• 27 Novembre 2022

Porte USB-C nei nuovi iPhone? L’Europa vuole un solo connettore

USB-C iPhone
Condividi su:

Tutti gli iPhone in circolazione attualmente utilizzano il connettore Lightning di Apple. Tuttavia, se l’Unione europea ha qualcosa da dire al riguardo, potrebbe presto passare alle porte USB-C nei prossimi iPhone.

I cavi Lightning sono esclusivi degli iPhone e l’UE ha da ridire su come ciò contribuisce ai rifiuti elettronici nell’ambiente. Entriamo in tutti i dettagli.

Qual è esattamente la proposta dell’Unione Europea?

La Commissione Europea, il ramo esecutivo dell’Unione Europea, ha annunciato una proposta per richiedere che smartphone e altri produttori di elettronica includano una porta di ricarica USB-C standard sui loro dispositivi.

La proposta rivista della direttiva sulle apparecchiature radio richiederebbe anche l’unificazione degli standard di ricarica rapida, nonché la possibilità per i clienti di acquistare nuovi dispositivi senza caricabatterie. La proposta richiederebbe inoltre ai produttori di fornire linee guida chiare e senza regole di sicurezza sugli standard di ricarica supportati dai loro dispositivi.

Oltre ai telefoni, le regole si applicherebbero a tablet, fotocamere, cuffie, altoparlanti portatili e console per videogiochi portatili.

I connettori di ricarica: Questi sconosciuti

Se non sei mai stato infastidito dal numero di cavi fastidiosi che probabilmente devi usare ogni giorno per mantenere carichi i tuoi dispositivi, l’UE lo è. E con buona ragione.

Secondo l’UE, il consumatore medio di tecnologia possiede tre caricabatterie per telefoni cellulari, di cui due utilizzati regolarmente. Nonostante ciò, il 38% dei consumatori ha segnalato almeno un caso in cui non è stato possibile caricare il proprio telefono cellulare a causa dell’incompatibilità tra i caricabatterie disponibili. Questa è una situazione scomoda, specialmente in un’epoca in cui esaurire la carica del telefono può facilmente essere un disastro di primo grado. Ma non è l’unico problema. È anche follemente costoso! E sarai sorpreso di quanto.

Ogni anno, i consumatori spendono circa $ 2,8 miliardi in caricabatterie autonomi che non sono inclusi con i dispositivi elettronici. Pertanto, le norme proposte dall’UE mirano a limitare le 11.000 tonnellate stimate di rifiuti elettronici generati ogni anno dai caricabatterie scartati e inutilizzati.

Da anni la Commissione europea lavora per affrontare questo problema crescente. I tentativi di convincere i produttori di smartphone nell’UE a utilizzare lo stesso standard di ricarica risalgono almeno al 2009, quando Apple, Samsung, Huawei e Nokia hanno firmato un accordo volontario per utilizzare uno standard comune. Negli anni successivi, l’industria ha gradualmente adottato il Micro USB e, più recentemente, USB-C come porta di ricarica standard.

Nonostante il numero di standard di ricarica sia stato ridotto da oltre 30 a soli tre (Micro USB, USB-C e Lightning), i regolatori hanno affermato che questo approccio volontario non ha raggiunto gli obiettivi sperati.

Implicazioni e aspettative per USB-C e iPhone

La proposta dell’UE è importante sotto due aspetti principali. In primo luogo, limiterebbe la capacità dei produttori di dispositivi di progettare secondo le proprie specifiche, almeno nel caso delle connessioni di ricarica.

Attualmente Apple ha il pieno controllo sul design dei suoi dispositivi e, successivamente, sulle porte di ricarica. Con il mandato dell’UE, il design sarà determinato a livello normativo, piuttosto che essere una decisione creativa presa dai produttori sulla base di requisiti tecnici o prestazionali.

Significa anche che Apple perderebbe le entrate che guadagna da ogni cavo e accessorio Lightning che funziona con l’iPhone, prodotto da Apple o meno, così come il controllo che ha su quali tipi di hardware esistono (o non esistono) per l’iPhone e quali aziende li producono.

Il programma MFi di Apple richiede che tu passi attraverso Apple se desideri collegare qualsiasi cosa a un iPhone, che si tratti di un caricabatterie, un adattatore o un accessorio. E Apple guadagna da ognuno di questi dispositivi.

La mossa dell’UE potrebbe aprire la strada a ulteriori normative sul diritto alla riparazione, come l’implementazione di batterie sostituibili dall’utente. C’è uno sforzo per far durare le cose più a lungo, più facili da riparare e più facili da sostituire, e crediamo che l’ USB-C faccia parte di questa strategia.

Per diventare legge, la proposta dovrà essere approvata dal Parlamento europeo, ma quell’organismo ha votato a favore delle regole comuni sui caricabatterie lo scorso anno. I produttori di dispositivi medici avrebbero 24 mesi per adeguarsi alle nuove regole.

Questo regolamento costringerebbe Apple a cambiare il design di qualunque iPhone sia all’orizzonte il prima possibile. Ma si dice che Apple stia sviluppando iPhone senza porta , con la sola ricarica wireless e poiché il regolamento si applica solo ai connettori cablati, questo potrebbe essere un modo per aggirare la regola.

Se il mandato viene approvato, i produttori avranno due anni per conformarsi alle nuove normative. Mentre Apple ha avuto successo nel fare pressioni per i suoi interessi negli Stati Uniti, c’è poco che Apple possa fare per evitare che ciò accada in Europa.

Condividi su:

valerio sanna

Vsx Blog : il mio punto di vista sul mondo del web, dell'innovazione e della scienza.

Leggi Precedente

Le 7 abitudini delle persone di successo che dovresti copiare

Leggi Prossimo

Il computer dell’Apollo 11 ha cambiato il mondo, lo sapevi?

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Social media & sharing icons powered by UltimatelySocial