• 22 Maggio 2024

Huawei è “fiduciosa” che questi telefoni avranno Android Q

Android Q su Huawei?

Android Q su Huawei?

Condividi su:

Huawei ribatte a chi dice che i suoi smartphone non otterranno gli aggiornamenti di Android Q, rilasciando un elenco di telefoni che, secondo il colosso cinese, è “sicuro” che otterranno l’ultimo SO di Google, nonostante il divieto dell’amministrazione Trump

La saga di ciò che accadrà ai dispositivi Huawei esistenti e nuovi è in corso da maggio, quando gli Stati Uniti hanno messo la società cinese nella sua lista nera e hanno effettivamente dichiarato alle aziende americane che non potevano lavorare con essa.

Questo “divieto” ha immediatamente innescato settimane di incertezza e confusione. Huawei è stato estromesso e poi ripristinato, da una serie di aziende chiave, che controllano tecnologie come WiFi, Bluetooth e schede di memoria. I suoi laptop Windows sono stati prima eliminati dall’archivio ufficiale di Microsoft, per poi ritornarci.

Complessivamente, Huawei ha stimato che l’impatto finanziario del divieto potrebbe ammontare a $ 30 miliardi solo nel 2019. 

Cercare di chiarire quale possa essere l’impatto sui dispositivi nuovi ed esistenti è difficile, dato che pochi possono realmente quantificare la situazione. In effetti, anche il presidente Trump ha confermato che la pericolosa posizione di Huawei potrebbe far parte della pressione sulla Cina per aderire ad un accordo commerciale.

Ora, Huawei sta cercando di affrontare uno dei più grandi ostacoli che deve superare nel tentativo di convincere le persone a continuare a comprare i suoi smartphone: gli aggiornamenti di Android. Con Android Q, il nuovo software per telefoni di Google in pole position, c’è un’enorme incertezza. Quei dubbi, insiste Huawei, sono infondati.

huawei p30 pro
huawei p30 pro

Siamo fiduciosi che i nostri dispositivi più popolari, tra cui la serie P30, potranno accedere ad Android Q. Collaboriamo con terze parti da molti mesi per garantire che i dispositivi possano ricevere gli aggiornamenti di Android Q. I preparativi tecnici e i test sono già iniziati per oltre 17 dispositivi. In effetti il ​​nostro Mate 20 Pro ha già ricevuto l’approvazione per ricevere Android Q appena rilasciato da Google.

afferma ora Huawei .

Secondo l’azienda cinese, i diciassette dispositivi che dovrebbero ottenere Android Q sono i seguenti:

  • P30 Pro 
  • P30 
  • Mate 20 
  • Mate 20 Pro 
  • PORSCHE DESIGN Mate 20 RS 
  • P30 lite 
  • P smart 2019 
  • P smart + 2019 
  • P smart Z 
  • Mate 20 X 
  • Mate 20 X (5G) 
  • P20 Pro 
  • P20 
  • Mate 10 Pro 
  • PORSCHE DESIGN Mate 10 
  • Mate 10 
  • Mate 20 Lite

È da notare che nessun dispositivo di Honor, il marchio secondario di Huawei con telefoni più economici, fa parte dell’elenco. Una fonte all’interno dell’azienda, tuttavia, ci dice che la serie 20 di Honor, recentemente annunciata, insieme ad alcuni altri modelli lanciati all’inizio dell’anno, sarà aggiornata ad Android Q. Un elenco però non è stato ancora reso pubblico.

honor 20 pro
honor 20 pro

La sfida di Huawei non è da poco. 

Per cominciare, tutto ciò che può fare a questo punto è dire che è “sicuro” che verrà rilasciato Android Q. Anche in questo caso, non è chiaro se gli accordi di licenza rimarranno validi. Questi accordi sono necessari per l’utilizzo di app Android chiave come Gmail e YouTube, oltre a fornire l’accesso a Google Play.

Chiunque abbia già acquistato, o stia per acquistare uno smartphone Huawei, può continuare ad accedere al mondo delle app come ha sempre fatto. Tutti i dispositivi continuano ad essere coperti dalla garanzia del nostro produttore e riceveranno di conseguenza un servizio di assistenza completo.

afferma Huawei.

Un programma di sviluppo beta per Android Q su Huawei Mate 20 Pro è già in corso, sottolinea la società. Ciò che è degno di nota in tutto questo, tuttavia, è che non si fa menzione dei telefoni in arrivo: tutta l’attenzione è sui telefoni che sono già stati annunciati. Per l’impatto del blocco commerciale, Huawei, potrebbe semplicemente aspettare per vedere come vanno le cose e nel frattempo lavorare al suo software proprietario.

Condividi su:

valerio sanna

Vsx Blog : il mio punto di vista sul mondo del web, dell'innovazione e della scienza.

Leggi Precedente

Libra, la criptovaluta che Facebook lancerà nel 2020

Leggi Prossimo

Come convincere Alexa, Siri e Google a capirti meglio

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Social media & sharing icons powered by UltimatelySocial