• 14 Giugno 2024

14 strategie di remarketing per Facebook [Guida completa]

strategie di remarketing per Facebook
Condividi su:

Le aziende possono sempre trovare modi per coinvolgere nuovamente i propri potenziali clienti attraverso il remarketing. Ecco 14 strategie di remarketing per Facebook che puoi utilizzare.

Facebook offre tanti modi per raggiungere i potenziali clienti, non ultimo il remarketing! La cosa grandiosa del remarketing di Facebook è che è incredibilmente versatile.

Quasi tutte le aziende possono trovare un modo per coinvolgere nuovamente i propri potenziali clienti attraverso il remarketing, anche se non considerano Facebook come la principale piattaforma da utilizzare.

Ci sono alcuni ottimi modi per restringere il focus. Per non parlare poi degli algoritmi di Facebook che probabilmente rivaleggiano con alcuni dei migliori nel panorama PPC.

Ciò significa che anche se non sfrutti Facebook per le campagne di prospezione, probabilmente c’è ancora un frutto basso per te nel ramo del remarketing .

Parliamo di alcuni dei modi in cui puoi sfruttare Facebook per raggiungere il tuo pubblico di destinazione.

1 – Crea elenchi di visitatori

Una delle strategie di remarketing per Facebook più semplice e ovvia consiste nel creare elenchi per il remarketing dai visitatori della pagina.

A volte, se hai un piccolo pubblico, iniziare con il remarketing di tutti i visitatori è la cosa migliore. Questo perché una segmentazione aggiuntiva potrebbe rendere gli elenchi troppo piccoli per uscire dalla fase di apprendimento.

Se il tuo pubblico è abbastanza grande, tuttavia, è l’ideale creare un pubblico basato sulle visite alle pagine che indicano l’intento, ad esempio le persone che hanno visitato una pagina per registrarsi ad una prova gratuita o richiedere una demo ma poi non hanno completato la richiesta.

Creazione di pubblico da parametri URL

Per portare un ulteriore passo avanti nel ​​remarketing dei visitatori della pagina, puoi creare segmenti di pubblico da qualsiasi parte della stringa dell’URL, anche se non fa parte della pagina.

In parole povere: puoi creare segmenti di pubblico in base ai parametri URL e alle sottocartelle.

Questo può essere utile se desideri effettuare il remarketing dei visitatori di una fonte specifica separata dagli altri segmenti di pubblico.

Ad esempio, se stavi eseguendo una campagna su Linkedin mirata a specifici gruppi o competenze di Linkedin, potresti decidere di utilizzare Facebook come fonte di remarketing aggiuntiva poiché spesso è più conveniente.

Puoi quindi utilizzare i tuoi tag UTM per creare un pubblico di sole persone provenienti da quella specifica campagna.

In questo modo, sai che le persone in quel pubblico avevano un insieme specifico di abilità o erano coinvolte in gruppi specifici. Ti permetterebbe di parlare direttamente a quegli interessi nei tuoi annunci.

Visitatori per tempo trascorso

Puoi segmentare ulteriormente i tuoi segmenti di pubblico basati su URL selezionando di segmentarli in base al tempo trascorso. Ad esempio, potresti scegliere come target le persone in base al 25%, al 10% o al 5% oltre il tempo trascorso.

Questo può essere un modo utile per cercare di concentrarsi sulle persone con il più alto coinvolgimento.

2 – Crea eventi di conversione del remarketing

Se le visualizzazioni della pagina di remarketing non ti consentono di creare il pubblico di cui hai bisogno, Facebook offre anche la possibilità di creare un pubblico dagli eventi che hai creato per il monitoraggio delle conversioni.

Questo può essere utile sia per indirizzare il tuo pubblico che per portarlo alla fase successiva della canalizzazione.

È anche utile per le esclusioni, per assicurarti di non prendere di mira persone che hanno già intrapreso una determinata azione, anche se Facebook non è stata la fonte che ha guidato l’azione.

3 – Fai remarketing delle tue attività offline

Facebook semplifica anche il remarketing delle attività offline, il che è davvero fantastico! Ci sono due modi per farlo: tramite elenchi dei segmenti di pubblico ed eventi offline.

Approfondiamo ciascuno!

Caricamento degli elenchi del pubblico

Uno dei modi più noti per eseguire il remarketing delle attività offline è caricare elenchi di utenti.

Ci sono un sacco di modi diversi per segmentare questi dati.

Puoi scegliere come target clienti esistenti, lead che una volta erano caldi ma mai convertiti o persone attualmente “in cantiere”. Puoi anche effettuare il remarketing delle persone che hanno eseguito un’azione ad alta canalizzazione per indurle a eseguire un’azione a bassa canalizzazione.

