• 22 Aprile 2024

Quanto vengono pagati gli artisti dai servizi di streaming musicale ?

Quanto vengono pagati gli artisti
Condividi su:

Spotify ha affrontato critiche per quanto vengono pagati gli artisti per lo streaming della loro musica. Esploriamo entrambi i lati del dibattito così da capire meglio il problema.

Ogni volta che qualcuno trasmette in streaming la canzone di un artista su Apple Music, viene pagato in media un solo centesimo. E su Spotify? Ancora meno!

Spotify ha ricevuto critiche significative per aver pagato gli artisti meno della media di Apple. Ma il confronto manca di contesto?

È essenziale esaminare numerosi fattori quando si discute se i servizi di streaming musicale paghino abbastanza gli artisti. Il paese di origine dello streaming, le dimensioni della piattaforma e molte altre cose devono essere prese in considerazione.

In questo articolo parleremo di come Apple Music e Spotify pagano gli artisti, prima di discutere se dovrebbero fare di più.

Quanto pagano gli artisti Apple e Spotify?

Nell’aprile 2021, il Wall Street Journal ha pubblicato un articolo che rivelava una lettera riservata di Apple. Il contenuto, inviato agli artisti, ha rivelato che il pagamento di Apple di solito si aggira intorno a $ 0,01 per ogni streaming.

Spotify ha un modello di pagamento per artisti, noto come streaming. Secondo l’articolo del WSJ, la piattaforma con sede a Stoccolma in genere paga tra $ 0,003 e $ 0,005 ogni volta che un utente riproduce una canzone.

Come vengono calcolate le entrate sui servizi di streaming

Quando si discute di quanto vengono pagati gli artisti da Spotify e Apple, è fondamentale ricordare che non tutti gli stream pagano allo stesso modo.

Una cosa importante da notare dalla lettera di Apple è che il pagamento medio di $ 0,01 dell’azienda proviene da piani individuali. Quindi, mentre un abbonamento a prezzo pieno per una persona conta nel prezzo, i pacchetti scontati e familiari no.

Anche la struttura di pagamento in streaming di Spotify non è valida per tutti. Come la società menziona in Loud and Clear :

Ogni mese, in ogni paese in cui operiamo, calcoliamo la condivisione dei flussi sommando quante volte è stata riprodotta in streaming la musica posseduta o controllata da un particolare titolare dei diritti e dividendola per il numero totale di flussi in quel mercato.

Quindi, se un artista riceve uno streaming su 1.000 in Messico su Spotify, riceverà uno su 1.000 dollari pagati ai titolari dei diritti dal pool di royalty messicano. Il pool di royalty totale per ogni paese si basa sugli abbonamenti e sui ricavi dalla pubblicità musicale in quel mercato.

Bisogna prestare particolare attenzione a quanto vengono pagati gli artisti: “in base agli abbonamenti e ai ricavi pubblicitari in quel mercato”. Nei paesi in cui Spotify costa meno, gli artisti hanno bisogno di più stream per fare lo stesso di un minor numero di stream in quelli più costosi.

iGroove ha rivelato quanto costano gli abbonamenti musicali di Spotify in tutto il mondo e il pagamento medio per streaming nei paesi in primo piano. Un milione di brani riprodotti in Norvegia, dove Spotify Premium costa $ 12,01 al mese, genererebbe $ 5.479,27.

Ma in Argentina, dove lo stesso pacchetto costa $ 1,94, un milione di stream genererebbe solo $ 850,04.

Dove vanno i soldi dallo streaming?

Nella maggior parte dei casi, i soldi guadagnati dai servizi di streaming non vanno tutti direttamente agli artisti. La lettera di Apple, ad esempio, ha sottolineato che $ 0,52 per ogni $ 1 guadagnato andavano alle etichette discografiche. L’azienda mantiene la percentuale rimanente.

Nel frattempo, in un video intitolato How The Money Flows, Spotify ha sottolineato che artisti e cantautori non vengono pagati direttamente. Invece, il denaro va ai “titolari dei diritti”, che potrebbero essere etichette, distributori, aggregatori o società di gestione collettiva.

Spotify paga a questi titolari dei diritti circa i due terzi di ogni dollaro guadagnato. Il denaro che non va ai titolari dei diritti è diretto agli editori.

Una volta che il denaro lascia Apple o Spotify, i titolari dei diritti decidono come dividere il denaro. Gli artisti non indipendenti di solito hanno un accordo con il titolare dei diritti.

Apple e Spotify pagano abbastanza per lo streaming?

Quando si tratta della percezione che Spotify paghi di meno, il contesto è essenziale. In primo luogo, Spotify ha più utenti di Apple Music. Sebbene la società paghi meno per streaming rispetto ad Apple, gli utenti riproducono anche brani sulla piattaforma molto più frequentemente.

Vale anche la pena considerare l’importanza dei servizi di streaming nell’ecosistema musicale per capire quanto vengono pagati gli artisti.

Prima del dominio di Spotify e di altre piattaforme, la pirateria nell’industria musicale era un problema più grande. Hai solo bisogno di guardare indietro a come le persone usavano piattaforme del calibro di LimeWire o eMule e prima ancora Napster per evitare di pagare per canzoni su iTunes o album fisici nella vita reale.

Ma la conversazione va oltre le sole piattaforme di streaming. Sia Apple che Spotify hanno chiarito che non pagano direttamente gli artisti. Quindi, una parte della responsabilità su quanto vengono pagati gli artisti dipende dal loro contratto con l’etichetta discografica.

In particolare, la ricerca di eventuali detrazioni di royalty nascoste e il tasso di royalty complessivo sono entrambi importanti. Se nessuna delle due sembra giusta, rinegoziare o non firmare un accordo sono i prossimi passi da considerare.

Diritti di riproduzione in streaming: un argomento caldo e importante

Quanto vengono pagati gli artisti dai servizi di streaming musicale? Poco ma questo discorso vale per tutta l’industria musicale. Incolpare solo Apple e Spotify sta sviando parte della responsabilità.

Le società hanno rivelato come dividono i loro soldi e hanno notato che sono impotenti una volta che lasciano le loro mani. Non è necessario andare lontano su Internet per trovare storie dell’orrore delle etichette discografiche e considerare gli accordi sui diritti d’autore è fondamentale prima che gli artisti firmino un contratto.

Oltre ad Apple e Spotify, gli artisti dovrebbero essere messi al corrente che devono stare più attenti a cosa firmano, se vogliono ottenere il giusto compenso per la loro arte.

Condividi su:

valerio sanna

Vsx Blog : il mio punto di vista sul mondo del web, dell'innovazione e della scienza.

Leggi Precedente

Quanto spendere per la SEO [Come calcolare il budget]

Leggi Prossimo

Troppe chiamate indesiderate su Android? Bloccale gratis!

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Social media & sharing icons powered by UltimatelySocial