• 25 Giugno 2024

Il Parlamento europeo approva il database “Grande fratello”

database grande fratello

database europeo sulle identità

Condividi su:

Il Parlamento europeo ha spinto per creare uno dei più grandi database di dati biometrici del mondo, tra le preoccupazioni dei difensori delle libertà civili e delle autorità per la protezione dei dati personali dell’UE .

I critici sostengono che i piani per collegare insieme i database delle identità esistenti in tutta l’UE, potrebbero infrangere le leggi europee sulla protezione dei dati.

I deputati hanno approvato il Common Identity Repository (CIR), come parte di un più ampio schema di collegamento tra una serie di banche dati legate all’identità in tutta l’UE.

Le nuove regole che collegano i sistemi di sicurezza esistenti, migrazione e gestione delle frontiere, hanno lo scopo di aiutare a combattere gli attacchi degli estremisti e sono state introdotte sulla scia degli attacchi terroristici degli ultimi anni.

Le regole introducono anche un nuovo database che memorizza dati biometrici su cittadini non comunitari, ha affermato la Commissione europea.

Confini e sicurezza interna

Il CIR è destinato all’uso da parte della polizia e delle guardie di frontiera, insieme ad altri sistemi, che consentiranno loro di effettuare un controllo incrociato dei dati biometrici fra i database degli Stati membri.

“L’interoperabilità aiuterà coloro che lavorano in prima linea a mantenere i cittadini europei al sicuro, assicurando alla polizia e alle guardie di frontiera un accesso efficiente alle informazioni di cui hanno bisogno, anche per combattere le frodi sull’identità, consentendo loro di svolgere correttamente il proprio lavoro”, ha dichiarato il commissario alla sicurezza per l’Unione, Julian King, dopo il voto.

La Commissione ha affermato che le nuove misure :

accelereranno gli sforzi in corso a livello di UE per migliorare la sicurezza interna.

Ma i sostenitori delle le libertà civili sostengono che l’iniziativa porterà alla creazione di una “banca dati centralizzata europea in stile Grande Fratello”.

Questo sistema è paragonabile ai database utilizzati dal governo cinese, dal sistema indiano Aadhar e dalla protezione doganale degli Stati Uniti (CBP) e dall’FBI.

Ma è in contrasto con le leggi sulla privacy

Le autorità europee per la protezione dei dati hanno contestato le proposte, affermando che in effetti creano una scappatoia nella legge sulla privacy.

Le norme sulla protezione dei dati GDPR impongono limiti al modo in cui le informazioni possono essere raccolte e conservate, affermando che possono essere raccolte solo per “scopi specifici, espliciti e legittimi” e non possono essere ulteriormente elaborate “in modo incompatibile con tali finalità” .

Le autorità per la protezione dei dati affermano che i piani della Commissione, prevedono la riutilizzazione dei dati in modo incompatibile con il GDPR, con il garante europeo della protezione dei dati, Giovanni Buttarelli, che avverte di un potenziale “mega database” in cui tutti i nostri comportamenti sono considerati utili a fini investigativi e devono essere resi accessibili perché combattono il crimine.

Un anonimo consigliere del Parlamento europeo ha dichiarato, al sito di notizie Politico, che la fusione effettiva dei dati da più database, progettati per scopi diversi, è simile a “creare una scappatoia” nel diritto alla privacy dell’UE.

La Commissione sostiene che le banche dati devono essere rese “interoperabili”.

I diritti fondamentali rimangono protetti

“L’interoperabilità non modifica le regole sull’accesso e la limitazione delle finalità relative ai sistemi di informazione dell’UE”, si legge in una nota. “I diritti fondamentali rimangono quindi protetti”.

L’editore di Statewatch, Tony Bunyan, ha affermato che le proposte dell’UE sono diventate sempre più ambiziose.

“Ciò che è iniziato come creazione di interconnettività tra le banche dati della giustizia e degli affari interni (GAI) è stato rapidamente respinto a favore dell’interoperabilità, che a sua volta si è trasformata nelle mani del Consiglio e della Commissione nella creazione di un database centralizzato UE che copra tutte le banche dati GAI “, ha scritto Bunyan in uno studio lo scorso anno.

Il Consiglio europeo deve ora redigere il regolamento, dopo di che deve essere firmato dal presidente del Parlamento europeo e dalla presidenza di turno del Consiglio.

La Commissione ha dichiarato che spera di avere le nuove misure in vigore entro il 2023.

Condividi su:

valerio sanna

Vsx Blog : il mio punto di vista sul mondo del web, dell'innovazione e della scienza.

Leggi Precedente

Instagram potrebbe iniziare a nascondere i conteggi dei Mi Piace

Leggi Prossimo

Nel mondo parte la distribuzione del primo vaccino contro la malaria

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Social media & sharing icons powered by UltimatelySocial