• 22 Aprile 2024

Come convincere Alexa, Siri e Google a capirti meglio

Convincere Alexa, Siri e Google a capirti meglio

Convincere Alexa, Siri e Google a capirti meglio

Condividi su:

Quando sono venuti fuori gli assistenti vocali, ho pensato che fossero sciocchezze e niente di più. Ora mi rendo conto che sbagliavo. Mi guidano dove voglio andare, mandano messaggi , chiamano e controllano luci e termostati in casa. Ma occasionalmente, l’uno o l’altro eseguirà il comando sbagliato, o semplicemente mi ignorerà del tutto.

Stanno diventando più intelligenti, ma a volte, ancora non capiscono.

Alexa, Siri e Google Assistant sono molto più intelligenti che in passato e i portavoce sia di Amazon che di Google hanno notato che i loro dispositivi stanno imparando a conoscere i modelli di linguaggio umano per migliorare la loro capacità di capirci.

Possono pronunciare nomi difficili meglio di prima, capire i sinonimi e persino apprendere le idiosincrasie della tua voce, quindi più parli con loro, meglio ti capiscono. Tuttavia, ci sono occasioni in cui le cose possono andare storte. Se hai problemi, ci sono alcuni modi proattivi per appianare le cose.

Posizionali correttamente

Prima di tutto, assicurati che il tuo dispositivo possa effettivamente ascoltarti. Se è troppo lontano, potrebbe non capire il tuo comando, se non ti sente affatto. Non cercare di nasconderlo dietro i libri o coprirlo con travestimenti decorativi, poiché rischi di attutire i microfoni. E non lasciarlo da qualche parte dove il rumore ambientale potrebbe confonderlo, come vicino alla tua TV o all’area giochi di tuo figlio.

In generale, sono rimasto piuttosto sorpreso dal modo in cui i voice assistant mi possono capire da punti non ideali, e stanno imparando a ignorare il rumore ambientale, ma non c’è motivo di rendere il loro lavoro più difficile di quanto non debba essere. Se hai bisogno di più di una unità per coprire una vasta area, Echo Dots e Google Home Minis sono economici e facili da distribuire nel tuo spazio.

Allenali sulla tua voce

Se il tuo assistente ha problemi a capire te o qualcuno a casa tua, ci sono alcune opzioni utili integrate nell’app.

Innanzitutto, dai al dispositivo un po ‘di informazioni in più sulla tua voce impostando ciò che Alexa chiama “Profili vocali” e Google chiama “Voice Match.” Questa funzione insegna all’assistente la tua voce specifica, che non solo li aiuta a capirti meglio, ma può assicurati inoltre di ottenere risposte pertinenti. Quindi, quando chiedi cosa hai da fare oggi, ad esempio, ascolterai articoli dal tuo ordine del giorno, non quelli del tuo coniuge.

Per configurare i profili vocali di Alexa, ogni persona deve scaricare l’app Alexa, accedere con l’account dell’utente principale, ma selezionare “sono qualcun altro” quando richiesto. Quindi, possono accedere a Impostazioni> Account Alexa> Voci riconosciute nell’app Alexa per attivare la funzione e addestrare la propria voce (oppure possono semplicemente chiedere ad Alexa di ” Imparare dalla mia voce “). 

Se hai una Google Home, un utente secondario deve aprire l’app Home, accedere con il proprio account Google, selezionare la Home page di Google in questione e toccare il banner Voice Match per aggiungere un nuovo utente.

Siri non ha questa funzione esatta, ma puoi ri-addestrare il suo innesco “Hey Siri” spegnendolo e riaccendendolo dalle impostazioni Siri sul tuo iPhone.

Quando segui questo allenamento con qualsiasi dispositivo, ti verrà richiesto di pronunciare la parola “sveglia” per il tuo dispositivo: “Alexa“, “Ehi Google” o “Ehi Siri“. Mentre lo fai, pensa a come cambia la tua voce quando chiedi all’assistente. 

Mi sono divertito ad usare toni molto diversi durante l’allenamento e, in passato, questo ha ostacolato l’apprendimento dei miei dispositivi. Ora sono migliorati nel capire e mi rendo conto che continuano a migliorare nel tempo.

