• 22 Aprile 2024

Google e il diritto all’oblio : A cosa serve e come si richiede

diritto all'oblio
Condividi su:

Il diritto all’oblio consente alle persone di richiedere la rimozione degli URL su Google, ma solo per determinati paesi.

Hai mai cercato te stesso su Google e hai trovato informazioni errate o obsolete? Potrebbe essere storia antica e non riflettere più chi sei oggi, ma è ancora in primo piano nei risultati di ricerca di Google.

Tutti fanno degli errori. Una persona dovrebbe essere punita per quell’errore anni o decenni dopo a causa di siti Web indicizzati su motori di ricerca come Google?

Diversi paesi, compresi quelli dell’Unione Europea, hanno una legislazione che prevede “il diritto all’oblio”. (RTBF)

È la possibilità per una persona di richiedere pagine di deindex di Google che fanno riferimento al proprio nome o incidenti specifici ad esso correlati.

Le informazioni sono ancora sui siti originali, ma non appariranno nell’indice di Google e quindi è meno probabile che vengano visualizzate.

Google ha recentemente pubblicato un video che ricorda alle persone questa legge, insieme a istruzioni dettagliate che mostrano come richiedere la rimozione dei contenuti con il diritto all’oblio.

Google e il diritto all’oblio

Ecco di più su RTBF, insieme ai punti salienti del video di Google.

Cosa costituisce un diritto all’oblio?

Le leggi di ogni paese che supportano RTBF (Right To Be Forgotten) sono diverse, ma il concetto è che le informazioni personali su una persona possono essere rimosse dai risultati di ricerca in determinate condizioni.

Ad esempio, una persona commette un crimine, è stata condannata e ha scontato la pena. Qualche decennio dopo vuole fare domanda per un lavoro, ma una ricerca su Internet mostra l’arresto. Il datore di lavoro non assume il potenziale dipendente anche se da allora ha vissuto una vita integerrima.

Esiste un conflitto tra il diritto alla privacy e la libertà di espressione. Secondo la Middle Tennessee State University , nel 2014 un giudice dell’Unione europea ha stabilito un precedente quando un avvocato spagnolo ha voluto deindicizzare i siti Web che si riferivano a un vecchio debito.

Ci sono molte ragioni per cui una persona potrebbe desiderare che le pagine di ricerca vengano rimosse, inclusi scandali, imbarazzo, giudizi sbagliati, ecc. o qualsiasi cosa che possa impedirle di avere una vita normale.

Il Regno Unito ha il Rehabilitation of Offenders Act che afferma che le condanne penali non dovrebbero essere prese in considerazione dopo un periodo di tempo specifico per condizioni come l’occupazione e l’assicurazione. Negli Stati Uniti la trasparenza e il diritto alla libertà di parola regnano sovrani, ma nell’UE il Diritto all’Oblio è un diritto umano.

I seguenti criteri vengono utilizzati per determinare se una richiesta è idonea per il diritto all’oblio:

  • Le informazioni sono poco accurate?
  • Le informazioni sono inadeguate?
  • L’informazione è irrilevante?
  • Le informazioni sono eccessive?
  • C’è un interesse pubblico per la disponibilità delle informazioni?

Come richiedere il diritto all’oblio

Se ti trovi in ​​un paese che consente il “diritto all’oblio” come l’Italia, puoi chiedere a Google di rimuovere determinate pagine per una query di ricerca specifica, come un nome. Ciò non significa che le pagine non verranno visualizzate per altre query di ricerca.

Gli Stati Uniti non riconoscono il “diritto all’oblio” perché interferisce con i diritti del Primo Emendamento e la libertà di espressione.

Una persona non può richiedere la rimozione se ha creato il contenuto. Se una persona crea un sito Web o un account di social media, può apportare modifiche alle impostazioni di sicurezza o rimuovere il sito Web. Il sito Web deve provenire da un’altra parte, ad esempio un’organizzazione giornalistica.

Il primo passo è visitare g.co/legal e scegliere Ricerca Google. Devi fornire la prova che sei la persona coinvolta con le pagine.

Controlla le informazioni personali e il “diritto all’oblio” per il motivo della rimozione. Compila tutte le informazioni necessarie tra cui l’indirizzo del sito Web, le informazioni personali e le query di ricerca specifiche. Più informazioni sono disponibili, migliore sarà la decisione di Google.

Google ti invia un’email in cui verifica di aver ricevuto la richiesta e quindi inizia il processo decisionale. Il processo non è automatizzato e almeno un revisore esaminerà la richiesta, ma la quantità di tempo necessaria per una decisione dipende da numerosi fattori.

Il problema più grande è come la richiesta incide sull’interesse pubblico rispetto ai diritti alla privacy. Ad esempio, se un importante personaggio pubblico coinvolto in uno scandalo volesse rimuovere questi risultati di ricerca, la risposta di Google sarebbe negativa a causa dell’interesse pubblico dell’informazione.

Altri fattori includono:

  • Ruolo nella vita pubblica
  • Da dove provengono le informazioni
  • Quanti anni ha
  • Problemi di privacy

Se la richiesta viene approvata, gli URL vengono rimossi solo dai paesi coinvolti. Se una persona dell’UE richiede la rimozione degli URL, Google li rimuove dagli elenchi dei paesi dell’UE, ma non dagli Stati Uniti o da altri paesi.

Se la richiesta viene respinta, la persona può fare ricorso alla divisione per la privacy dei dati del proprio paese.

Abusare del diritto all’oblio

La gestione della reputazione è un grande affare e non tutti usano il diritto all’oblio come dovrebbero. Ci sono stati tentativi da parte di alcuni di fare più richieste per aumentare le possibilità di approvazione.

Anche le aziende che hanno ricevuto recensioni negative hanno tentato di rimuovere gli URL, ma generalmente non hanno avuto successo.

Condividi su:

valerio sanna

Vsx Blog : il mio punto di vista sul mondo del web, dell'innovazione e della scienza.

Leggi Precedente

Samsung Galaxy S22 prezzo : Un telefono da 1.000 euro ha senso?

Leggi Prossimo

Instagram per il web: 10 estensioni che ti saranno molto utili

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Social media & sharing icons powered by UltimatelySocial