• 23 Febbraio 2024

I 5 miti sulla blockchain che devono essere sfatati

Blockchain: i miti da sfatare
Condividi su:

Per anni, la blockchain è stata annunciata come una scoperta tecnologica con un potenziale e delle prospettive incredibili. Eppure, nonostante la divulgazione aggressiva e tutti i discorsi sulla sua versatilità, c’è ancora una quantità sorprendente di idee sbagliate e miti sulla blockchain. 

Questi fraintendimenti sono comuni sia per gli investitori che per il pubblico in generale e rendono difficile vedere le reali possibilità e le carenze di questa innovazione tecnologica.

Iniziamo a spiegare cos’è la blockchain

La blockchain è una struttura dati condivisa ed immutabile. Si tratta di un libro mastro, un registro digitale le cui voci sono raggruppate in “blocchi” concatenati in ordine cronologico. E’ immutabile in quanto, di norma, il suo contenuto una volta scritto non è più né modificabile né eliminabile.

Questa sorta di database distribuito è gestito da una rete di nodi, ognuno dei quali ne possiede una copia privata e partecipa alla conferma delle operazioni. Una volta autorizzata l’aggiunta di un nuovo blocco, ogni nodo aggiorna la propria copia privata. Quindi, in teoria, se non si modificano almeno il 51% delle copie non si può “autorizzare” la modifica al registro.

Qui, chiariremo alcuni dei miti più diffusi sulla blockchain.

Mito n° 1: Blockchain e Bitcoin sono la stessa cosa

Probabilmente, questo è il più popolare dei miti sulla blockchain. È piuttosto comprensibile, dal momento che la blockchain è emersa per la prima volta in relazione a Bitcoin come piattaforma di base.

Tuttavia, ci sono delle differenze fondamentali:

  • Blockchain è una tecnologia di registro distribuito. Essenzialmente, è un modo decentralizzato di immagazzinare dati e verificarne l’autenticità attraverso meccanismi di consenso.
  • Bitcoin (o Ethereum, Ripple, Tether, ecc.) È una valuta digitale che opera su blockchain, che consente la verifica delle transazioni e utilizza la crittografia per motivi di sicurezza.

Bitcoin e le altre criptovalute sono solo uno dei tanti possibili casi di utilizzo della tecnologia blockchain. Altri casi includono, ad esempio, sistemi di archiviazione di record tradizionali e digitali, come per le cartelle cliniche elettroniche, la sicurezza delle transazioni finanziarie digitali, il monitoraggio dei sistemi di trasporto pubblico e di amministrazione.

Ora che le criptovalute stanno lottando per rimanere a galla, sarebbe bene aggiungere che questi casi d’uso sono ciò che effettivamente garantisce la sostenibilità futura della blockchain come tecnologia.

Mito n° 2: tutte le Blockchain sono aperte e decentralizzate

Questa è un’idea diffusa promossa da molti articoli e notizie di vario genere. Cosa c’è di sbagliato in questo? La risposta breve è: c’è più di un tipo di blockchain con vari gradi di apertura e decentramento.

La risposta più lunga è che ci sono tre tipi principali di blockchain:

  • Pubbliche
  • Private
  • Consorziate ( federative)

Di questi tre, solo le blockchain pubbliche sono aperte e solitamente completamente decentrati ed anonime. Nel frattempo, quelle private ​​e consorziate hanno un accesso limitato, richiedono un’autorizzazione e possono essere semi-decentrate. Buoni esempi di quest’ultimo tipo sono le soluzioni aziendali esistenti basate su Hyperledger ed Ethereum per l’istruzione, l’assistenza sanitaria, il settore bancario, ecc.

Questa varietà consente uno sviluppo di soluzioni personalizzate più flessibili e offre più opzioni tecniche basate su ciò che meglio si adatta agli obiettivi e alle priorità in ciascun caso particolare. Per scopi e applicazioni aziendali, i consulenti blockchain generalmente raccomandano blockchain pubbliche per criptovalute e private o federative per progetti di gestione di soluzioni tecnologiche, sistemi bancari e aziendali.

Mito n° 3: La blockchain è inviolabile

Questo si basa sulla credenza popolare che le blockchain siano pesantemente criptate e troppo decentralizzate per essere violate. Quindi, anche se un hacker ottiene l’accesso, ci sono sempre così tanti nodi (cioè, dispositivi di rete con copie del database che verificano e tengono traccia di eventuali modifiche al sistema) che è praticamente impossibile sovrascriverne abbastanza (oltre il 50% ) per corrompere veramente il sistema.

