• 22 Maggio 2024

Facebook ci deve una spiegazione sul suo black-out

Black ot di Facebook in mezzo mondo

Black ot di Facebook, aspettiamo una spiegazione!

Condividi su:

Perché il black-out di Facebook è solo questione di soldi come al solito?

Ieri ci siamo chiesti come fosse possibile che la più grande e influente società tecnologica al mondo potesse avere un’interruzione del servizio per un giorno intero e sostanzialmente non dire nulla a riguardo, tranne per un tweet criptico. Alla fine, Facebook ha detto che l’interruzione era il risultato di un “cambio di configurazione del server” – una combinazione impenetrabile di parole che si traduceva in

“abbiamo fatto un errore da soli”.

La compagnia non era stata attaccata, quindi perché non parlarne tranquillamente?

In tanti hanno cercato di ottenere più informazioni da Facebook durante la giornata di ieri per un commento.

Dopo che Facebook ha rilasciato la sua dichiarazione oggi, abbiamo chiesto alla compagnia di spiegare di più sull’interruzione, compreso il vero scopo del problema. Quanti paesi ha influenzato? Quante persone sono state interrotte? Facebook ha ignorato le nostre domande, riportandoci alla sua dichiarazione generica e alle sue scuse.

Alla luce della lunga lista di errori di Facebook, un’interruzione temporanea del servizio potrebbe non sembrare un grosso problema. È anche un buon materiale per le battute su Facebook. Ma cosa succede se abbiamo preso sul serio Facebook? Che cosa succede se, come esperimento, abbiamo assunto per vere tutte le cose che Facebook dice di sé? Ecco una breve lista di alcune convinzioni di Facebook su se stessa:

    • Proprio la scorsa settimana, il capo della sicurezza globale di Facebook ha dichiarato a Business Insider che “è l’infrastruttura critica per la democrazia moderna”.
    • Nel suo manifesto del 2017 su Facebook come “comunità globale”, il CEO Mark Zuckerberg ha affermato che le infrastrutture di Facebook sarebbero necessarie per porre fine al terrorismo, combattere il cambiamento climatico e prevenire le pandemie.
    • Nel suo ultimo manifesto, Zuckerberg sottintende che i miglioramenti futuri di Facebook miglioreranno la privacy dei cittadini di tutto il mondo e terranno in vita i dissidenti.
  • Nella sua lettera pre-IPO del 2012, Zuckerberg ha dichiarato che “Facebook non è stato originariamente creato per essere un’azienda. È stato costruito per realizzare una missione sociale – per rendere il mondo più aperto e connesso “. Continua dicendo:” Non costruiamo servizi per fare soldi; facciamo soldi per costruire servizi migliori. “

Questo è solo un (molto) piccolo esempio dell’enorme serie di convinzioni che Facebook ha costruito attorno a sé nell’ultimo decennio. E se assumiamo che siano tutti vere – che Facebook sia davvero l’ infrastruttura critica per la democrazia moderna – come potrebbe essere appropriato che quell’infrastruttura critica resti bloccata così a lungo senza offrire alcun livello significativo di trasparenza su ciò che è accaduto? Può una piattaforma che rende il mondo più aperto e connesso riuscire nella sua missione se non è essa stessa aperta al mondo che dipende da esso? No certo che no.

La cosa più allarmante dei toni silenziosi di Facebook sulla sua interruzione record è che la società era nota per la sua leggendaria ossessione per il tempo di attività. Sono certo che Mark Zuckerberg sia furioso per l’interruzione e che i suoi ingegneri lo stiano pagando cara proprio ora. Ma se Facebook non può nemmeno essere onesto e disponibile con noi sui fatti più basilari e urgenti sulla sua stessa esistenza, come possiamo fidarci?

Come può qualcuno prenderlo sul serio?

Condividi su:

valerio sanna

Vsx Blog : il mio punto di vista sul mondo del web, dell'innovazione e della scienza.

Leggi Precedente

La cancellazione improvvisa dell’iPhone di Apple ha poco senso

Leggi Prossimo

Lo sciopero per il clima è diventato globale

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Social media & sharing icons powered by UltimatelySocial