• 31 Gennaio 2023

Nuotare nell’acqua fredda fa davvero bene alla salute?

Nuotare nell'acqua fredda fa davvero bene alla salute
Condividi su:

Molte persone sono convinte che nuotare nell’acqua fredda faccia davvero bene alla salute ma è proprio così o si tratta di una leggenda?

Le gambe ci fanno male per il freddo mentre ci spingiamo in avanti nel mare grigio disordinato, sabbia grigia che si estende dietro di noi, cielo grigio sopra. Ci facciamo forza contro ogni onda in arrivo, il vento ci sferza la elle esposta. Questa è la realtà agghiacciante del nuoto in acque fredde.

A Scheveningen, sulla costa occidentale dei Paesi Bassi, c’è un’ampia distesa di sabbia che scorre ininterrotta lungo il Mare del Nord. È marzo e la temperatura del mare è di circa 6 ° C. Nell’acqua, la temperatura della pelle scende istantaneamente quando ci si immerge e dopo pochi minuti i muscoli iniziano a raffreddarsi, irrigidendosi come una gomma da masticare.

Nel Regno Unito, i ricercatori stanno esaminando i benefici scientifici di nuotare nell’acqua fredda per le persone che hanno problemi di salute mentale, come ansia e depressione.

Stanno immergendo volontari in vasche di acqua gelida nei laboratori e stanno scoprendo che l’immersione in acqua fredda può prepararti, mentalmente e fisicamente, ad affrontare meglio lo stress che potresti incontrare.

Come nuotare nell’acqua fredda sconvolge il corpo

Un uomo che sta conducendo la ricerca sul nuoto in acque fredde è il professor Mike Tipton , fisiologo ambientale presso l’Università di Portsmouth. Lui stesso nuotatore in acque fredde, studia come le persone reagiscono a un’immersione improvvisa.

Dice che i benefici dell’umore del nuoto in acque fredde possono essere suddivisi in due fasi:

  • la risposta iniziale di “shock da freddo”
  • l’adattamento che avviene a lungo termine.

Se hai mai fatto un tuffo invernale, conoscerai lo shock dell’acqua fredda. Per prima cosa, sussulti involontariamente , poi inizi a iperventilare. L’adrenalina scorre attraverso il tuo corpo. Il tuo cuore batte forte. Sei preso dal panico. Anche se non puoi percepirlo, la pressione sanguigna è alle stelle e il glucosio e i grassi vengono rilasciati nel flusso sanguigno, fornendo una fonte di energia nel caso in cui dovessi scappare rapidamente.

La classica risposta “combatti o fuggi”.

Questo adattamento ti rende meno reattivo allo shock dell’acqua fredda, ma potrebbe anche renderti meno reattivo allo stress

Il cortisolo, un ormone dello stress, viene rilasciato dalle ghiandole surrenali, che resta in circolo per minuti o ore, mentre un’ondata di ormoni beta-endorfina nel cervello fornisce sollievo dal dolore e dà un senso di euforia. Questo spiega lo sballo post-nuoto che provano molte di queste persone coraggiose.

A Portsmouth, Tipton sottopone i suoi volontari a dei tuffi per misurare il modo in cui si adattano allo shock da freddo. Fa sedere i suoi volontari su una sedia sospesa, li abbassa in una vasca d’acqua a 12 ° C e li tiene lì per circa cinque minuti.

Scopri quali sono i luoghi più freddi sulla terra

Il tuo corpo impara ad adattarsi all’acqua fredda

Tipton osserva che sono necessarie solo sei immersioni per dimezzare la risposta allo shock dell’acqua fredda.

In altre parole, il tuo corpo impara ad adattarsi: il tuo cuore e la frequenza respiratoria aumentano solo della metà, sei meno preso dal panico e puoi controllare il tuo respiro. Questo adattamento ti rende meno reattivo allo shock dell’acqua fredda, ma potrebbe anche renderti meno reattivo allo stress quotidiano.

Molti nuotatori in acque fredde, come questo partecipante al Winter Swim Festival di Newport, nel Vermont, riferiscono una sensazione di euforia duratura dopo essere usciti dall'acqua © Getty Images
Molti nuotatori in acque fredde, come questo partecipante al Winter Swim Festival di Newport, nel Vermont, riferiscono una sensazione di euforia duratura dopo essere usciti dall’acqua © Getty Images

Questo è ciò che i ricercatori chiamano “adattamento incrociato”: adattati a un fattore di stress e puoi adattarti parzialmente agli altri. La collega di Tipton, la dott.ssa Heather Massey, ha prima dimostrato l’adattamento incrociato negli esseri umani abituando i suoi volontari all’acqua fredda, prima di metterli in un ambiente a basso tenore di ossigeno per simulare l’alta quota. I volontari adattati al freddo hanno avuto una risposta allo stress molto inferiore alla mancanza di ossigeno rispetto ad altri volontari che non erano stati adattati al freddo.

Tipton crede che questo adattamento incrociato possa anche ridurre la tua risposta allo stress psicologico. Sebbene lo stress fisico e psicologico possa influenzare il corpo in modi diversi, condividono anche elementi comuni.

