• 14 Giugno 2024

Le aziende statunitensi trovano il modo di aggirare i divieti di Trump

come aggirare divieti Trump

come aggirare divieti Trump

Condividi su:

Le aziende tecnologiche americane hanno ripreso a vendere determinati prodotti a Huawei Technologies Co. dopo aver concluso che esistono modi legali per lavorare con il gigante delle telecomunicazioni cinese nonostante la sua inclusione in una lista nera dell’amministrazione Trump.

Micron Technology Inc., il più grande produttore statunitense di chip di memoria per computer, ha dichiarato oggi di aver iniziato a spedire alcuni componenti a Huawei dopo che i suoi avvocati hanno studiato le restrizioni alle esportazioni.

Anche Intel Corp., il più grande produttore di microprocessori, ha iniziato a vendere nuovamente a Huawei. Non è chiaro quanti altri fornitori abbiano ripreso il commercio col colosso cinese.

Il Dipartimento del Commercio degli Stati Uniti ha aggiunto Huawei il mese scorso a quella che è conosciuta come una lista nera, una mossa progettata per impedire alla compagnia cinese di acquistare componenti e software americani. 

L’amministrazione Trump ha detto che Huawei aiuta Pechino nello spionaggio e rappresenta una minaccia alla sicurezza, accuse che la compagnia nega. I funzionari del Commercio e della Casa Bianca sono frustrati dal fatto che le aziende abbiano ripreso le spedizioni a Huawei. La Casa Bianca non commenta per il momento.

I produttori di chip sfruttano alcune eccezioni alle restrizioni all’esportazione. 

Anche quando le società hanno sede negli Stati Uniti, secondo l’analista di Cross Research Steven Fox, potrebbero essere in grado, attraverso la proprietà di sussidiarie e filiali all’estero, di classificare la loro tecnologia come straniera. 

Se meno del 25% della tecnologia di un chip proviene dagli Stati Uniti, ad esempio, potrebbe non essere coperto dal divieto, secondo le regole attuali.

Ci sono volute settimane per capirlo. Quello che hanno fatto è stato guardare le leggi e le regole e applicarle ai loro affari.

ha detto Fox.

Le azioni dei produttori di chip asiatici da Tokyo Electron Ltd. a SK Hynix Inc. sono aumentate mercoledì, dopo che Micron ha riportato risultati in anticipo sulle stime.

Micron ha operazioni in tutto il mondo, alcune aggiunte tramite acquisizioni e possiede stabilimenti a Singapore, Giappone e Taiwan. 

Intel ha stabilimenti in Cina e in Irlanda e un importante centro di progettazione e impianto di produzione in Israele. La società ha rifiutato di commentare. 

Aziende come Micron e Intel possono continuare legalmente alcune spedizioni verso Huawei sotto la cosiddetta regola de minimis. La soglia de minimis è del 25%, secondo il Dipartimento del Commercio.

I consulenti per la sicurezza nazionale dell’amministrazione Trump ritenevano che l’inclusione nella lista nera di Huawei avrebbe aumentato la pressione sul colosso cinese, ma non è stato così. Quei consulenti non hanno colto pienamente i limiti dei controlli sulle esportazioni, si tratta di multinazionali e i divieti possono essere aggirati.

L’amministratore delegato di Micron, Sanjay Mehrotra, ha detto che spera che gli Stati Uniti e la Cina risolvano rapidamente la loro disputa commerciale.

La guerra commerciale e le sanzioni di Huawei mettono i produttori di chip statunitensi in una posizione difficile. 

Devono conformarsi alle nuove regole nel loro paese d’origine, mentre allo stesso tempo non possono rinunciare al business in Cina, un mercato sempre più cruciale. 

Oltre il 60% dei $ 470 miliardi di chip venduti lo scorso anno era destinato alla Cina. Se i fornitori americani di Huawei possono riprendere alcune vendite, ciò potrebbe evitare l’impatto finanziario dannoso che molti hanno anticipato. Le azioni di Micron sono aumentate dell’11%.

Anche se queste aziende hanno trovato modi per continuare a esportare legalmente alcuni dei loro prodotti a Huawei, è vietato fornire supporto post-vendita come aggiornamenti software, riparazioni o aiuto all’installazione. 

Ciò significa che mentre un oggetto in una scatola può essere spedito da Taiwan alla Cina, ad esempio, la società non è ancora in grado di fornire informazioni sulle riparazioni software o assistenza da Silicon Valley. Questo può essere un handicap significativo.

La scorsa settimana, il Dipartimento del Commercio ha inserito nella lista nera cinque aziende cinesi accusate di sviluppare supercomputer per applicazioni militari. Anche alcune società di videosorveglianza cinesi potrebbero essere escluse dai fornitori statunitensi.

Il dipartimento del commercio potrebbe facilmente cambiare la definizione di “articoli fabbricati all’estero” . Questo cambiamento non richiederebbe l’approvazione del Congresso, ma non è chiaro se l’amministrazione Trump stia valutando tale cambiamento.

Micron continuerà a rispettare tutti i requisiti legali e di governo proprio come facciamo in tutte le nostre operazioni a livello globale

ha dichiarato il CEO di Micron Mehrotra.

Ovviamente, non possiamo prevedere se ulteriori interventi del governo incideranno ulteriormente sulla nostra capacità di effettuare spedizioni verso Huawei.

Condividi su:

valerio sanna

Vsx Blog : il mio punto di vista sul mondo del web, dell'innovazione e della scienza.

Leggi Precedente

Jony Ive, il top designer di Apple se ne va dopo quasi 30 anni

Leggi Prossimo

Tesla centra il record di consegne trimestrali, grazie alla model 3

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Social media & sharing icons powered by UltimatelySocial