• 22 Aprile 2024

Perchè gli USA vogliono mandare astronauti al polo sud lunare?

Polo sud lunare

Polo sud lunare

Condividi su:

Nel dicembre del 2017, A circa un anno dal suo incarico di presidente, Donald Trump ha diretto la NASA a sviluppare un piano per riportare gli astronauti americani sulla luna . Da allora, il governo ha rilasciato pochi dettagli su come sarebbe questa missione. Ma martedì, alla quinta riunione del Consiglio nazionale dello spazio, il vicepresidente Mike Pence ha distribuito una grande informazione: quando gli astronauti americani torneranno sulla luna, atterreranno al polo sud lunare. Perché là? Perché c’è ghiaccio ai poli lunari, che Pence sosteneva potrebbe essere trasformato in combustibile per razzi.

“In questo secolo, stiamo tornando alla luna con nuove ambizioni”,

ha detto Pence. “Non solo per viaggiare lì, ma anche per estrarre l’ossigeno dalle rocce lunari che riforniranno le nostre navi, usare l’energia nucleare per estrarre l’acqua dai crateri permanentemente in ombra del polo sud e volare su una nuova generazione di veicoli spaziali che consentiranno per raggiungere Marte in mesi, non anni. “

Fino a un decennio fa, gli scienziati planetari erano abbastanza sicuri che sulla luna non esistesse acqua perché non aveva un’atmosfera sostanziale. 

Negli ultimi 10 anni, tuttavia, l’analisi dei dati raccolti dall’orbita lunare Chandrayaan-1 dell’Organizzazione di ricerca spaziale indiana “ha definitivamente ” dimostrato che sulla luna esiste il ghiaccio. La maggior parte del ghiaccio rilevato dal Chandrayaan-1 si trova nei crateri del polo sud, che è permanentemente in ombra a causa della leggera inclinazione assiale della luna. Le temperature non superano mai i -250 gradi Fahrenheit in questi crateri, impedendo al ghiaccio di evaporare nello spazio.

Come ha sottolineato l’amministratore della NASA Jim Bridenstine, alla riunione del Consiglio nazionale dello spazio, gli scienziati della NASA hanno stimato che potrebbero esserci fino a 1 trilione di chili di ghiaccio sui poli lunari sulla base dei dati di Chandrayaan-1. Questo, ha detto Bridenstine, “significa supporto vitale, aria da respirare, acqua da bere, [e] idrogeno e ossigeno, che è la propulsione a razzo sulla superficie della luna”.

Sia Pence che Bridenstine, hanno parlato come se avessimo già la tecnologia per estrarre questo ghiaccio lunare per il supporto vitale e il carburante per i razzi, ma gli scienziati dicono che c’è molto lavoro da fare prima che questo sia possibile.

Il primo grande ostacolo che la NASA deve superare? Completare lo Space Launch System (SLS)

L’imponente razzo di nuova generazione dell’agenzia, che è in foorte ritardo. I ritardi generano ritardi, spingendo la prima missione con equipaggio sulla superficie lunare fino al 2028 , una data obiettivo che Pence ha detto che non era “abbastanza buona” alla riunione del Consiglio Nazionale dello Spazio, dove ha chiesto una missione nel 2024.

Anche se la NASA accelera lo sviluppo SLS per la data obiettivo del 2024, dettata dall’amministrazione Trump per una missione con equipaggio, l’atterraggio al polo sud aggiunge un ulteriore livello di difficoltà alla missione.

“Il polo sud è un ottimo posto per inviare esseri umani e dobbiamo assolutamente inviarli lì”,

dice Ryan Watkins, uno scienziato ricercatore presso il Planetary Science Institute che ha studiato siti di atterraggio lunari. “C’è solo di più rispetto ad altri siti di atterraggio.” L’orientamento del polo sud lunare può creare problemi di comunicazione tra gli astronauti sulla luna e il controllo della missione sulla Terra, dice Watkins. Il polo sud lunare ha anche un terreno più accidentato rispetto alla regione equatoriale della luna, che è il luogo in cui gli astronauti dell’Apollo 11 sbarcarono nel 1969.

“Secondo me, sarebbe meglio forse mandare degli umani da qualche altra parte [sulla luna] e testare come estrarre queste risorse, e poi alla prossima missione, mandarli al polo sud”

dice Watkins.

Poi c’è la questione delle tecniche per estrarre e convertire il ghiaccio lunare.

Jack Burns, un astrofisico dell’Università del Colorado, che ha prestato servizio nella squadra di transizione presidenziale della NASA, ha sottolineato, durante l’incontro del Consiglio spaziale di martedì, quanto poco sappiamo sull’acqua lunare, per non parlare di come trasformarla in combustibile per razzi sulla luna.

“Prima di mettere gli stivali nel polo lunare, abbiamo urgentemente bisogno di una missione robotica di ricerca di ghiaccio “,

ha detto Burns. “Non capiamo che aspetto abbia il ghiaccio sotto la superficie. È mescolato finemente con la regolite lunare o sono blocchi di ghiaccio? Entrambe le teorie sono teoricamente possibili, ma richiederebbero tecniche molto diverse di estrazione. “

Il piano dell’amministrazione Trump, di inviare astronauti al polo sud lunare è sicuramente audace, ma prima di fare il “prossimo passo da gigante” potrebbe essere una buona idea capire cosa faremo una volta arrivati ​​lì.

Condividi su:

valerio sanna

Vsx Blog : il mio punto di vista sul mondo del web, dell'innovazione e della scienza.

Leggi Precedente

HTC annuncia il prezzo delle Vive Focus Plus e sono costose

Leggi Prossimo

huawei p30 pro, una macchina fotografica vera e propria

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Social media & sharing icons powered by UltimatelySocial