• 22 Aprile 2024

I contenuti generati dall’IA sono considerati spam da Google

contenuti generati dall'IA
Condividi su:

I contenuti generati dall’IA , automaticamente, sono contrari alle linee guida per i webmaster di Google, ad affermarlo è John Mueller, avvocato di Google.

L’avvocato della ricerca di Google John Mueller afferma che i contenuti generati automaticamente con gli strumenti di scrittura dell’IA sono considerati spam, in base alle linee guida per i webmaster che il motore di ricerca obbliga a seguire.

Questo argomento viene dibattuto da tempo nella comunità SEO che si chiede se l’uso degli strumenti GPT-3 siano accettabili dal punto di vista di Google. Mueller afferma che contenuti generati dall’IA rientrano nella categoria dei contenuti generati automaticamente, il che potrebbe portare a una sanzione pesante per il sito che li ospita.

Tuttavia, i sistemi di Google potrebbero non essere in grado di rilevare i contenuti generati dall’IA senza l’assistenza di revisori umani.

Come spiegheremo più avanti in questo articolo, ci sono usi pratici per gli strumenti di scrittura AI e molte organizzazioni rispettabili li stanno usando senza problemi.

Per prima cosa, diamo un’occhiata alla risposta di Mueller alla domanda su come Google vede l’uso di questi strumenti.

I contenuti generati automaticamente sono contrari alle linee guida di Google

Indipendentemente dagli strumenti utilizzati per crearlo, il contenuto scritto dalle macchine è considerato generato automaticamente.

Come Mueller si affretta a sottolineare, la posizione di Google sui contenuti generati automaticamente è sempre stata chiara:

Per noi, essenzialmente, questi rientrerebbero ancora nella categoria dei contenuti generati automaticamente, che è qualcosa che abbiamo avuto nelle Istruzioni per i webmaster fin dall’inizio.

E le persone hanno generato automaticamente contenuti in molti modi diversi. E per noi, se stai utilizzando strumenti di apprendimento automatico per generare i tuoi contenuti, è essenzialmente come se stessi semplicemente rimescolando le parole, o cercando sinonimi, o facendo i trucchi di traduzione che facevano le persone. Quel genere di cose.

Il mio sospetto è che forse la qualità dei contenuti sia un po’ migliore rispetto agli strumenti della vecchia scuola, ma per noi si tratta ancora di contenuti generati automaticamente, e questo significa che per noi è ancora contro le Istruzioni per i webmaster. Quindi lo consideriamo spam.

Google può rilevare i contenuti generati dall’IA?

Google può capire la differenza tra contenuto scritto da esseri umani e contenuto scritto da macchine?

Mueller non fa affermazioni sul fatto che Google rilevi automaticamente i contenuti scritti dall’IA.

Tuttavia, se il team antispam di Google lo trova, è autorizzato ad agire a riguardo.

Non posso affermarlo. Ma se vediamo che qualcosa viene generato automaticamente, il team webspam può sicuramente agire a riguardo.

E non so come si evolverà il futuro , ma immagino che come con qualsiasi altra di queste tecnologie, ci sarà un po’ il gioco del gatto col topo, in cui a volte le persone faranno qualcosa e se la cavano, e poi il team di webspam recupera e risolve il problema su una scala più ampia.

Dalla nostra raccomandazione lo vediamo ancora come contenuto generato automaticamente. Penso che nel tempo forse questo è qualcosa che si evolverà in quanto diventerà più uno strumento per le persone. Un po’ come faresti con la traduzione automatica come base per creare una versione tradotta di un sito web, ma ci lavori comunque manualmente.

E forse nel tempo questi strumenti di intelligenza artificiale si evolveranno nella direzione in cui li utilizzerai per essere più efficiente nella tua scrittura o per assicurarti di scrivere in modo corretto come gli strumenti di controllo ortografico e grammaticale, anch’essi basati su apprendimento automatico. Ma non so cosa ci riserverà il futuro.

Mueller chiarisce che Google non prende in considerazione il modo in cui vengono utilizzati gli strumenti di scrittura dell’IA.

Il loro utilizzo a qualsiasi titolo è considerato spam, aggiunge.

Attualmente è tutto contro le linee guida per i webmaster. Quindi, dal nostro punto di vista, se dovessimo imbatterci in qualcosa del genere, se il team di webspam lo vedesse, lo vedrebbe come spam.

Cosa significa questo per il tuo sito web?

Che se utilizzi contenuti generati dall’IA o stai pensando di usare strumenti di scrittura che sfruttano l’intelligenza artificiale dovresti fare attenzione, potrebbe essere controproducente al momento.

I contenuti generati dai modelli linguistici GPT-3 potrebbero usare degli schemi che l’algoritmo di Google potrebbe riconoscere a forza di “allenamento”.

In futuro verrebbero considerati spam anche gli articoli più vecchi e una volta che il più grande motore di ricerca al mondo li saprà riconoscere automaticamente alcuni siti web potrebbero veder crollare rapidamente il loro Page Rank, fai attenzione!

Condividi su:

valerio sanna

Vsx Blog : il mio punto di vista sul mondo del web, dell'innovazione e della scienza.

Leggi Precedente

I 10 migliori servizi gratuiti di Email Marketing più due EXTRA

Leggi Prossimo

Come pubblicare su Instagram da PC o Mac

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Social media & sharing icons powered by UltimatelySocial