• 31 Gennaio 2023

Come funzionano gli extender Wi-Fi?

Come funzionano gli extender Wi-Fi
Condividi su:

Quando sei in una stanza dove il Wi-Fi non arriva, potresti essere tentato di fare dei buchi nei muri per far passare un cavo Ethernet. Tuttavia, c’è una soluzione per espandere la portata della rete con il minimo sforzo, vediamo come funzionano gli extender Wi-Fi.

Esploriamo gli extender Wi-Fi, cosa fanno e come usarne uno.

Che cos’è un extender Wi-Fi?

Gli extender Wi-Fi sono talvolta chiamati anche “ripetitori”, ma l’obiettivo finale è generalmente lo stesso. Un extender Wi-Fi si trova tra il router e il computer e fa un ponte tra i due.

Naturalmente, come funziona l’extender Wi-Fi dipende dal modello. In genere funzionano innanzitutto associando l’extender al router, in modo che l’extender sappia dove connettersi. Quindi, collegare l’extender a una presa di corrente libera vicina alla zona dove manca il segnale Wi-Fi.

Quando l’extender è configurato, crea una propria rete Wi-Fi per consentire ad altri di connettersi. Quando si collega un dispositivo ad esso, tutto il traffico viene trasferito all’extender. Quando riceve queste informazioni, l’extender passa i dati al router a cui è stato associato.

Utilizzo di extender Wi-Fi per coprire grandi distanze

Al suo livello più elementare, un ripetitore funge da ponte per il tuo computer. Ad esempio, se il tuo PC è troppo lontano dal tuo router, riceverà un segnale scadente, diciamo, una barra sull’indicatore Wi-Fi. Tuttavia, il punto centrale della casa riceve un segnale medio; circa due o tre barre.

Mettendo un extender Wi-Fi in questo punto centrale, sia il router che il PC possono connettersi ad esso con una potenza del segnale media. L’extender può quindi trasmettere pacchetti di dati tra il router e il PC con un segnale di qualità migliore rispetto a quello senza. Questo, a sua volta, migliora le prestazioni generali e riduce il numero di interruzioni di Internet.

Utilizzo di extender Wi-Fi per superare ostacoli

Gli extender Wi-Fi possono fare molto di più che aumentare il raggio d’azione. Ad esempio, sapevi che alcuni materiali da costruzione, mobili e dispositivi possono creare quella che viene chiamata zona morta Wi-Fi ?

Se qualcosa sta bloccando il tuo segnale, provare facendoti strada attaccando un extender nel mezzo potrebbe non funzionare.

Tuttavia, è possibile posizionare l’extender in un punto strategico che evita del tutto l’ostacolo. Se l’extender si trova in una posizione in cui può “vedere” sia il router che il PC senza dover superare l’ostacolo, è possibile far passare il segnale tra l’utente e il router.

Ho bisogno di un extender Wi-Fi?

Gli extender Wi-Fi sono un ottimo modo per superare le zone morte Wi-Fi. Pertanto, ne hai davvero bisogno solo se la tua connessione Wi-Fi è imprevedibile. Se hai già una connessione decente, usare un extender potrebbe non convenire.

Prima di acquistare un extender, tuttavia, ci sono alcune cose che puoi provare.

I tuoi problemi Wi-Fi potrebbero essere dovuti a un cattivo posizionamento del router. Come tale, assicurati di spostare un po’ il router per vedere se questo risolve il problema.

Puoi anche modificare le impostazioni del router stesso per vedere se questo migliora le prestazioni del Wi-Fi.

Un metodo gratuito è quello di scegliere il canale migliore per il tuo router per vedere se questo migliora il segnale. Puoi anche sostituire le antenne del tuo router con altre più forti, se è possibile.

Se nulla sembra risolvere il problema, un extender può fare la magia. Tuttavia, prima di acquistarne uno nuovo di zecca, guarda se hai dei vecchi router.

