• 22 Luglio 2024

Come scegliere parole chiave: 3 segreti che in pochi conoscono

Condividi su:

La ricerca per parole chiave esiste da decenni, ma pochi esperti di marketing si rendono conto di come sia cambiata e come sia diventato difficile scegliere parole chiave adatte ad ogni contesto.

Se chiedi a un esperto SEO di nominare una tattica SEO che è cambiata di più nel corso degli anni, è probabile che risponda con sicurezza alla “la link building”. Alcuni indicheranno “compiti tecnici” e pochissimi penseranno mai a “scegliere parole chiave”.

La verità è che la maggior parte delle attività SEO ha un aspetto completamente diverso al giorno d’oggi, ma pochi esperti SEO hanno cambiato il modo fondamentale in pensano a scegliere parole chiave e ottimizzano i contenuti per quelle parole chiave.

Sì, sembra che alla fine ci siamo lasciati alle spalle la densità delle parole chiave ma fondamentalmente non è cambiato nulla: eseguiamo strumenti per la ricerca di parole chiave, troviamo stringhe di keywords pertinenti e le utilizziamo il più possibile in una pagina dedicata.

Nel frattempo, la comprensione e il trattamento delle parole chiave da parte di Google è completamente cambiata.

Le parole chiave a corrispondenza esatta stanno diventando obsolete

Google ha una lunga storia di tentativi di comprendere le query di ricerca oltre a far corrispondere le stringhe di parole in esse ai documenti nell’indice di ricerca.

E ci sono riusciti.

È iniziato anni fa con Hummingbird che è stato introdotto per la prima volta in modo silenzioso e poi annunciato ufficialmente nell’agosto del 2013.

Tuttavia, pochi SEO hanno effettivamente capito l’aggiornamento o si sono resi conto di quanto fosse cambiato tutto ciò che conoscevano fino a quel momento.

Con Hummingbird Google ha chiarito che stavano lottando per una comprensione più profonda della ricerca e che alla fine avrebbero risolto tutti i loro problemi. Poiché riescono a sapere esattamente cosa vuole un ricercatore e imparano a darglielo, nessun segnale falso o manipolazione di algoritmi influirà sulla qualità della ricerca.

Con Hummingbird è stata la prima volta che Google ha annunciato di voler capire “cose” invece di abbinare “stringhe di parole”. In altre parole, con Hummingbird le stringhe di parole chiave a corrispondenza esatta hanno iniziato a diventare sempre meno utili.

Poi, dopo Hummingbird, è arrivato BERT che ha aiutato Google a migliorare la sua comprensione di come le persone effettuano ricerche.

Cosa intendono le persone quando digitano una query di ricerca?

  • Il contesto è ciò che conta
  • Google sta lottando, ma lentamente riuscendo a capire “contesto, tono e intenzione”
  • Le query di ricerca stanno diventando meno prevedibili poiché sempre più persone parlano a un motore di ricerca nel modo in cui pensano
  • Le parole d’arresto in realtà aggiungono significato e sono spesso cruciali per cambiarlo.

Gli strumenti di ricerca per parole chiave sono ancora utili . Ti aiutano a capire gli schemi: come le persone tendono a formulare una domanda quando cercano risposte e soluzioni nella tua nicchia.

Ma quelle parole chiave con volume di ricerca non sono sempre quelle che le persone usano per ricercare l’argomento di destinazione. Secondo Google, le persone effettuano ricerche in modi diversi, spesso imprevedibili. Secondo Google , su base giornaliera il 15% delle ricerche sono quelle che Google non ha mai visto prima.

Ogni giorno Google incontra il 15% di query di ricerca completamente nuove . Ecco come sono diversi i comportamenti di ricerca.

Allontanandosi dalla corrispondenza delle parole chiave, Google si impegna a fornire risposte complete e attuabili alla query. Ed è anche ciò che la tua strategia SEO dovrebbe mirare a fare.

Scegliere parole chiave come hai sempre fatto è probabilmente un metodo ancora valido: ti aiuta a capire la domanda di determinate query, a dare priorità alle tue risorse di contenuto e a strutturare il tuo sito.

È il passaggio di ottimizzazione che è completamente diverso ormai. Non è più sufficiente utilizzare quella parola nel titolo, nella descrizione e nei titoli della pagina .

Quindi, quando crei una strategia di ottimizzazione per ogni parola chiave che identifichi:

  • Cerca di capire cosa soddisferebbe l’ intento di ricerca dietro a quella query: cosa sta veramente cercando quel ricercatore? Una lista? Un video? Un prodotto da acquistare? Una guida da seguire? Anche lievi modifiche in una stringa di parole chiave ricercabili (ad esempio plurale o singolare ) possono segnalare un intento di ricerca di cui devi essere consapevole.
  • Cerca su Google quella query e guarda i suggerimenti di ricerca: Google è molto bravo a identificare ciò di cui un ricercatore ha bisogno, quindi genera suggerimenti di ricerca che possono darti molti indizi.

