• 22 Maggio 2024

Facebook rende più difficile pubblicare annunci discriminatori

annunci discriminatori facebook
Condividi su:

Non c’è niente di meglio che fare la cosa giusta dopo essere stati denunciati e intimiditi e Facebook finalmente rende più difficile discriminare.

Facebook afflitto da scandali ha annunciato il 19 marzo che prenderà provvedimenti per affrontare uno dei suoi numerosi difetti strutturali. In particolare, la società non consentirà più agli inserzionisti di discriminare quando si tratta di alloggi, posti di lavoro o annunci di credito che vengono pubblicati sulla piattaforma dei social media.

“Questi cambiamenti sono il risultato di accordi storici con organizzazioni leader nel campo dei diritti civili e contributi costanti da parte di esperti in diritti civili”,

ha scritto il COO di Facebook Sheryl Sandberg in un comunicato stampa che annunciava i cambiamenti. 

Per dirla in altro modo, organizzazioni come ACLU e National Fair Housing Alliance, hanno denunciato Facebook in seguito alla notizia che i suoi strumenti pubblicitari mirati consentivano, ad esempio, di pubblicare annunci di lavoro solo per gli utenti di Facebook giovani.

Mentre Facebook promette di interrompere il supporto per discriminazioni mirate, tramite la sua piattaforma sui tipi di annunci sopra citati, il comunicato stampa di Sandberg ha tentato di ridefinire la strategia forzata di Facebook, come l’azione di una società che si difende per ciò che è giusto.

“C’è una lunga storia di discriminazione nel mondo, dell’occupazione e del credito, e questo comportamento dannoso non dovrebbe avvenire attraverso le pubblicità di Facebook”,

ha scritto. “Siamo grati a tutti coloro che hanno lavorato con noi per migliorare i nostri strumenti pubblicitari e NFHA e ACLU per la loro leadership.”

Eppure, poco dopo che ProPublica ha rivelato per la prima volta nel 2016, che era in grado di utilizzare gli strumenti di Facebook, per posizionare annunci abitativi che non sarebbero stati specificatamente mostrati alle minoranze, Facebook ha raccontato una storia molto diversa.

La società ha difeso l’uso delle sue cosiddette categorie come “affinità etiche” per il targeting degli annunci, in una dichiarazione che denunciava la causa antidiscriminatoria che ha dovuto affrontare.

“La causa è completamente senza merito e ci difenderemo vigorosamente”,

ha detto un portavoce in quel momento. “Il marketing multiculturale è una pratica comune nel settore pubblicitario e aiuta i marchi a raggiungere il pubblico con una pubblicità più pertinente.”

La causa, a quanto pare, ha aiutato Sandberg a vedere la situazione un po ‘più chiaramente. Quello e forse il costo finanziario successivo (probabilmente misero). Secondo il New York Times , Facebook pagherà anche meno di $ 5 milioni per eliminare cinque categorie relative a questa funzionalità.

È importante notare che in futuro Facebook, metterà in atto un cambiamento strutturale, nel tentativo di impedire ai malintenzionati di giocare con il proprio sistema fin troppo facile .

“Nella prima soluzione del suo genere annunciata oggi, Facebook ha accettato di creare un posto separato sulla sua piattaforma affinché gli inserzionisti possano creare annunci per lavoro, alloggio e credito”, spiega un comunicato stampa dell’ACLU del 19 marzo . 

“All’interno di uno spazio separato, Facebook eliminerà il targeting basato sull’età e sul genere e le opzioni per il targeting associate a caratteristiche o gruppi protetti”.

Quindi eccoti. Facebook ha finalmente ammesso che ha fatto qualcosa di sbagliato, e tutto ciò che è stato necessario è stata una serie di importanti cause legali.


Condividi su:

valerio sanna

Vsx Blog : il mio punto di vista sul mondo del web, dell'innovazione e della scienza.

Leggi Precedente

Google farà scegliere browser e motore di ricerca su Android

Leggi Prossimo

Google Stadia è la nuova piattaforma di gioco su cloud

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Social media & sharing icons powered by UltimatelySocial