• 31 Gennaio 2023

Google Password Manager funziona? E’ davvero utile?

google password manager
Condividi su:

Se stai ancora cercando di ricordare tutte le tue password e poi digitarle manualmente nei siti, lascia che ti dica: stai sbagliando. C’è Google Password Manager.

Con tutte le credenziali di cui dobbiamo tenere traccia ultimamente, non c’è modo in cui il cervello umano possa gestire il compito di archiviare tutto, almeno, non se si utilizzano password complesse e uniche che non si ripetono da un sito all’altro.

È qui che entra in gioco un gestore di password: memorizza in modo sicuro tutte le informazioni di accesso per te e quindi le utilizza secondo necessità.

Mentre può essere necessario appoggiarsi a un’app dedicata a tale scopo (per motivi di cui parleremo tra un momento), Google ha il suo sistema di gestione delle password integrato in Chrome. Ed è molto meglio fare affidamento su quello che non usare nulla.

Google Password Manager 101

Per prima cosa: non devi fare nulla per attivare Google Password Manager.

Il sistema, una volta considerato parte della funzione Smart Lock di Google , funziona su Android, iOS, Chrome OS e qualsiasi altra piattaforma desktop su cui hai eseguito l’accesso a Chrome, ed è in genere attivato per impostazione predefinita.

Verranno visualizzate le istruzioni di Gestione password per il salvataggio delle credenziali ogni volta che inserisci il nome utente e la password in un sito nel browser Chrome.

Il servizio offrirà anche di creare nuove password complesse per te quando ti iscrivi a qualcosa di nuovo. E ogni volta che ritorni su un sito in cui sono state archiviate le tue credenziali, Smart Lock le riempirà automaticamente per te o, quando più di un accesso è associato a un singolo sito, ti offrirà l’opzione di scegliere l’account che si desidera utilizzare.

Il sistema è in grado di accedere automaticamente anche a determinate app Android, anche se funziona in modo un po ‘sporadico e non sai mai esattamente quando sarà presente.

Il più delle volte all’interno delle app, non sembra essere supportato e semplicemente non viene visualizzato.

Modifica configurazione del Gestore delle Password

Se si desidera cercare e modificare le password archiviate, cambiare le impostazioni di Password Manager o disabilitare completamente il sistema, è possibile effettuare le seguenti operazioni:

  • In Chrome sul desktop, apri le impostazioni del browser, fai clic sulla sezione Riempimento automatico, quindi fai clic sull’opzione “Password”.
  • Su Android o iOS e su Chrome, apri le impostazioni del browser e tocca la sezione Password.
  • In Android stesso, apri le impostazioni di sistema, tocca la sezione Google, tocca il pulsante Gestisci il tuo account Google, quindi scorri l’elenco delle schede nella parte superiore dello schermo fino a visualizzare “Sicurezza”. Toccalo, quindi scorri fino alla scheda “Accesso ad altri siti” e tocca l’opzione “Password Manager”.
Google Password Manager
Google Password Manager

Puoi anche trovare le stesse impostazioni e vedere tutte le tue credenziali salvate andando su passwords.google.com in qualsiasi browser web.

Quei punti di accesso sono tutti connessi e costantemente sincronizzati, quindi vedrai le stesse informazioni in ognuno di essi e tutte le modifiche apportate in un posto verranno automaticamente visualizzate ovunque.

Se decidi di utilizzare un gestore di password autonomo, tra l’altro, probabilmente vorrai tornare alla stessa area “Password” delle impostazioni di Chrome e disabilitare le opzioni di “salvataggio delle password “e” Accesso automatico “. Ciò impedirà a Chrome di raddoppiare su ciò che fa anche il tuo gestore di password esterno e ti impedirà di vedere le istruzioni che si sovrappongono in modo confuso ogni volta che provi ad accedere da qualche parte.

Google Password Manager rispetto alla concorrenza

Ma quando è più consigliabile utilizzare un gestore di password dedicato anziché Google Password Manager?

In primo luogo, i gestori di password dedicati forniscono un supporto più ampio e coerente per l’archiviazione e la compilazione di password all’interno delle app sul telefono, cosa che la maggior parte di noi fa regolarmente.

Non devi andare a cercare manualmente una password, quindi copiarla e incollarla ogni volta che accedi a un’app, e con Google Password Manager, questo è generalmente ciò che devi fare.

Oltre a ciò, i gestori di password dedicati tendono a fornire garanzie di sicurezza più forti ed esplicite e spesso offrono funzionalità aggiuntive come la possibilità di condividere le password con i membri del team o anche con client esterni (con o senza consentire alla persona di vedere effettivamente la password in questione).

Spesso includono anche altri elementi utili oltre alla semplice memorizzazione delle password di base e ti offrono l’opportunità di accedere e inserire le tue informazioni nei browser oltre a Chrome, se e quando si presenta tale necessità.

Su Android, iOS e desktop la mia scelta migliore in questo momento è LastPass , che ha un piano gratuito perfettamente funzionante e offerte premium, familiari e aziendali.

Se non ti serve un gestore di password dedicato, tuttavia, il sistema integrato di Google è la cosa migliore in assoluto. E ora sai esattamente come usarlo.

Condividi su:

valerio sanna

Vsx Blog : il mio punto di vista sul mondo del web, dell'innovazione e della scienza.

Leggi Precedente

Aggiornare i contenuti è fondamentale! Ma come si fa?

Leggi Prossimo

SEO e CTR: Per capire la SEO devi diventare un ninja del CTR

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Social media & sharing icons powered by UltimatelySocial