• 26 Novembre 2022

Quanto sono sostenibili i veicoli elettrici?

Quanto sono sostenibili i veicoli elettrici
Condividi su:

Non è un segreto che i veicoli elettrici abbiano una serie di vantaggi ambientali; tuttavia, è importante dare uno sguardo critico a questa tecnologia, piuttosto che seguirla ciecamente come nostro salvatore ambientale: Quanto sono sostenibili i veicoli elettrici?

“Non ci fermeremo fino a quando tutte le auto sulla strada saranno elettriche”. – Elon Musk

Questa citazione, attribuita a ciò che molti considerano il padre della mania dell’auto elettrica, dipinge un’immagine per un futuro elettrico. Mentre potrebbe passare del tempo prima che ogni auto sulla strada sia elettrica, c’è una tendenza definita in quella direzione.

L’eccitazione intorno alle auto elettriche ha un senso. I veicoli elettrici sono molto più ecologici rispetto alle loro controparti che consumano benzina o gasolio. L’attenzione ai veicoli elettrici riduce la nostra dipendenza dai combustibili fossili. Anche i veicoli elettrici stanno diventando più convenienti poiché sempre più aziende li producono. In effetti, un certo numero di case automobilistiche tradizionali si sono impegnati a diventare completamente elettrici.

Tutti vogliono fare auto elettriche

Volvo ha deciso che tutti i loro veicoli prodotti dopo il 2019 sarebbero stati elettrici o ibridi e così è stato. Jaguar ha fatto la stessa cosa a partire dal 2020. Anche i camion di grandi dimensioni si stanno muovendo nella direzione dell’elettrico. Perfino Harley Davidson ha sviluppato una motocicletta elettrica.

Tuttavia, con qualsiasi tecnologia popolare, è importante dare un’occhiata critica. I veicoli elettrici stanno conquistando il mondo per le loro basse emissioni, ma quanto è basso il loro impatto ambientale, davvero? 

Le emissioni sono solo una parte dell’equazione. Nel caso dei veicoli elettrici, due questioni principali da considerare sono le emissioni “per generare energia” e la durata di vita delle batterie dei veicoli elettrici .

Quanto sono sostenibili i veicoli elettrici?
Quanto sono sostenibili i veicoli elettrici?

Si può generare energia a emissioni zero?

Le emissioni per generare energia comprendono i gas serra e gli inquinanti atmosferici che vengono emessi per produrre l’energia utilizzata per alimentare un veicolo elettrico. Mentre i veicoli elettrici non funzionano a benzina, l’energia che usano deve provenire da qualche parte.

Le emissioni dei veicoli possono essere suddivise in due categorie generali: inquinanti atmosferici e gas a effetto serra (GHG). 

Nel caso di veicoli convenzionali con un motore a combustione interna, inquinanti e GHG vengono emessi direttamente attraverso il tubo di scappamento, nonché attraverso l’evaporazione dal sistema di alimentazione del veicolo e durante il processo di alimentazione. D’altra parte, ciò che è così intrigante dei veicoli elettrici è che producono zero emissioni di gas di scarico, riducendo significativamente le loro emissioni dirette.

È qui che entrano in gioco le emissioni indirette, compresi tutti gli inquinanti e i gas a effetto serra correlati alla produzione, alla lavorazione, alla distribuzione e all’uso del combustibile. Per la benzina, ciò comporta l’estrazione, il raffinamento, la distribuzione e l’uso del petrolio. D’altra parte, anche la maggior parte delle centrali elettriche produce emissioni e tali emissioni dovrebbero essere prese in considerazione quando si considera l’impatto ambientale dei veicoli elettrici.

Secondo il Dipartimento dell’Energia degli Stati Uniti, i veicoli completamente elettrici emettono in media 4.450 libbre di CO2 ogni anno. Per fare un confronto, le auto convenzionali emettono oltre il doppio ogni anno. Mentre i veicoli elettrici producono meno emissioni, è importante ricordare che questa non è una tecnologia perfetta. 

