lasciato Google nel 2009

Trascorse sei mesi nel suo computer di casa scrivendo un codice per il software che poteva prevedere gli interessi di qualcuno, come la corsa o il giardinaggio, basandosi sul loro comportamento di navigazione e abbinandolo a un potenziale prodotto o annuncio, chiamandolo ContextLogic.

A settembre 2010, gli investitori hanno puntato 1,7 milioni di dollari su ContextLogic.

Il maggio successivo, nel 2011, Szulczewski ha invitato il suo vecchio amico del college Zhang, a unirsi a lui come cofondatore.

L’e-commerce e gli smartphone continuavano a crescere. Più persone stavano usando gli smartphone, ma pochi stavano facendo acquisti. Szulczewski si convinse che aveva solo bisogno di applicare la “metodologia di Google” per tracciare ogni interazione. Yang era scettico.

Nel 2011 Facebook ha ottenuto il motore di Szulczewski e ha offerto $ 20 milioni per integrare ContextLogic nel proprio sistema di annunci o, potenzialmente, nel software che classifica storie e post sui feed di notizie di Facebook.

Quando Szulczewski non ha preso i soldi, uno dei suoi investitori è entrato nel nuovo ufficio della startup a Pine Street per farlo fuori.

Vai a lavorare per qualcuno che è bravo negli affari

gli ha detto l’investitore.

Come nasce Wish?

Invece, Szulczewski continuò a armeggiare. Alla fine del 2011, lui e Zhang hanno lanciato Wishwall.me, il predecessore di Wish.

Usando gli annunci su Facebook, hanno invitato le persone a venire a sfogliare una collezione di prodotti a cura di Wish.

Wish non ha effettivamente venduto nessuno di questi prodotti, altri lo hanno fatto, ma le persone potrebbero “desiderare” le cose che vedevano e creare liste dei desideri, ad esempio, per andare in bicicletta o per la casa. “Alcune persone si limitano a questo”, afferma Szulczewski.

Come i visitatori “hanno gradito” gli asciugamani da bagno e i tachimetri da bici, hanno guadagnato premi come articoli gratuiti e sconti, quindi sono rimasti fedeli all’App.

Szulczewski ha inviato e-mail a dozzine di commercianti che stavano vendendo questi prodotti su eBay e Amazon. Wish ha promesso di presentarli a un gruppo di acquirenti pronti, ma solo se il commerciante avesse diminuto del 10% o 20% il prezzo che stava usando altrove.

Per dare priorità alla crescita in anticipo, Wish non ha preso alcuna commissione.

Quando Hans Tung, un investitore con GGV Capital a Menlo Park, in California, incontrò Szulczewski nell’ottobre 2013, fu colpito dalla mappa termica degli acquisti.

Dimostrò che la maggior parte delle vendite di Wish provenivano non da New York e dalla California, ma dalla Florida, dal Texas e dal cuore dell’America.

Tung ha immediatamente visto dei paralleli con TaoBao, un mercato peer-to-peer di proprietà di Alibaba che era sulla buona strada per diventare il più grande sito di e-commerce al mondo. TaoBao aveva mostrato che esisteva un mercato globale, sottoservito, per beni economici e senza marchio, ma che era rimasto concentrato sulla Cina.

Wish era come TaoBao, su cellulare, per il resto del mondo

dice Tung.

Wish decolla ma la qualità?

Le vendite stavano decollando, ma lo erano anche i problemi di controllo della qualità, il che è in qualche modo inevitabile quando si hanno un milione di commercianti registrati, dei quali 125.000 sono attivi su Wish ogni mese. A titolo di contesto, Amazon ospita circa 2,5 milioni di commercianti di terze parti attivi, mentre Walmart ne ha circa 21.000.

Wish è diventata l’app di e-commerce più scaricata al mondo già nel 2018.

Alcuni commercianti hanno creato più di 1.000 account per eludere la polizia. Un altro trucco consisteva nel vendere un prodotto a ottime recensioni, quindi trovare una versione diversa e più economica e continuare a mostrare le vecchie recensioni.

Per affrontare questo problema, Wish elimina automaticamente circa 8 milioni di prodotti nell’arco di una settimana, quasi il 3% di tutti i prodotti disponibili sul sito. La maggior parte viene eliminata perché i visitatori hanno oltrepassato un oggetto almeno 1.000 volte e non l’hanno toccato neanche una volta.

Wish può anche togliere prodotti venduti da commercianti che hanno ricevuto recensioni negative o recensioni false.

Per rilevare automaticamente i falsi, gli ingegneri di Wish hanno addestrato il  software a scovare le recensioni che erano ovviamente inventate.

C’è un insieme di circa 60 regole a governare l’App

Se gli algoritmi di Wish vedono che un commerciante ha elencato prodotti contraffatti o spedito un ordine con un numero di tracciamento falso, verranno “multati” di $ 500.

Spedire un pacco senza nessun prodotto significa una multa di $ 10.000. Wish raccoglie circa $ 3 milioni al mese in multe, e può farlo trattenendo semplicemente i pagamenti dai commercianti, afferma Szulczewski.

I venditori possono anche essere cacciati dalla piattaforma, aggiunge. Il rovescio della medaglia, buone recensioni possono portare a pagamenti più veloci o un posizionamento più elevato nella ricerca.

“Non sarà mai perfetto”, ammette Tung, l’investitore del GGV. “Ottieni quello per cui paghi.”

Ma Szulczewski dipinge un’immagine più rosea. Il volano dei dati dei clienti che entrano in Wish significherà più recensioni, software di targeting più intelligente e, infine, articoli di migliore qualità.

Quegli smartphone senza marchio miglioreranno ogni anno, dice, proprio come i nostri iPhone.

Condividi su:

valerio sanna

Vsx Blog : il mio punto di vista sul mondo del web, dell'innovazione e della scienza.

Leggi Precedente

Caricare il telefono di notte può danneggiare la batteria?

Leggi Prossimo

Cosa sono i plugin di WordPress? [La guida completa]

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Social media & sharing icons powered by UltimatelySocial