• 23 Febbraio 2024

Google cambia algoritmo: Quanto dovrebbero preoccuparsi le aziende?

Google cambia algoritmo

Google cambia algoritmo

Condividi su:

Pillola settimanale su marketing e seo: Google cambia algoritmo ma ci siamo ormai abituati a frequenti cambiamenti nel suo modo di valutare i siti web.

Tuttavia spesso queste modifiche mietono molte vittime, anche aziende impoortanti, che vedono crollare drasticamente il loro posizionamento nella serp.

Recentemente la CCN , nota organizzazione di monitoraggio nel settore delle criptovalute, ha annunciato che avrebbe chiuso in seguito all’aggiornamento dell’algoritmo di Google della settimana precedente. CCN faceva parte di una startup di media norvegesi, che comprende anche Hacked.com e MoneyMakers.com nella gamma delle pubblicazioni online.

La piattaforma di notizie sulle criptovalute era online da poco più di sei anni e citava l’aggiornamento dell’algoritmo di Google come la ragione alla base della chiusura dell’attività. La visibilità del sito di notizie è crollata a picco subito dopo l’aggiornamento.

In una sola notte, la visibilità dei contenuti sul sito è diminuita di oltre il 50 percento e, nel caso delle ricerche su dispositivi mobili, di un sorprendente 71,5 percento.

In una dichiarazione pubblicata sul sito web, il fondatore di CCN Jonas Borchgrevink ha dichiarato:

questo cambiamento da parte di Google ha un impatto significativo su di noi in quanto piccola organizzazione indipendente.

Borchgrevink ha cercato di capire il motivo per cui il suo sito è stato penalizzato. Una teoria che ha esplorato è l’idea che le criptovalute nel loro complesso siano state presa di mira da Google. Anche i siti web rivali CoinDesk e CoinTelegraph sono stati colpiti dall’aggiornamento con un calo dei visitatori del 35% e del 21% rispettivamente.

Nonostante questa teoria, sembra che alcuni media online di altri settori siano stati influenzati in modo simile. Il noto editore britannico di notizie, The Daily Mail, la piattaforma video Vimeo e NFL.com hanno tutti subito forti cali in termini di visibilità nelle liste di ricerca.

Cosa comporta l’aggiornamento dell’algoritmo?

Google protegge le informazioni relative al suo algoritmo di ricerca, rendendo difficile accertare l’esatta natura dell’aggiornamento.

In generale, non c’è nulla di insolito nel processo che Google impiega quando si tratta di aggiornamenti degli algoritmi del motore di ricerca. Molti nel settore hanno monitorato la cronologia delle modifiche all’algoritmo di Google dalla sua fondazione.

Un algoritmo di ricerca è un insieme complesso di regole che Google applica al fine di fornire i risultati più appropriati all’utente di Internet. È al centro della proposta di valore offerta dall’azienda. Google è salito alla ribalta come motore di ricerca predefinito proprio sulla base dei risultati di ricerca.

Cosa c’è in gioco?

C’è molto da perdere finanziariamente per i mezzi d’informazione e le organizzazioni commerciali nello scoprire che il loro contenuto Web viene eliminato dalla serp (l’elenco dei risultati di ricerca) in base al PageRank di Google, l’algoritmo proprietario utilizzato dalla società. 

La classifica dei risultati di ricerca di pagine Web può essere la differenza tra successo e fallimento per molte aziende in tutto il mondo. Di conseguenza, è nata l’ottimizzazione dei motori di ricerca (SEO): un’intera industria dedicata all’argomento.

Alcune aziende online potrebbero non essere in grado di riprendersi da così brusche flessioni degli utenti e di conseguenza delle entrate. Questo è particolarmente vero quando si tratta dell’industria dei media. I media di notizie sono stati in declino per molto tempo a livello business e stanno lottando per creare un modello sostenibile a seguito del brusco rallentamento che l’era di Internet ha provocato.

Cosa succede nel SEO

I punti di vista sul SEO possono spaziare da uno sforzo per seguire il gioco del motore di ricerca fino ad una visione meno scettica della comprensione di ciò che l’algoritmo richiede, mentre si pubblicano contenuti organici in linea con tali requisiti.

È facile capire la continua necessità di cambiamenti. In passato si tentava di imbrogliare l’algoritmo attraverso l’uso di testo invisibile ed eccesso di parole chiave. L’autorità dei sito web era una metrica in gran parte basata sui backlinks (collegamenti al sito) e le parole chiave.
Ora i motori di ricerca, che si sono resi conto da tempo della possibilità di creare reti “fittizie” di backlink, hanno dovuto “cambiare algoritmo” per valutare l’autorevolezza di un sito web in modo più efficace e a prova di “imbroglio”.

Etica e responsabilità sociale

Date le dimensioni di Google e il dominio che ha raggiunto in termini di ricerca su Internet, ci sono anche implicazioni etiche implicite. Mentre è evidente la necessità di modifiche continue dell’algoritmo, non c’è dubbio che tali cambiamenti possano avere un effetto negativo sulle attività online. In quanto entità privata, l’algoritmo di Google è proprietario e la società non ha l’obbligo di divulgare dettagli specifici su come funziona.

Borchgrevink ha invitato Google a fornire un periodo di preavviso di tre mesi per gli aggiornamenti, con alcune indicazioni di massima per i siti web che rischiano di subire perdite di traffico superiori al 20 percento.

Intervento del governo

Il fondatore di CCN Borchgrevink ha anche chiesto il coinvolgimento dei governi nazionali per esaminare le modifiche dell’algoritmo dei motori di ricerca nelle giurisdizioni in cui Google è il motore di ricerca dominante.

La preoccupazione che serpeggia su Google ed il suo “abuso di posizione dominante” sono manifeste da tempo. Secondo un briefing pubblicato dal Parlamento europeo lo scorso anno, una proposta legislativa si sta facendo strada attraverso il parlamento al fine di raggiungere l’equità e la trasparenza per gli utenti aziendali dei servizi online.

Con questi regolamenti si cerca di raggiungere un equilibrio tra l’esigenza di maggiore trasparenza, quando si tratta di algoritmi di motori di ricerca, e gli interessi commerciali.

Lo scorso anno, la Commissione europea ha inflitto un’ammenda di 1,49 miliardi di dollari a Google per aver violato alcuni aspetti della normativa antitrust europea. Nel frattempo, secondo il Financial Times , si ritiene che il Dipartimento di Giustizia degli Stati Uniti stia preparando una propria indagine antitrust all’interno dell’azienda.

Condividi su:

valerio sanna

Vsx Blog : il mio punto di vista sul mondo del web, dell'innovazione e della scienza.

Leggi Precedente

Instagram aggiunge la cartella “Eliminati di recente” per i contenuti rimossi

Leggi Prossimo

BlackBird (Uber) punta ai voli privati per sostituire i viaggi su strada

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Social media & sharing icons powered by UltimatelySocial