Le persone non dovrebbero supporre ciecamente che i veicoli elettrici siano una super-tecnologia senza emissioni.

Per essere veramente carbon neutral, i veicoli elettrici dovrebbero ottenere la loro energia da risorse di energia rinnovabile. Ciò significa utilizzare stazioni di ricarica a energia solare o collegare la tua casa a un parco eolico locale o installare pannelli solari sulla tua casa.

La provenienza della tua energia influisce sull’impatto delle emissioni del tuo veicolo elettrico. Attualmente, negli Stati Uniti, il 35,24 percento dell’energia proviene dal gas naturale e il 27,52 percento proviene dal carbone. In alternativa, solo il 6,86 percento, il 6,6 percento e l’1,6 percento di energia provengono rispettivamente da energia idroelettrica, eolica e solare, il che significa che i veicoli elettrici sono sostenibili solo quanto la loro fonte di energia.

Fine vita delle batterie

C’è una domanda chiave che si è profilata sull’industria dei veicoli elettrici sin dal suo inizio: cosa fare delle batterie agli ioni di litio (LIB) quando si esauriscono. Se non hai familiarità con il concetto di batteria agli ioni di litio, non guardare oltre lo smartphone in tasca. Un LIB è un tipo di batteria ricaricabile spesso utilizzata per l’elettronica portatile e utilizzata anche nei veicoli elettrici.

Mentre queste batterie sono ricaricabili, non durano per sempre e alla fine la loro capacità di trattenere una carica si esaurisce. Quello che succede dopo è un po ‘complicato. Il Guardian ha riferito che nell’UE solo il cinque percento delle batterie agli ioni di litio sono riciclate. Non solo queste batterie comportano il rischio di emettere gas tossici se danneggiate, ma ingredienti fondamentali come litio e cobalto sono limitati e l’estrazione può portare all’inquinamento e all’esaurimento delle acque.

A causa di questo basso tasso di riciclaggio, sono state stabilite alcune norme per motivare i produttori di veicoli elettrici ad assumersi maggiori responsabilità per i processi di fine vita dei loro prodotti. Nell’UE, i produttori di batterie sono tenuti a finanziare i costi di raccolta, trattamento e riciclaggio di tutte le batterie raccolte. Ciò ha persino portato ad alcune partnership tra produttori e società di riciclaggio. Umicore, un gigante del riciclaggio delle batterie in Europa, ha accordi con Tesla e Toyota per riciclare le batterie.

Riciclaggio delle batterie

Sfortunatamente, il problema non finisce qui. Mentre i processi di fusione commerciale possono facilmente recuperare molti metalli, come il cobalto e il nichel, non possono recuperare il litio, il che costa di più.

Aceleron, che è stata riconosciuta da Forbes come una delle 30 startup tecnologiche più interessanti in Europa, crede anche nella riusabilità di queste batterie. Secondo loro, le batterie per auto possono ancora avere fino al 70% della loro capacità quando smettono di essere abbastanza buone per alimentare i veicoli elettrici, il che le rende perfette per funzioni come l’accumulo di energia domestica. Aceleron ha un processo brevettato per la scomposizione, il collaudo e il riconfezionamento delle batterie per uso domestico.

La tecnologia deve essere vista attraverso una lente critica. Mentre i veicoli elettrici e coloro che li sviluppano hanno contribuito a ridurre le emissioni, è importante riconoscere i punti deboli di questa nuova tecnologia. È solo grazie a questo costante controllo che saremo in grado di raggiungere un futuro più sostenibile.

Condividi su:

valerio sanna

Vsx Blog : il mio punto di vista sul mondo del web, dell'innovazione e della scienza.

Leggi Precedente

Come e Perchè usare Instagram per business

Leggi Prossimo

Come creare annunci efficaci sui social media

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Social media & sharing icons powered by UltimatelySocial