Eventi offline di remarketing

Fra le strategie di remarketing per Facebook puoi anche effettuare il remarketing delle persone dai tuoi set di eventi offline se stai monitorando gli eventi offline.

Quindi, se stai importando eventi per i messaggi di testo, ad esempio, puoi fare remarketing per portarli alla fase successiva della canalizzazione, magari per informarli di una vendita su determinati prodotti.

Se hai accesso al monitoraggio delle visite in negozio e hai impostato almeno 10 negozi misurabili, hai anche la possibilità di creare pubblico al di fuori delle visite in negozio, il che apre una vasta gamma di opportunità.

4 – Fai attività di remarketing su Facebook

Hai anche la possibilità di fare remarketing del coinvolgimento di Facebook, che presenta tutta una serie di modi in cui puoi coinvolgere e attirare nuovamente il tuo pubblico mentre si muove attraverso il percorso del cliente.

Coinvolgimento di remarketing su Facebook o Instagram

Un modo semplicissimo per creare pubblico dal coinvolgimento è il remarketing delle persone che hanno interagito con il tuo marchio su Facebook o Instagram.

Sfortunatamente, non puoi selezionare un post specifico (sebbene ci siano modi per essere un po’ più specifici con le categorie seguenti) ma puoi scegliere di effettuare il remarketing con:

  • Persone che hanno interagito con i tuoi contenuti.
  • Utenti che hanno visitato la tua pagina.
  • Persone che hanno fatto clic su un invito all’azione (solo Facebook).
  • Utenti che ti hanno inviato un messaggio.
  • Persone che hanno salvato la tua pagina o i tuoi post.
  • Tutti coloro che hanno interagito con la tua pagina (che includerebbe tutto quanto sopra).

Remarketing visualizzazione video

Un modo per concentrarti sul tuo pubblico di coinvolgimento è il remarketing delle visualizzazioni dei video.

Con il remarketing della visualizzazione video, tecnicamente non puoi scegliere il post esatto, ma puoi scegliere di creare un pubblico solo da video specifici o da tutti i video.

Puoi determinare se le visualizzazioni del video devono essere di 3 secondi, 10 secondi, 15 secondi (o thru-play se inferiore a 15 secondi). In alternativa, puoi scegliere di selezionare come target le persone che hanno guardato almeno il 20%, 50%, 75% o 90% del video.

Ad esempio, potresti sfruttare una campagna di canalizzazione più alta che promuove i video e quindi potresti fare remarketing di persone che hanno guardato almeno il 50% del video.

Moduli per la generazione di lead di remarketing

Con il remarketing dei moduli di generazione di lead, puoi eseguire il remarketing delle persone che hanno aperto un modulo, ma non hanno inviato il modulo o persone che hanno aperto e inviato un modulo. Puoi scegliere da quali moduli vuoi creare l’elenco.

Se qualcuno ha compilato un modulo di generazione di contatti per un contenuto e si desidera effettuare il remarketing per portarlo alla demo, ad esempio, è possibile creare un pubblico per gli invii di moduli per quel contenuto.

Oppure, se stavi testando due moduli diversi per la stessa azione, dovresti escludere gli invii dell’altro modulo nel test in modo da non pagare o ricevere visibilità non necessaria da persone che hanno già inviato il modulo.

Inoltre, se desideri eseguire il remarketing delle persone che hanno aperto il modulo ma non l’hanno inviato, puoi farlo.

Poiché il modulo non si apre automaticamente, le persone che hanno aperto il modulo mostrano un segnale inequivocabile.

5 – Cerca persone che si sono impegnate con i tuoi eventi

Se crei eventi hai molte opzioni fra le strategie di remarketing per Facebook

Puoi effettuare il remarketing di persone che hanno:

  • Risposto che stanno progettando di andare.
  • Un dichiarato intere a partecipare.
  • Visitato l’evento (anche se non hanno risposto).
  • Iniziato ad acquistare i biglietti ma hanno abbandonato il processo di acquisto.
  • Completato il processo per l’acquisto dei biglietti.

Ad esempio, se hai deciso di ospitare un altro evento in futuro, potresti voler fare remarketing di persone che hanno risposto o solo a persone che hanno acquistato i biglietti.

Oppure potresti voler creare tali elenchi e usarli come seme per eventi futuri!

6 – Fai remarketing sul tuo e-commerce

Sto raggruppando alcune opzioni qui, ma se hai un e-commerce, hai un sacco di diverse strategie di remarketing per Facebook già in piattaforma.