C’è un’altra cosa che puoi fare se sei un utente di Echo: dì al tuo assistente che è stato commesso un errore. Basta andare su ” Attività ” nella barra laterale dell’app Alexa, trovare il comando e toccare ” Altro “. Sotto ”  Alexa ha fatto quello che volevi? ” Specifica se lo ha fatto o meno, il che aiuterà a migliorare le risposte future. Purtroppo, Google e Siri non hanno questa funzionalità.

Dai nomi di dispositivi e persone unici

Una delle mie più frequenti frustrazioni si verifica quando provo ad accendere una luce, un ventilatore da soffitto o un altro dispositivo di casa e il mio assistente prende di mira quello sbagliato o chiede “Aspetta, quale?”

Dopo un po ‘, mi sono reso conto che molti dei miei dispositivi avevano nomi probabilmente troppo simili tra loro, e dare loro nomi unici significava che gli assistenti vocali potevano distinguerli facilmente. 

Ad esempio, invece di nominare ogni luce “luce camera uno”, “luce camera due” e ” luce camera tre”, che si sarebbero confuse dicendo “Accendi le luci della camera…” Ora ho “luce soffitto camera” , “Lampada comodino Mario” e ” Lampada Martina” in un gruppo chiamato ” Luci camera da letto “. Sono abbastanza distinti che raramente mi creano problemi. 

Dovresti anche assicurarti di eliminare i dispositivi domestici intelligenti vecchi o duplicati dalle impostazioni dell’assistente: se stanno ancora cercando dispositivi che non sono presenti, restituiranno un errore.

È possibile modificare in modo simile l’elenco dei contatti per evitare problemi durante il tentativo di chiamare i propri amici. Sia Google che Siri ti consentono di aggiungere nomi fonetici ai tuoi contatti, così puoi assicurarti che quando dici “Chiama Mi-lo”, sai che intendi il tuo amico Mario Loriero. 

Puoi anche aggiungere nickname ai contatti per differenziarli da altri con lo stesso nome o se vuoi dire qualcosa come “Chiama mamma” e farlo funzionare correttamente senza rinominare completamente il contatto.

Non parlare come un robot

È divertente vedere la mia famiglia e i miei amici interagire con i loro assistenti vocali. Alcuni parlano con loro normalmente (“Alexa, aggiungi il detersivo alla mia lista della spesa”), mentre altri parlano come un uomo delle caverne (“Alexa … aggiungi una voce alla lista della spesa … detergente”).

Questo è istintivo, soprattutto se sei cresciuto con la tecnologia di riconoscimento vocale primitiva, ma ora i dispositivi sono progettati per comprendere il tuo modo naturale di conversare. Quindi cerca di evitare di parlare come un robot e invece parla in modo più colloquiale: vedrai che funzionerà meglio.

Ovviamente, gli assistenti vocali non sono realmente persone, quindi ci sono ancora alcuni comandi di una conversazione che potrebbero non capire, specialmente se si tralasciano informazioni importanti. 

Ad esempio, se stai cercando di controllare un dispositivo di terze parti, Alexa di solito sa cosa vuoi, ma se fallisce, potresti dover dire esattamente cosa intendi. Ad esempio, “Alexa, alza il volume” verrà interpretato come “Alexa alza il tuo volume, proprio quello dell’assistente vocale”, quindi avrai bisogno di dire “Alexa, alza il volume della Tv Samsung” al fine di ottenere quello che volevi.

Ricorda, se il tuo assistente non riesce a capire una richiesta, la cosa migliore che puoi fare è riformulare. Se continui a dire sempre la stessa cosa più forte e più lentamente, ci sono buone probabilità che rimarrai deluso.

Condividi su:

valerio sanna

Vsx Blog : il mio punto di vista sul mondo del web, dell'innovazione e della scienza.

Leggi Precedente

Huawei è “fiduciosa” che questi telefoni avranno Android Q

Leggi Prossimo

Initiative Q sarà il nuovo bitcoin o uno schema piramidale?

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Social media & sharing icons powered by UltimatelySocial