Alcuni router possono essere trasformati in un extender, che è un ottimo modo per riciclare il vecchio hardware invece di acquistare nuovi gadget.

In effetti, ci sono molti modi utili per riutilizzare un vecchio router , quindi è una buona idea non buttarli via.

Se niente funziona, vale la pena acquistare un nuovo extender Wi-Fi.

Ma un extender non risolve tutti problemi di rete. Alcuni extender e configurazioni funzioneranno bene, mentre altri peggioreranno le cose.

Pertanto, è meglio acquistare sxtender Wi-Fi di qualità per garantire che, in caso di problemi, sia più un problema di infrastruttura che di prodotto.

Cosa sono gli extender Wi-Fi dual-band?

Se guardi nel mercato degli extender Wi-Fi, potresti trovarne alcuni che sono etichettati come “dual-band”. Ciò significa che coprono sia la banda 2.4Ghz che 5Ghz.

Questo è importante perché entrambi eccellono in cose diverse:

Una banda da 5 Ghz fornirà una velocità di download superiore ai 2,4 Ghz, ma i 2,4 Ghz arrivano più lontano.

Come tale, un extender dual band utilizzerà la migliore soluzione in quel momento.

Se il tuo dispositivo è abbastanza vicino per la velocità di download migliorata della banda 5.0Ghz, la utilizzerà; allo stesso modo, se la distanza è troppo elevata, utilizzerà invece la banda 2.4 Ghz. Clicca questo link per controllare la velocità di internet.

Gli extender dual-band sono utili anche per coprire problemi di compatibilità. Alcuni dispositivi funzioneranno solo su una banda; ad esempio, uno smartphone economico potrebbe essere in grado di connettersi solo sulla banda 2,4 Ghz.

L’uso di una rete a doppia banda rimuove qualsiasi mal di testa che potrebbe derivare da dispositivi che preferiscono una banda rispetto a un’altra.

Cosa significano i numeri degli extender Wi-Fi?

A volte troverai un extender o un router con un numero nel suo nome. Ad esempio: Netgear N300 vs N600; cosa significano questi numeri?

La risposta breve è che questo numero rappresenta la larghezza di banda combinata totale che può essere gestita dall’extender o dal router.

Ad esempio, un Netgear N300 ha una larghezza di banda di 300 Mbps e l’N600 di 600 Mbps. Pertanto:

maggiore è il numero, maggiore è il traffico che l’extender può gestire.

La risposta completa implica un’ulteriore analisi del significato di “larghezza di banda combinata totale”. Ogni banda di rete ha una propria larghezza di banda, quindi il numero è il risultato che si ottiene quando si sommano le larghezze di banda di ogni banda supportata dall’extender.

Se l’extender supporta solo una banda, c’è poco da confondersi. Quando dai un’occhiata all’extender Netgear N300, supporta solo la banda da 2,4 Ghz. Ciò significa che otterrai una larghezza di banda di 300 Mbps quando lo usi, punto e basta.

Se l’extender supporta due bande, in genere è possibile calcolare la larghezza di banda totale dividendo il numero per due. Tuttavia, a volte la banda da 5 Ghz ha una larghezza di banda leggermente maggiore rispetto alla banda da 2,4 Ghz.

I dispositivi a doppia banda in genere dividono equamente la larghezza di banda. L’eccezione è l’N750, che ha 300 Mbps sulla banda 2,4 Ghz e 400 Mb sulla banda 5 Ghz.

Pertanto, se sei confuso dai numeri sul tuo router, controlla la documentazione ufficiale. Alcuni saranno single band, altri ne avranno due e alcuni divideranno la loro larghezza di banda in modo non uniforme.

Condividi su:

valerio sanna

Vsx Blog : il mio punto di vista sul mondo del web, dell'innovazione e della scienza.

Leggi Precedente

SEO e CTR: Per capire la SEO devi diventare un ninja del CTR

Leggi Prossimo

Come posizionarsi in primo piano nello snippet di Google (Guida)

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Social media & sharing icons powered by UltimatelySocial