Ad esempio, se hai un negozio Facebook, puoi fare remarketing di persone che hanno:

  • Visto il tuo negozio.
  • Visualizzato dei prodotti (o potresti qualificarti ulteriormente prendendo di mira le persone che hanno visualizzato e cliccato).
  • Salvato dei prodotti.
  • Aggiunto prodotti al carrello.

Puoi anche fare remarketing sul coinvolgimento con le tue esperienze istantanee: coloro che aprono l’esperienza istantanea o si qualificano ulteriormente prendendo di mira le persone che hanno fatto clic sui collegamenti nell’esperienza istantanea.

7 – Scopri se il remarketing sta convertendo bene

Se hai un pubblico di nicchia e ritieni che il remarketing non funzioni bene, puoi anche testare la stratificazione di altri interessi e dati demografici per qualificare meglio il tuo elenco.

Potrebbe essere necessario farlo per una serie di motivi. Ad esempio, se di recente hai aggiunto una nuova fonte di traffico ad alta canalizzazione al tuo sito web che non sembra funzionare, può rovinare il tuo pubblico poiché ora eseguirai il remarketing di quel traffico di bassa qualità (sigh).

L’aggiunta di qualificazioni demografiche o di interesse può aiutare a ripulire l’elenco del pubblico per riportarlo alle persone giuste.

Tieni presente che così facendo ridurrai un po’ le dimensioni del tuo pubblico. Devi davvero considerare se ha senso per te.

8 – Remarketing dinamico

Una delle strategie di remarketing per Facebook prevede il remarketing dinamico. Puoi configurare alcune campagne davvero interessanti. Ci sono così tante opzioni.

Il formato più popolare è il remarketing per le persone che hanno visualizzato i tuoi prodotti e non hanno acquistato, inviando un annuncio per seguire le persone con i prodotti esatti a cui sembravano interessate.

Puoi ulteriormente qualificare quelle persone prendendo di mira solo le persone che hanno aggiunto al carrello e non hanno completato l’acquisto.

In alternativa, puoi scegliere come target le persone che hanno acquistato ma aggiungere un’esclusione per un certo periodo di tempo, ad esempio scegliendo come target le persone che hanno acquistato 30 giorni fa ma da allora non sono tornate per acquistare.

Ciò è particolarmente utile per le aziende che vendono prodotti che generano molti acquisti ripetuti (pensa ai prodotti che si esauriscono). Puoi filtrare i prodotti che vuoi o non vuoi includere nel tuo set.

Se sei un’azienda di scarpe che vende anche lacci, ad esempio, probabilmente non vorrai fare remarketing a persone che stavano guardando i lacci perché sarebbe difficile ottenere un buon ROAS su questo.

Potresti anche voler creare diversi gruppi di annunci per diversi tipi di scarpe in modo da assicurarti che il testo pubblicitario sia davvero pertinente. Se qualcuno stava guardando scarpe da tennis e scarpe da sera, potresti creare un testo pubblicitario che guidi davvero il valore di ciascuno senza dover essere troppo generico.

Ma se il tuo pubblico è piccolo, potresti tenerli raggruppati per raccogliere tutti i dati insieme.

Up-Selling dinamico e Cross-Selling

L’obiettivo del catalogo è ottimo anche per up-selling e cross-selling. Quindi potresti indirizzare le persone che hanno acquistato cose specifiche con accessori o altri articoli che potrebbero piacergli!

Ad esempio, uno dei miei clienti vende un prodotto alimentare popolare. Un remarketing degli acquirenti recenti conun libro di cucina può essere vincente se non lo hanno acquistato inizialmente.

9 – Fai elenchi basati sulle attività recenti

Se disponi di dati sufficienti per segmentarli ulteriormente, segmenterai ulteriormente il tuo pubblico per attività recenti.

Pensaci: se hai visitato un negozio e hai aggiunto un paio di scarpe al carrello ma hai dimenticato di pagare, è molto più probabile che tu completi la transazione il giorno successivo o nei prossimi giorni se ti viene ricordato rispetto a se ti viene ricordato 30 giorni dopo.

Entro 30 giorni, potresti aver cambiato idea o aver acquistato qualcos’altro.

Diamine, se stavi comprando le scarpe per un evento, potrebbe anche essere già passato.

Come con tutta la segmentazione del pubblico, devi stare attento che i filtri aggiuntivi non riducano il pubblico troppo per guidare una raccolta di dati significativa.

10 – Crea un pubblico al di fuori dell’attività dell’app

Se disponi di un’app, puoi creare segmenti di pubblico in base alla base di utenti dell’app.

Fra le strategie di remarketing per Facebook puoi creare segmenti di pubblico da chiunque abbia aperto l’app, dagli utenti più attivi, dagli utenti per importo dell’acquisto e dagli utenti per segmento.

