• 22 Aprile 2024

Instagram aggiunge la cartella “Eliminati di recente” per i contenuti rimossi

Instagram per condividere su altri social
Condividi su:

Instagram aggiunge la cartella “Eliminati di recente” , un luogo dove il contenuto rimosso dai profili utente potrà essere rivisto ed eventualmente ripristinato.

Ora, quando gli utenti rimuovono il contenuto dal proprio account, viene immediatamente inviato alla cartella Eliminati di recente.

Da lì il contenuto può essere eliminato definitivamente. Oppure, se gli utenti cambiano idea e desiderano reinserire il contenuto nel proprio profilo, possono ripristinarlo dalla cartella Eliminati di recente.

Instagram aggiunge la cartella “Eliminati di recente” che conterrà:

  • Foto e video dal tuo profilo
  • Foto e video dalla tua storia di Instagram
  • Storie di Instagram dai momenti salienti e dal tuo archivio di storie
  • Caroselli
  • Messaggi diretti

Tutto ciò che viene inviato alla cartella Eliminati di recente verrà automaticamente rimosso dopo 30 giorni, ad eccezione delle storie che rimarranno nella cartella per un massimo di 24 ore da quando sono state pubblicate.

Se in qualsiasi momento entro quei 30 giorni gli utenti desiderano rivedere ciò che hanno eliminato, possono accedere alla cartella andando su Impostazioni> Account> Eliminati di recente .

Assicurati che la tua app di Instagram sia aggiornata all’ultima versione prima di fare affidamento sulla cartella Eliminati di recente per “salvare” i tuoi contenuti.

Un altro caso d’uso per “Eliminati di recente”

Questa cartella sarà sicuramente utile quando gli utenti cambiano idea sull’eliminazione dei contenuti, ma Instagram ne sottolinea un altro utilizzo.

Instagram nota come la cartella Eliminati di recente possa proteggere i contenuti degli utenti nel caso in cui il loro account venga violato.

A volte gli hacker eliminano il contenuto, lasciando gli utenti senza un modo per recuperarlo se non è memorizzato sul proprio telefono.

Oltre quando Instagram aggiunge la cartella Eliminati di recente, sta introducendo misure di salvaguardia contro l’eliminazione definitiva dei contenuti.

Agli utenti verrà richiesto di dimostrare di essere il proprietario dell’account prima di eliminare o ripristinare il contenuto dalla cartella Eliminati di recente.

Differenze fra: Archivio Instagram e Eliminati di recente

Instagram afferma che la cartella Eliminati di recente è una funzionalità regolarmente richiesta dagli utenti.

È interessante perché l’app di Instagram ha sempre avuto qualcosa di simile sotto forma di archivi degli account.

In precedenza, se gli utenti volevano rimuovere il contenuto dal proprio profilo ma non eliminarlo per sempre, potevano archiviarlo.

I contenuti archiviati possono essere ripristinati e / o eliminati definitivamente in qualsiasi momento. A quanto mi risulta, non c’è limite alla quantità di contenuto che può essere archiviata da un singolo account, né c’è un limite alla durata dell’archiviazione dei contenuti.

In teoria gli utenti potrebbero archiviare ogni parte di contenuto che desiderano rimuovere e avere la possibilità di ripristinarlo giorni, mesi o addirittura anni dopo. Quando il contenuto è archiviato non è accessibile a nessuno oltre all’utente che lo ha pubblicato.

In molti modi l’archivio di Instagram è migliore della cartella Eliminati di recente quando si tratta di salvare i contenuti degli utenti. Cioè, se gli utenti si ricordano di archiviare manualmente i propri contenuti.

Un vantaggio di Eliminato di recente è che è automatico.

Non è necessario ricordarsi di usarlo perché è fatto per quello. Se elimini accidentalmente un contenuto non lo perdi del tutto.

L’archivio Instagram non sta andando da nessuna parte, il che significa che può essere utilizzato come opzione di backup. Se ritieni che i 30 giorni forniti dalla cartella Eliminati di recente non siano sufficienti, puoi sempre inviare il contenuto all’archivio.

Condividi su:

valerio sanna

Vsx Blog : il mio punto di vista sul mondo del web, dell'innovazione e della scienza.

Leggi Precedente

Polizia tedesca sequestra € 50 milioni in bitcoin ma non sanno la password

Leggi Prossimo

Google cambia algoritmo: Quanto dovrebbero preoccuparsi le aziende?

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Social media & sharing icons powered by UltimatelySocial