• 22 Maggio 2024

Pubblicità display e di ricerca: 3 strategie per il tuo pubblico

Pubblicita-display-e-di-ricerca
Condividi su:

La pubblicità omnicanale può essere complicata, la pubblicità display e di ricerca è alla base della crescita di un’attività.

Oggi gli esperti di marketing digitale dispongono di un numero illimitato di strumenti per mettere il loro messaggio davanti al pubblico giusto attraverso la pubblicità di ricerca e altri sistemi. Mentre i tuoi canali o le tue tattiche possono cambiare, l’obiettivo di tutti gli esperti di marketing rimane lo stesso: far crescere il tuo marchio e costruire il tuo business.

Come fai a sapere quali canali utilizzare per raggiungere questi obiettivi?

Molti marketer con budget SEO e pubblicitari più piccoli iniziano con la ricerca a pagamento come primo canale di destinazione, a causa della semplicità di impostazione di una campagna PPC in Google Ads. Non sono necessari asset creativi o acquirenti di contenuti multimediali e nessuna tecnologia sofisticata da apprendere o comprendere.

La ricerca ha anche capacità di targeting avanzate, offrendo alle aziende la possibilità di mettersi di fronte agli acquirenti nel mercato non appena iniziano la loro ricerca . E i risultati delle campagne di ricerca sono quantificabili, con approfondimenti su quali parole attirano il pubblico.

D’altra parte, la pubblicità display programmatica può essere un po’ più difficile per alcuni esperti di marketing. Questo canale è stato tradizionalmente considerato il migliore per le campagne di sensibilizzazione del marchio, poiché gli annunci display possono essere pubblicati praticamente ovunque siano online i tuoi potenziali clienti.

Sfruttare la visualizzazione richiede una relazione diretta con una piattaforma lato domanda, o DSP, o una relazione con un’agenzia per gestire le campagne per tuo conto.

Ma scegliere il giusto mix di canali per la tua campagna pubblicitaria non deve necessariamente essere un affare tutto o niente. In effetti, combinare display e ricerca insieme può avere un impatto positivo sul ritorno sulla spesa pubblicitaria (ROAS).

Ecco tre strategie per combinare efficacemente la pubblicità di ricerca e display per ottenere i massimi risultati con il tuo piano di marketing:

1: Lancia una rete larga

Se stai cercando di trovare nuovi clienti e non hai un abbastanza di traffico sul tuo sito web esistente o stai cercando parole chiave a cui ti rivolgi con la ricerca, il primo passo è ottenere più visitatori sul sito.

È qui che la pubblicità display programmatica è utile: offre una scala che le campagne di ricerca a pagamento non offrono, a un prezzo migliore. Se tra pochi mesi è in arrivo una grande promozione, è una buona idea aumentare la spesa per le tattiche di sensibilizzazione del marchio con largo anticipo, al fine di avere un bacino di retargeting più grande pronto a partire quando la promozione è al via.

Rete display Google
Rete display Google

Quindi inizia lanciando un’ampia rete con display, continua a regolare e perfezionare i parametri di targeting con il passare del tempo per ottimizzare le prestazioni e trovare il tuo prossimo miglior cliente.

2: Retargeting

Dopo aver portato tutti questi nuovi visitatori sul tuo sito, è tempo di introdurre il retargeting multipiattaforma.

Ad esempio, se stai conducendo una campagna di ricerca a pagamento per i tuoi prodotti e circa il 13% di questo traffico di ricerca a pagamento diventa un cliente pagante, ciò lascia un altro 87% del pubblico per cui hai già pagato che ha abbandonato il sito senza convertire.

Ora che hanno già visitato il tuo sito, puoi utilizzare il retargeting per mostrare loro una nuova serie di messaggi nella speranza di riportarli sul sito per continuare la vendita.

Retargeting dopo una campagna di ricerca
Retargeting dopo una campagna di ricerca

Le tue tattiche di retargeting specifico possono essere semplici o sofisticate, ma la linea di fondo è che aiuteranno a mantenere la “conversazione” in corso con i visitatori che hanno maggiori probabilità di convertire lungo la strada.

3: Targeting contestuale

Se hai già identificato le parole chiave con il rendimento migliore dalle tue campagne di ricerca, puoi utilizzare questo stesso elenco di parole chiave per aggiungere il targeting contestuale alla tua campagna programmatica.

Sebbene questa strategia non colleghi direttamente i due canali, ti consente di affinare ulteriormente i tuoi target di pubblico.

Targeting contestuale
Targeting contestuale

Ad esempio, se “scarpe da ginnastica” è qualcosa che molte persone stanno cercando e sta guidando le persone sul tuo sito, potresti creare un segmento contestuale “scarpe da atletica” da indirizzare con la pubblicità display.

Conclusioni

Ognuna di queste tattiche è un ottimo modo per aumentare la consapevolezza del tuo marchio e dei tuoi prodotti proprio quando i tuoi potenziali clienti fanno acquisti attivamente e un metodo funzionale per integrare le attività di ricerca in corso.

Se fai già molto affidamento sulla ricerca a pagamento per gran parte della tua pubblicità, prendi in considerazione l’aggiunta della rete display, insieme ad alcune strategie di targeting per aumentare l’efficienza delle tue campagne e ridurre il costo per acquisizione.

Condividi su:

valerio sanna

Vsx Blog : il mio punto di vista sul mondo del web, dell'innovazione e della scienza.

Leggi Precedente

I veicoli elettrici stanno conquistando il mondo, perchè?

Leggi Prossimo

La SEO è morta o è ancora indispensabile?

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Social media & sharing icons powered by UltimatelySocial