Il problema con questa linea di pensiero è che semplifica eccessivamente il problema. Ci sono molte variabili aggiuntive che contano:

  • La rete è privata o pubblica, decentralizzata o con una certa centralizzazione?
  • Quanti nodi totali ci sono?
  • La blockchain comunica con sistemi esterni e in che modo?
  • Quante conferme ci vogliono per aggiornare il libro mastro?

In passato, gli hacker hanno già sfruttato queste variabili in numerose occasioni, di recente con un attacco al 51% di Ethereum Classic ad esempio, oppure con il furto di 40 milioni di dollari dall’exchange Binance.

L’idea dell’immutabilità innata della blockchain è sproporzionata. Come qualsiasi sistema, può essere violato con abbastanza sforzo e potenza di elaborazione. Ciò nonostante, nella maggior parte dei casi, la decentralizzazione rappresenta un forte vantaggio aggiuntivo per la sicurezza pubblica della blockchain, oltre alla crittografia e ad altre misure standard di protezione dei dati, naturalmente.

Mito n° 4: La blockchain è solo per i criminali e gli affari illeciti

Non regolate, rese anonime, digitali, veloci, globali: ci sono molte ragioni per cui le criptovalute possono essere interessanti per i criminali. E poiché molti credono che Bitcoin e blockchain siano la stessa cosa, è facile vedere come questo proietta le caratteristiche sulla tecnologia sottostante per estensione.

Tuttavia, non sono noti esempi di libri mastri digitali utilizzati o sviluppati per uso criminale. In effetti, ci sono molti modi in cui la blockchain può aiutare le forze dell’ordine a rintracciare e localizzare i perpetratori, immagazzinare e processare informazioni, tenere traccia delle prove e dei testimoni e almeno in parte eliminare gli errori umani quando si tratta di controlli dei dati, standardizzazione e integrazione.

Considerando tutto quanto sopra, così come il fatto che l’uso criminale delle criptovalute sia in declino al momento, questo è uno dei miti sulla blockchain che vacilla di più.

Mito n° 5: La blockchain è già diffusa ovunque

Dall’altro lato dello spettro si trova l’idea che la blockchain abbia potenzialmente una risposta a tutto e dovrebbe essere usata ovunque. La blockchain è ciò in cui investono giganti IT, catene alimentari e governi e chiunque in qualsiasi settore dovrebbe probabilmente fare lo stesso, giusto?

Non necessariamente.

Piuttosto che saltare sul carrozzone solo perché è attualmente una grande cosa, le aziende dovrebbero prima capire i limiti e i punti di forza della tecnologia, nonché se sia effettivamente adatta per un particolare progetto. La blockchain dovrebbe essere applicata quando è rilevante e può dimostrarsi più efficiente rispetto ai database tradizionali o ai sistemi di transazione in uso.

Ecco una lista di utilizzi dove la blockchain potrebbe portare dei vantaggi:

  • I dati storici potrebbero essere protetti da manomissioni.
  • Sarebbe più efficiente automatizzare la creazione, la firma e la verifica di un contratto.
  • Un progetto beneficerebbe del decentramento totale o parziale.

Se questi vantaggi sono realizzabili in concreto, allora c’è la possibilità che un’azienda tragga vantaggio da un sistema basato su blockchain. Tuttavia, dovrebbero sempre essere condotti molti test prima di arrivare ad un cambiamento di questo tipo..

Conclusioni

La blockchain come la conosciamo è vecchia come l’iPhone, ma in realtà non è neanche lontanamente altrettanto chiara e diffusa come lo sono gli smartphone. Si tratta di una tecnologia dirompente, promettente nella fase iniziale del suo sviluppo, ma non ancora completamente consolidata o standardizzata. Il clamore che la circonda l’ha messa in prima linea nella trasformazione digitale, ma ha anche generato molti malintesi e sopravvalutazioni.

È importante separare i fatti dalla finzione e riconoscere le reali capacità e i limiti della tecnologia. Al momento, suona particolarmente vero, dato che blockchain non ha ancora completamente soddisfatto le aspettative iniziali, Bitcoin è in una continua altalena, e sia la follia che la mania della speculazione legate a questa tecnologia sembra che stiano finalmente rallentando.

Condividi su:

valerio sanna

Vsx Blog : il mio punto di vista sul mondo del web, dell'innovazione e della scienza.

Leggi Precedente

I sacchetti di plastica biodegradabile lo sono davvero?

Leggi Prossimo

4 domande che ti devi fare prima di creare contenuti

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Social media & sharing icons powered by UltimatelySocial