• 23 Febbraio 2024

huawei p30 pro, una macchina fotografica vera e propria

huawei p30 pro

huawei p30 pro, una macchina fotografica vera e propria

Condividi su:

Che cosa succede se si può avere tutto: prestazioni super-veloci, durata della batteria notevole, uno schermo affogato dai pixel e una fotocamera che compete con Google Pixel per le fotocamere di qualità e tascabili con zoom?

Batteria enorme, cornici assenti e un promettente nuovo sistema quad-camera

video ufficiale Huawei P30 pro – credit huawei

Huawei vorrebbe farti credere che la sua nuova ammiraglia P30 Pro Android sia proprio quel tipo di dispositivo senza compromessi. Annunciato ad un altro evento di gala a Parigi il P30 Pro affronta i pochi aspetti negativi del già eccellente Mate 20 Pro di Huawei dello scorso anno, e aggiunge un nuovo sofisticato sistema di fotocamere che promette fino a 10x di zoom.

Valutare il P30 Pro è semplice perché ha le stesse dimensioni, forma e spessore di praticamente tutti gli altri telefoni di punta di Android sul mercato oggi. Mettendo questo accanto al Samsung Galaxy S10 Plus , Huawei spera di brillare con il P30 Pro, le differenze tra loro sono minime. Il telefono di Huawei ha una base di circa un millimetro più spessa e presenta probabilmente la tacca più piccola del mondo fino ad oggi, che è letteralmente solo un ritaglio per la fotocamera. Huawei non usa uno speaker interno sul P30 Pro, facendo un uso innovativo della levitazione elettromagnetica per far vibrare la parte superiore dello schermo e generare audio di chiamata.

Ciò significa che non ci sono altoparlanti stereo su questo telefono e ci sono anche telefonate più discrete perché il suono della chiamata si propagherà solo in una direzione.

I due più grossi difetti del Mate 20 Pro erano i bordi curvi dello schermo e l’inconsistente sensore di impronte digitali nel display. Il P30 Pro ha ancora vetro curvo sia sul davanti che sul retro, ma è una pendenza molto più delicata, qualcosa di molto più vicino alla forma degli ultimi dispositivi Galaxy S di Samsung. Sono un fan di questa curvatura più sottile sia su Samsung che sui telefoni Huawei. Raggiunge il previsto ammorbidimento dei bordi del dispositivo e crea un design più grazioso e più coeso, ma non mi priva di spazio utile sullo schermo. Huawei afferma anche che il suo nuovo scanner per impronte digitali in-display, che rimane ottico (al contrario delle alternative sensibili alla pressione come la parte ultrasonica di Samsung), è il 30 percento più veloce di quello sul Mate 20 Pro.

sensore impronte digitali – credit huawei

Prima di perdersi in tutti i dettagli sul nuovo sistema quad-camera di Huawei, vale la pena di notare le caratteristiche salienti del P30 Pro. Questo nuovo telefono è costruito attorno al processore 7nm Kirin 980 che Huawei progetta da solo, cosa che ho apprezzato molto.

Il processore è ancora una parte di alta qualità e rimarrà tale per il prossimo futuro.

Huawei lo abbinerà con 8GB di RAM e opzioni di archiviazione da 128 GB a 512 GB.

Il display è un pannello OLED curvo da 6,47 pollici con risoluzione 2340 x 1080 e un rapporto di aspetto 19,5: 9. All’interno, c’è una massiccia batteria da 4.200 mAh, che può essere ricaricata fino al 70% in 30 minuti utilizzando la ricarica cablata SuperCharge di Huawei da 40W. P30 Pro supporta anche la ricarica wireless 15 W e la ricarica wireless inversa. Quindi sì, sarai in grado di ricaricare i tuoi Samsung Galaxy Buds dal retro di questo telefono, se lo desideri.

Oggi Huawei sta anche lanciando un non-Pro P30, che ridimensiona le dimensioni dello schermo fino a 6,1 pollici, ha una batteria più piccola da 3,650 mAh e accetta una carica più lenta di 22,5 Watt. Il P30 Pro è certificato IP68 per la resistenza alla polvere e all’acqua, mentre il P30 arriva solo a IP53. Ciò potrebbe essere o meno dovuto al fatto che il P30 ha ancora un jack per le cuffie e un auricolare, entrambi gli elementi che mancano al modello Pro. Il telefono più piccolo avrà anche una configurazione a tre telecamere più semplice, omettendo lo zoom del periscopio e il quarto sensore di rilevamento della profondità.

La più grande scoperta con il P30 Pro è la sua nuova configurazione della fotocamera.

