• 14 Giugno 2024

Impatto del coronavirus su annunci Google e vendite affiliate

Impatto del coronavirus su annunci Google
Condividi su:

Amazon ha ridotto la spesa per Google Ads praticamente a zero. Gli eventi attuali sono la ragione principale per questa scelta. L’impatto del coronavirus su annunci Google, guadagni degli affiliati e guadagni pubblicitari degli editori sono importanti. Sapere cosa sta succedendo può aiutarti a superare questo momento burrascoso.

Secondo un rapporto recente, Amazon ha gradualmente ridotto la spesa per Google Ads dalla fine di gennaio e dall’11 marzo Amazon ha quasi disattivato del tutto la pubblicità.

Perché Amazon rinuncia del tutto a Google Ads?

Sembra che l’impatto del coronavirus sugli annunci Google sarà più forte del previsto. Amazon potrebbe rispondere alle mutevoli tendenze della spesa dei consumatori a causa della pandemia di Covid-19.

Amazon ha riportato un incremento degli acquisti dall’insorgere dell’epidemia in Europa, che ha richiesto l’assunzione di ulteriori 100.000 lavoratori per soddisfare la domanda.

Mentre gli americani si ritirano nelle loro case per resistere alla pandemia di coronavirus, si rivolgono sempre più ad Amazon per ottenere generi di prima necessità come generi alimentari, medicine, prodotti per la pulizia e, naturalmente, carta igienica. Anche in Italia le vendite di Amazon sono in forte crescita anche in settori differenti.

Amazon sta concentrando la propria attenzione verso il soddisfacimento della domanda dei cittadini che “stanno a casa”. Restare nella propria casa e non andarsene in giro se non per necessità primarie come cibo , lavoro e salute, è la direttiva che man mano si sta espandendo a tutti gli stati interessati dal contagio.

La paura di contrarre il coronavirus [COVID-19] fa sì che i consumatori si rivolgano ad Amazon e ai principali fornitori online per le proprie necessità.

Amazon cambia bruscamente verso la fine di gennaio 2020 e molte categorie di prodotti sono in forte espansione e vanno a sostituire altri che non sono più richiesti.

Inoltre, Amazon sembra aver sostanzialmente disattivato tutti i suoi annunci di testo dopo l’11 marzo e, sebbene mantenga una quota di impressioni di testo molto leggera, alcune inserzioni in una serie di categorie specifiche, è scomparsa del tutto.

Profondo cambiamento nelle tendenze di ricerca

Ciò che sta accadendo è che le vendite online stanno subendo un cambiamento estremo nelle tendenze di acquisto. La domanda di articoli per la casa e forniture mediali è in forte aumento. Il cambiamento è così drammatico che Amazon sta assumendo 100.000 nuovi lavoratori per soddisfare la domanda.

Il seguente grafico di Google Trends illustra il drammatico cambiamento nelle tendenze di ricerca. Considerati insieme alla decisione di Amazon di spedire solo beni essenziali, entrambi potrebbero essere segnali di un profondo cambiamento nelle tendenze di acquisto dei consumatori per i prossimi mesi.

Tappetini yoga e Apple Air Pod sono elencati da Amazon tra i prodotti più popolari in vendita su Amazon nelle rispettive categorie.

Ma come puoi vedere in questo grafico di Google Trends, la domanda di carta igienica ha sminuito quella di tappetini yoga e Air Pod.

Le tendenze di ricerca di Covid-19 potrebbero segnalare un enorme cambiamento nella spesa dei consumatori e guai futuri che potrebbero increspare l'economia di Internet dalla pubblicità alle vendite di affiliazione.
Le tendenze di ricerca di Covid-19 potrebbero segnalare un enorme cambiamento nella spesa dei consumatori e guai futuri che potrebbero increspare l’economia di Internet dalla pubblicità alle vendite di affiliazione.

Amazon si concentra su forniture mediche e beni di prima necessità

Secondo un rapporto pubblicato sul Search Engine Journal, molte spedizioni di Amazon si sono interrotte ad eccezione delle forniture domestiche e mediche di cui i consumatori hanno realmente bisogno.

Amazon ha dichiarato:

Stiamo assistendo a un aumento degli acquisti online e, di conseguenza, alcuni prodotti come prodotti di base per la casa e forniture mediche sono esauriti.

Con questo in mente, stiamo temporaneamente dando la priorità ai disinfettanti, alle forniture mediche e ad altri prodotti ad alta richiesta che entrano nei nostri centri logistici in modo da poter ricevere, rifornire e spedire più rapidamente questi prodotti ai clienti.

Per prodotti diversi da questi, abbiamo rallentato le spedizioni. Stiamo adottando un approccio simile anche con i venditori al dettaglio.

Secondo Amazon, questo cambiamento nel focus continuerà almeno fino al 5 aprile 2020. Sono poco più di due settimane.

Ricavi dalle affiliazioni Amazon

L’impatto del coronavirus sugli annunci Google riflette il drammatico allontanamento di Amazon da Google Ads. Questo potrebbe essere un segnale che le vendite online di prodotti di consumo non essenziali potrebbero iniziare a scendere al ribasso con l’aumento della domanda di forniture mediche e domestiche.

Sebbene ciò possa contribuire a ridurre la pressione sui costi pubblicitari per prodotti al di fuori di quelli medici e domestici, a che serve una pubblicità a basso costo se nessuno acquista?

È anche possibile che queste tendenze possano influenzare il marketing di affiliazione. Sarà difficile fare una vendita di affiliazione attraverso Amazon se Amazon non sta spedendo i prodotti ad alto margine popolari che i rivenditori affiliati reclamizzano.

Le tendenze di acquisto create dalle restrizioni in atto, possono influire sia sui ricavi delle vendite affiliate, che pubblicitarie per gli editori, nonché su Google Ads.

Condividi su:

valerio sanna

Vsx Blog : il mio punto di vista sul mondo del web, dell'innovazione e della scienza.

Leggi Precedente

Netflix, YouTube e Amazon riducono la qualità per risparmiare larghezza di banda

Leggi Prossimo

I più ricchi del mondo contrastano il coronavirus in questo modo

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Social media & sharing icons powered by UltimatelySocial