• 27 Novembre 2022

Conviene investire nei mercati finanziari o è troppo rischioso?

investire nei mercati finanziari
Condividi su:

Quanto conviene investire nei mercati finanziari? Quanto è rischioso?
Risposte se ne potrebbero dare tante, sia positive che meno, ma i dati parlano sempre più chiaramente delle opinioni che, per definizione, sono soggettive.

I mercati sono lo specchio dell’economia e, spesso, ne anticipano le sue diverse fasi. Un po’ come un termometro che misura anticipatamente la temperatura. Utile spesso per prevenire le “malattie” e per adoperare le giuste cure.

Ricordiamo sempre che c’è una grande differenza tra speculazione, ovvero cercare il profitto nell’acquisto e vendita di strumenti finanziari per rivenderli a breve termine, e l’investimento finanziario dove il profitto lo si cerca nel medio lungo termine.

Investire nei mercati finanziari è redditizio?

Chi si trova davanti al bivio se investire direttamente nei mercati, la prima delle domande che si fa è se e quanto sia conveniente o, meglio ancora, quanto siano rischiosi gli investimenti nei mercati finanziari. Una prima, semplice, risposta ci può arrivare andando a verificare i risultati annui degli indici delle borse e, primo tra tutti, può essere considerato lo Standard & Poor 500.

Lo Standard & Poor 500 (piu’ noto come S&P500) è l’indice della borsa di New York (NYSE) che raggruppa le 500 aziende statunitensi a maggiore capitalizzazione può essere considerata un’ottima cartina di tornasole per questo ragionamento poiché’, misura tanto l’andamento dell’economia americana, quanto quelle che possono essere considerate le sue ricadute sull’economia globale soprattutto se si considera che oggi è prevalentemente composto da società tecnologiche.

La prestigiosa Universita’ di Yale ha recentemente pubblicato un grafico che ripercorre l’andamento dello S&P500 dal 1825 al 2020 e dove si vede che la bilancia pende decisamente sul positivo. Su 196, in ben 140 ha chiuso in positivo, il 71% delle volte, e contro le 56 annate negative ovvero il restante 29% degli anni.

investire nei mercati finanziari S&P 500 1825-2020 – fonte investing.com

Naturalmente noi non abbiamo un orizzonte temporale tanto ampio per poterci permettere di aspettare così tanto. L’orizzonte temporale medio di un investitore si spinge al massimo a 30 anni. Cos’e’ successo quindi in questi ultimi 31 anni (dal 1990 al 2020)? Sono stati 8 gli anni dove la bilancia ha segnato in rosso, 1 solo in pareggio e 22 in verde. Un incremento complessivo dell’indice del 289%.

Non ci si stupisca se, nonostante fossimo in piena pandemia, il 2019 e il 2020 abbiano segnato dei forti risultati positivi, rispettivamente 28,9% e 16,3%. I mercati finanziari, oltre alle misure economiche messe in atto da tutti i Governi, hanno dato dei forti segnali di reazione al blocco economico generato dal Covid.

Nonostante le crisi economiche, l’economia cresce

Se dovessimo però farci i conti in tasca è più utile verificare quale fosse il livello dell’indice nel 1990 e dove si attesti oggi. Questo ci permette di vedere quanto avrebbe fruttato un nostro investimento in tutto questo periodo. Lo S&P500 ha chiuso il 1990 a quota 329 punti mentre oggi il suo livello si attesta su quota 4617 (chiusura di ottobre 2021). Un incremento del 1207%.

Nonostante le crisi economiche, l’economia cresce (fonte investing.com)

Cifre che stanno a significare che, nonostante le crisi economiche che sono comunque cicliche, l’economia cresce e che ci si può costruire una buona solidità finanziaria andando sui mercati e scegliendo i giusti strumenti.

Certo, l’esempio dello S&P500 qui sopra è molto esemplificativo delle dinamiche dei mercati finanziari, ed è per questo che è sempre consigliabile affidarsi a un professionista piuttosto che fare da soli, e che comunque, quanto riportato qua sopra non e’ e non deve essere considerata come una sollecitazione al pubblico risparmio e non è volta a promuovere alcuna forma di investimento o commercio, né a promuovere o collocare strumenti finanziari o servizi di investimento ma una riflessione su quanto importante sia avere una migliore educazione finanziaria e coscienza di quanto non sia così impensabile costruirsi tranquillamente un migliore solidità finanziaria personale.

Contattatemi direttamente attraverso i miei canali social:

Maurizio Porcu, analista finanziario.

Condividi su:

Maurizio Porcu - Analista Finanziario

Leggi Precedente

Come ottenere più follower sui social media [1 di 10]

Leggi Prossimo

La modalità ibernazione è dannosa per il tuo PC?

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Social media & sharing icons powered by UltimatelySocial