Il marketing senza fiato di Huawei ti dirà che sta

“riscrivendo le regole” della fotografia mobile

e, anche se non andrei così lontano, sembra davvero molto promettente. In primo luogo, la parte sottile: Huawei ha costruito una nuova modalità HDR+ guidata dall’IA che crea una mappa di esposizione intelligente per l’intero fotogramma di una foto e quindi regola ciascuna sezione dell’immagine. Rileva volti e indicatori di paesaggio, come l’erba o il sole, e li tratta in modo appropriato. Questo, insieme ad alcune foto di esempio sorprendentemente nitide e ben esposte che sono riuscito a scattare con il P30 Pro, mi dà motivo di ottimismo sul fatto che Huawei abbia adottato misure per colmare il divario tra le sue fotocamere e il supremo Pixel di Google.

fotocamera – credit image Huawei

Parte di ciò che potrebbe spiegare l’apparente miglioramento della qualità dell’immagine, che ho notato al primo tentativo con il P30 Pro, è il nuovo sensore della fotocamera principale RYYB SuperSpectrum. È ancora un sensore da 40 megapixel che per impostazione predefinita produce scatti da 10 megapixel, combinando quattro pixel in uno, ma ogni pixel è ora diverso. Huawei ha sostituito la disposizione sub-pixel RGB con una con sensori di colore rosso, blu e giallo. E poiché i sensori gialli assorbiranno sia la luce rossa che quella verde, Huawei afferma che questa nuova disposizione assorbe il 40% in più di luce rispetto a RGB, il che porta a foto migliori e più pulite. La parte SuperSpectrum si trova sia su P30 Pro che su P30.

SPECIFICHE DELLA FOTOCAMERA P30 PRO

Ultra grandangolare: 20MP, 16mm, f / 2.2 

Sensore principale: 40MP, 27mm, f / 1.6, OIS

Teleobiettivo: 8MP, 125mm, f / 3.4, OIS

Telecamera a tempo di volo (ToF) per il rilevamento della profondità

Selfie: 32MP con Super HDR Shot e Super Low Light Shot

La ragione di questa grande lastra verticale di fotocamere sul retro del P30 Pro è, naturalmente, la capacità di zoom di questo telefono. In ordine dall’alto al basso: ottieni un obiettivo grandangolare per grandi architetture o grandi foto di gruppo; la fotocamera principale, che è ora migliorata con stabilizzazione ottica dell’immagine; e un nuovo zoom periscopio che offre uno zoom ottico 5x.

Huawei afferma che, combinando i dati di immagine della fotocamera principale e del teleobiettivo, il P30 Pro può produrre uno zoom 10x senza perdita.

Utilizzando le informazioni sulla profondità del sensore ToF, Huawei è molto più preciso nell’identificare il soggetto e separare nettamente la persona dallo sfondo. Ma la novità ora è che Huawei sta anche valutando il bokeh simulato nella sua modalità verticale: il bokeh sarà meno pronunciato più vicino al soggetto e sempre più morbido e sfocato mentre ci si allontana da esso. Ciò significa che non si otterrà l’effetto di ritaglio 2D con le foto di ritratto.

Sul fronte video, Huawei promette di aggiungere una funzione di registrazione “Dual Video” che riprenderà video simultanei sia dal sensore principale che dal teleobiettivo, combinandoli in un unico video widescreen side-by-side. Questo avverrà in un futuro aggiornamento del software.

Se non l’ho ancora evidenziato abbastanza, sono eccitato per il Huawei P30 Pro. Huawei, nonostante l’incapacità cronica di mantenere segreti i suoi nuovi telefoni, continua a migliorare a un ritmo che pochi altri produttori di smartphone possono eguagliare.

In termini di pura potenza di calcolo, il P30 Pro offre le prestazioni più elevate che puoi chiedere oggi.

Huawei sta vendendo il P30 Pro a € 999 con 8GB di RAM e 128GB di spazio di archiviazione, o € 1.099 per la configurazione da 8GB / 256GB, o € 1.249 per 8GB / 512GB. Il P30 avrà un costo di 799 € con 6 GB di RAM e 128 GB di spazio di archiviazione. Entrambi i telefoni sono in vendita immediatamente e il P30 Pro è disponibile in una nuova variante di colore sfumato blu chiamata Breathing Crystal, insieme a un Pearl White, un rosso iridescente chiamato Amber Sunrise, Aurora di Huawei e un Nero basic.

Condividi su:

valerio sanna

Vsx Blog : il mio punto di vista sul mondo del web, dell'innovazione e della scienza.

Leggi Precedente

Perchè gli USA vogliono mandare astronauti al polo sud lunare?

Leggi Prossimo

Facebook bandisce nazionalisti e separatisti bianchi dalla sua piattaforma

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Social media & sharing icons powered by UltimatelySocial