Questi fattori di stress stimolano sempre il sistema nervoso simpatico [la parte del sistema nervoso responsabile della nostra risposta” combatti o fuggi “], così come altri sistemi responsabili della tolleranza cellulare allo stress. Pensiamo che l’abitudine all’acqua fredda ripristini quei sistemi per affrontare meglio lo stress.

afferma Tipton.

Nuotare nell’acqua fredda può aiutare con la depressione?

Mentre Tipton ha studiato l’adattamento incrociato nel suo laboratorio, il dottor Mark Harper , un anestesista presso gli ospedali universitari di Brighton e Sussex, ha osservato lo stesso principio sul lungomare di Brighton.

Si interessò ai potenziali benefici dello stress di nuotare nell’acqua fredda perché i pazienti anestetizzati subiscono anche un grande stress fisiologico durante l’ intervento chirurgico e ridurre al minimo tale risposta potrebbe aiutare i pazienti a riprendersi.

Sebbene non abbia attualmente piani per verificare se nuotare in acqua fredda possa aiutare a migliorare i risultati chirurgici, è comunque un’ipotesi interessante.

I nuotatori del Brighton Pier evitano le mute per massimizzare i benefici dell'acqua gelida © Alamy
I nuotatori del Brighton Pier evitano le mute per massimizzare i benefici dell’acqua gelida © Alamy

È particolarmente affascinato da una componente specifica della risposta allo stress. Proprio come lo stress provoca un’ondata di adrenalina, preparandoci ad attaccare o a correre, mette anche in moto il sistema immunitario in preparazione a possibili ferite o infezioni.

Questa risposta protettiva, chiamata infiammazione, è salutare quando gli eventi stressanti sono rari e isolati, ma può diventare cronica quando le persone sperimentano stress ogni giorno.

Inoltre, l’infiammazione cronica è stata collegata alla depressione. Uno studio su gemelli identici ha scoperto che il gemello con livelli più alti di infiammazione aveva maggiori probabilità di sviluppare la depressione quando rivisitato cinque anni dopo.

E una recente meta-analisi, che riunisce 36 studi che hanno coperto più di 9.000 pazienti, ha scoperto che l’assunzione di farmaci antinfiammatori insieme agli antidepressivi riduce i sintomi della depressione, rispetto all’assunzione di soli antidepressivi.

Quindi, se l’adattamento allo stress dell’acqua fredda può diminuire la nostra risposta allo stress generale e ridurre l’infiammazione, ne consegue che potrebbe potenzialmente ridurre anche il nostro rischio di depressione. Tuttavia, Harper si affretta a sottolineare che la depressione è complessa e l’infiammazione è probabilmente uno dei numerosi fattori che giocano un ruolo.

Nuotare in acqua fredda fa bene se…

Molti nuotatori in acque fredde parlano di come il loro hobby abbia giovato alla loro salute mentale e fisica, e non è difficile capire perché.

L’esercizio in sé fa bene al corpo e passare il tempo vicino all’acqua è associato a un maggiore benessere. Nuotare con gli altri favorisce un senso di comunità e il completamento di un’attività impegnativa crea un senso di realizzazione.

Harper riconosce l’importanza di una terapia così ampia: sta pianificando uno studio che utilizza il nuoto nell’acqua fredda per migliorare il benessere mentale dei lavoratori del NHS che hanno lottato contro la pandemia di coronavirus .

Come nuotare nell’acqua fredda in sicurezza

  • Se hai una storia di malattie cardiache o soffri di asma, parla con il tuo medico di famiglia prima di nuotare.
  • Nuota con altre persone . Ci sono molti gruppi di nuoto in acque fredde che accolgono nuovi membri: trova quello più vicino te.
  • La gente va a nuotare in acque fredde ovunque sia abbastanza profondo per un tuffo: mare, fiumi, laghi, cave, lidi. Scegli un sito sicuro e assicurati di sapere come uscire dall’acqua prima di entrare.
  • Indossa una muta se ti fa sentire più a tuo agio, ma più ti senti freddo, migliore è l’adattamento, meglio usare solo un costume da bagno .
  • In inverno, aggiungi stivali e guanti in neoprene per mantenere calde mani e piedi, oltre a un cappello di lana sopra una cuffia da nuoto in silicone.
  • Rilassati lentamente . All’inizio sarà difficile controllare la respirazione, quindi è meglio abituarsi al freddo dove puoi toccare il fondo o aggrapparti a una scala.
  • Dopo 15-20 minuti in acqua, potresti iniziare a irrigidirti. Se inizi a sentire di non poter mantenere una nuotata, esci dall’acqua .
  • Una volta fuori, il tuo corpo continuerà a raffreddarsi per circa mezz’ora. Indossa abiti caldi, bevi una bevanda calda e aspetta di esserti riscaldato prima di tornare a casa .
Condividi su:

valerio sanna

Vsx Blog : il mio punto di vista sul mondo del web, dell'innovazione e della scienza.

Leggi Precedente

Come convertire il traffico organico in lead qualificati

Leggi Prossimo

Si può rintracciare un telefono spento Android?

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Social media & sharing icons powered by UltimatelySocial