Puoi anche scegliere come target gli eventi dell’app, ma tieni presente che la tua app deve misurare gli eventi per creare un pubblico personalizzato da essa. Gli eventi dell’app per i quali la tua app è configurata per la misurazione verranno automaticamente inseriti nel menu a discesa.

11 – Condividi il pubblico

Facebook offre anche la possibilità di condividere il pubblico con i partner. Ci sono un paio di casi diversi in cui questo ha senso.

A volte ha senso che le società affini ma non concorrenti (se si rivolgono allo stesso pubblico di destinazione).

Se stai lavorando con dei partner per la promozione incrociata, puoi anche condividere il pubblico in modo che ognuno possa raggiungere il target dell’altro.

Il vantaggio aggiuntivo della condivisione del pubblico nel caso di un pubblico personalizzato è che l’azienda che condivide l’elenco può caricare qualsiasi indirizzo e-mail nel proprio account manager aziendale e quindi condividerlo con i partner senza mai condividere gli indirizzi e-mail effettivi.

12 – Segui il percorso del tuo acquirente

Il remarketing è un ottimo modo per supportare la tua canalizzazione. Sai esattamente quali azioni hanno intrapreso le persone, quali pagine hanno visitato, in modo da poter tenere traccia di tali azioni e fare remarketing con il passaggio successivo per continuare a farle avanzare.

Il percorso del tuo cliente potrebbe essere costituito da più passaggi con più segmenti di pubblico di remarketing che fanno avanzare le cose (escludendo sempre i segmenti di pubblico di canalizzazione inferiore dai set di annunci di canalizzazione superiore) o potrebbero essere solo pochi passaggi.

Anche se il tuo percorso di acquisto non è così lungo, puoi dare un’occhiata al tuo percorso per vedere dove le persone stanno abbandonando e quindi utilizzare il remarketing per riportarle indietro.

Ad esempio, persone che effettuano il remarketing che aggiungono al carrello ma non completano l’acquisto o persone che si iscrivono a una demo ma poi non partecipano e così via.

13 – Pianifica le tue liste intorno ad altre attività di marketing

Un altro modo interessante per utilizzare strategie di remarketing per Facebook è aiutarti a pianificare le tue campagne attorno ad altre attività di marketing, in genere e-mail.

Quindi diciamo che dopo che qualcuno ha effettuato un acquisto, potresti voler pubblicizzare opzioni di vendita incrociata/upsell.

Diciamo che prima di farlo, dai un’occhiata al quadro più ampio di altre opportunità di marketing: Vedi che l’e-mail per upselling o crossselling viene inviata automaticamente dopo l’acquisto 24 ore dopo la vendita.

La tua azienda ha già pagato per la piattaforma di email marketing, quindi sarebbe sciocco cercare di ottenere vendite tramite PPC che avresti potuto ottenere tramite e-mail.

Per aggirare quell’e-mail, tutto ciò che devi fare è aggiungere un’esclusione per gli acquirenti che hanno effettuato un acquisto negli ultimi 1, o forse 2 (per sicurezza), giorni. In questo modo i tuoi annunci inizieranno a essere pubblicati dopo che l’email avrà la possibilità di incrementare la vendita.

Questo non deve essere utilizzato solo per cross-sell/up-sell, può essere utilizzato per qualsiasi parte della canalizzazione in cui l’e-mail ha dei trigger automatici in atto, comprese le e-mail che seguono le micro-conversioni.

14 – Prova a testare diversi obiettivi della campagna

Può anche valere la pena testare obiettivi diversi con il remarketing. Spesso le persone propendono per il remarketing di conversione ma, come ho detto sopra, ha assolutamente senso testare l’obiettivo del catalogo se sei un e-commerce, poiché spesso funzionerà anche meglio.

Ha anche senso testare l’obiettivo di lead generation se vuoi essere in grado di sfruttare al massimo le strategie di remarketing per Facebook.

Poiché gli elenchi per il remarketing sono spesso molto reattivi, può avere senso testare campagne di consapevolezza, copertura, traffico e persino visualizzazioni di video per vedere se è possibile ottenere un costo di acquisizione inferiore per i tuoi lead.

L’algoritmo di Facebook sta migliorando sempre di più, quindi potrebbe non battere la tua campagna Google ADS, ma vale la pena fare un test.

Condividi su:

valerio sanna

Vsx Blog : il mio punto di vista sul mondo del web, dell'innovazione e della scienza.

Leggi Precedente

Caffeina nelle celle solari ? Si, i pannelli funzionano meglio

Leggi Prossimo

Importanza della SEO nella strategia aziendale: cosa c’è da sapere

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Social media & sharing icons powered by UltimatelySocial