Le parole chiave di marca sono la tua priorità

Sempre più persone utilizzano la ricerca per navigare su un sito Web e ci sono diversi motivi per questo:

  • Alcuni browser più potenti consentono alle persone di effettuare ricerche dalla barra degli indirizzi (incluso Safari sia su desktop che su dispositivo mobile e, ovviamente, Google Chrome)
  • Le persone si stanno abituando alla ricerca vocale, quindi si limitano a pronunciare i nomi dei marchi per eseguire una ricerca.

In altre parole, i tuoi clienti che probabilmente conoscono il tuo marchio e sono probabilmente pronti per effettuare un acquisto: quei clienti duramente guadagnati sono costretti a cercare il nome del tuo marchio o la tua query sul marchio.

E cosa vedranno?

È sbalorditivo quante aziende non abbiano idea di cosa venga fuori per la loro ricerca per marca o di quanti clienti perdano a causa di una gestione della reputazione in-SERP mal gestita (o più spesso inesistente).

Ci sono tre cose cruciali da sapere sulla ricerca basata sul marchio:

  • Si tratta per lo più di query ad alto intento: questi ricercatori stanno digitando il nome del tuo marchio con l’intenzione di acquistare da te
  • Questi sono spesso i tuoi clienti esistenti e di ritorno che tendono ad acquistare di più rispetto ai nuovi clienti
  • Entrambi i fattori di cui sopra rendono queste ricerche la priorità assoluta.

Eppure, non hai il controllo su ciò che le persone vedono quando cercano il tuo marchio. In effetti, il monitoraggio e l’ottimizzazione per quelle query basate sul marchio non sono un’attività una tantum. Sono necessarie finché esiste il tuo marchio.

  • Tratta il tuo marchio come una parola chiave: espandilo, ottimizzalo, monitora il posizionamento del tuo sito.
  • Identifica i problemi di livello più profondo dietro i modelli di ricerca basati sul marchio dei tuoi clienti: cosa puoi migliorare per risolvere i problemi dietro queste query?

Le tue query di ricerca sul marchio dovrebbero diventare parte della tua canalizzazione di vendita: tutto, dalla pagina Informazioni alle pagine dei prodotti e ai lead magnet , dovrebbe catturare quelle opportunità guidate dal marchio.

In molti casi, quando vedi una grande quantità di parole chiave basate sul marchio, potrebbe essere necessario un approccio di livello superiore, come la creazione di una base di conoscenza autonoma.

Le entità sono fondamentali

Queste entità sono il modo di Google di capire questo mondo.

Le entità sono tutti nomi propri là fuori: luoghi, persone, marchi, ecc.

Google ha una mappa delle entità – chiamata Knowledge Graph – che costituisce la comprensione del mondo da parte di Google.

Le entità aiutano Google a comprendere il contesto e l’intento di ricerca.

Le entità aiutano Google a comprendere il contesto e l’intento di ricerca.

Essere l’entità di Google significa apparire nelle ricerche in cui eri implicito ma mai menzionato:

Attraverso le associazioni di entità, Google sa di cosa tratta qualsiasi ricerca.

Le entità dovrebbero essere il fulcro del tuo processo per scegliere parole chiave efficaci. Quali sono le entità conosciute nella tua nicchia? come associ il tuo marchio a tali entità?

Conclusione

L’ottimizzazione dei motori di ricerca si sta evolvendo rapidamente, quindi è necessaria una strategia agile per consentire ai marchi di tenere il passo. Scegliere parole chiave alla vecchia maniera non paga, la corrispondenza esatta è vecchia di 10 anni!

Ecco i punti da tenere a mente:

  • Le parole chiave a corrispondenza esatta sono utili per la ricerca di modelli e tendenze, ma non tanto per scopi di ottimizzazione
  • Quando si ottimizza per le parole chiave, si ottimizza per l’intento e si risolvono i problemi
  • Le parole chiave basate sul marchio dovrebbero essere la tua massima priorità perché non puoi controllare le SERP ma puoi classificare le risorse che riporteranno le persone al tuo sito
  • Invece di concentrarti sulle stringhe di parole chiave, ricerca le tue entità di nicchia e trova i modi per associare la tua attività a quelle attraverso contenuti e link
Condividi su:

valerio sanna

Vsx Blog : il mio punto di vista sul mondo del web, dell'innovazione e della scienza.

Leggi Precedente

9 Strumenti gratuiti per misurare la velocità di un sito web

Leggi Prossimo

Dissalare l’acqua di mare grazie all’energia delle onde

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Social media & sharing icons powered by UltimatelySocial