• 22 Aprile 2024

Facebook bandisce nazionalisti e separatisti bianchi dalla sua piattaforma

facebook bandisce nazionalisti

Facebook si muove per bandire i contenuti nazionalisti e separatisti bianchi sulla sua piattaforma

Condividi su:

In un drammatico cambiamento di politica, Facebook ha annunciato che da oggi bandisce il nazionalismo bianco e il separatismo dalla sua piattaforma. La decisione, arriva a poco meno di due settimane da quando un suprematista bianco ha ucciso 50 persone a Christchurch, in Nuova Zelanda.

È un cambiamento radicale nella politica aziendale

In un post sul blog, Facebook ha affermato che qualsiasi

“elogio, supporto e rappresentazione del nazionalismo e separatismo bianco”

sarebbe vietato quando la nuova politica entrerà in vigore la prossima settimana. “È chiaro che questi concetti sono profondamente legati ai gruppi di odio organizzati e non hanno alcun posto sui nostri servizi”, si legge nel blog.

Facebook ha proibito il contenuto dei supremazisti bianchi per un po ‘di tempo, ma fino ad oggi non ha incluso il nazionalismo o il separatismo bianco. Contenuti razzisti e odiosi basati su razza, etnia e religione sono stati vietati dalla precedente politica, ma secondo le nuove regole di Facebook, frasi come “L’immigrazione sta dilaniando questo paese; il separatismo bianco è l’unica risposta “sarà anche vietata.

È chiaro che questi concetti sono profondamente legati ai gruppi di odio organizzati e non hanno alcun posto sui nostri servizi

Secondo la nuova politica, chiunque cerchi contenuti o frasi razziste come “Heil Hitler” sarà diretto all’organizzazione Life After Hate che fornisce servizi agli ex suprematisti bianchi e agli estremisti come risorse educative, gruppi di supporto e interventi di crisi.

I sostenitori sono fiduciosi che il cambiamento di politica di Facebook potrebbe accendere un fuoco sotto i piedi di altre piattaforme per fare cambiamenti simili. “L’aggiornamento di Facebook dovrebbe spostare Twitter, YouTube e Amazon per agire con urgenza per arginare la crescita delle ideologie nazionaliste bianche, che trovano spazio sulle piattaforme per diffondere le idee violente e la retorica che ha ispirato i tragici attacchi a Charlottesville, Pittsburgh e Christchurch” lo ha dichiarato Il presidente del Colour of Change, Rashad Robinson.

Lo speriamo tutti ovviamente, anche se l’odio temo che troverà nuovi posti dove gridare il suo veleno.

Condividi su:

valerio sanna

Vsx Blog : il mio punto di vista sul mondo del web, dell'innovazione e della scienza.

Leggi Precedente

huawei p30 pro, una macchina fotografica vera e propria

Leggi Prossimo

Microsoft prende posizione contro le battute del pesce d’aprile

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Social media & sharing icons powered by UltimatelySocial