• 31 Gennaio 2023

Coronavirus, viaggi e turismo: Quanto verrà colpito questo settore?

viaggi e coronavirus
Condividi su:

La pandemia COVID-19 colpisce duramente il settore viaggi, causando enormi perdite di posti di lavoro e di entrate. Coronavirus, viaggi e turismo: Che futuro c’è per questi settori?

Sulla scia della pandemia di coronavirus, poche industrie sono crollate tanto velocemente quanto il turismo. La rivoluzione tecnologica che ci ha avvicinato, rendendo i viaggi e il turismo facili e convenienti, una rivoluzione che ha alimentato un miliardo di viaggi all’anno, è impotente con un virus che ci costringe a restare a casa.

Effettuare un’istantanea delle perdite turistiche è difficile, poiché i dati cambiano rapidamente man mano che il coronavirus si diffonde.

Se la pandemia continua per diversi mesi, il World Travel and Tourism Council , il gruppo commerciale che rappresenta le principali compagnie di viaggio globali, proietta una perdita globale di 75 milioni di posti di lavoro e $ 2,1 trilioni di entrate.

Turismo: perdita globale di 75 milioni di posti di lavoro
Turismo: perdita globale di 75 milioni di posti di lavoro

Gloria Guevara, CEO del WTTC, sta facendo pressioni sui governi per offrire supporto alle compagnie di viaggio affermando che queste potenziali perdite di posti di lavoro stanno “portando preoccupazioni reali e profonde a milioni di famiglie in tutto il mondo”.

L’industria dei viaggi era impreparata

L’industria dei viaggi americana è tra le più colpite. La US Travel Association prevede una perdita di 4,6 milioni di posti di lavoro fino a maggio, una cifra che probabilmente aumenterà. Le richieste settimanali di disoccupazione negli Stati Uniti sono salite alle stelle , raddoppiando in una settimana.

Il declino del turismo è un motivo trainante per la perdita di posti di lavoro in stati come il Nevada, dove i casinò di Las Vegas e gli hotel sono praticamente vuoti.

Il 29 marzo, nel tentativo di contenere il virus in America, il presidente Donald Trump ha esteso i limiti nazionali di viaggio, lavoro e riunioni di oltre 10 persone per almeno un altro mese, e forse fino a giugno.

Le vacanze estive potrebbero essere gravemente danneggiate se non del tutto bloccate negli USA e anche in Italia si prevedono forti limitazioni.

coronavirus: forti limitazioni negli aeroporti
coronavirus: forti limitazioni negli aeroporti

Gran parte dell’industria turistica ha costruito la sua strategia finanziaria attorno a un futuro senza problemi, pianificando cieli blu eterni: confini aperti; forte domanda turistica, un settore da 8 trilioni di dollari che sfida gli alti e bassi del mercato.

Impatto del coronavirus sulle compagnie aeree

Sulla base delle restrizioni ai viaggi e di una prevista recessione globale, la IATA stima che i ricavi del settore del trasporto aereo globale potrebbero scendere di $ 252 miliardi, il 44 percento in meno rispetto al 2019.

Impatto del coronavirus sulle compagnie aeree
Impatto del coronavirus sulle compagnie aeree

In media, i vettori internazionali, avevano a disposizione meno di due mesi di denaro contante per coprire le spese prima che il coronavirus colpisse, secondo la International Air Transport Association (IATA). Al contrario, Apple ha abbastanza denaro per coprire sei anni di spese senza entrate.

Coronavirus, viaggi e turismo: Gli Hotel sono i più colpiti

Non tutti gli hotel sono stati colpiti allo stesso modo. I più grandi hotel di lusso, che tendono a tenere meeting e assemblee, sono stati gravemente colpiti. Anche gli hotel nelle grandi città e i resort hanno registrato un calo maggiore.

Coronavirus, viaggi e turismo: Gli Hotel sono i più colpiti
Coronavirus, viaggi e turismo: Gli Hotel sono i più colpiti

Anche il settore degli alloggi ha sofferto tanto quanto i trasporti , con aziende come Marriott che hanno perso il 75 percento delle entrate. Gli hotel (e i ristoranti) possono beneficiare del programma di prestiti che tutti i governi stanno promuovendo, ma i prestiti devono essere restituiti e non tutte le strutture riusciranno a superare la crisi.

Il Coronavirus colpisce le crociere

Le compagnie di crociera affrontano una dura battaglia per sopravvivere. Coronavirus, viaggi e turismo include le navi da crociera, che sono diventate dei lazzaretti molto pericolosi.

Il Coronavirus colpisce le crociere
Il Coronavirus colpisce le crociere

L’effetto sul settore delle crociere è stato rapido. Le aziende hanno perso $ 750 milioni di entrate da gennaio, secondo i rapporti. Le quote dei colossi Royal Caribbean, Carnival e Norwegian, sono diminuite dal 60 al 70 percento. Le perdite future aumenteranno ed è probabile che le partenze vengano posticipate almeno fino a luglio o agosto.

Ma la Cina nel frattempo riparte

Ma c’è un barlume di speranza. La Cina, dove è iniziata la pandemia, offre uno sguardo al futuro. Sembra che il coronavirus sia sotto controllo lì e che le restrizioni siano state revocate, ci sono primi segni di ripresa.

Le prenotazioni alberghiere in Cina sono aumentate del 40 percento la prima settimana di marzo, secondo Bloomberg, mentre i voli di punta giornalieri sono aumentati del 230 percento rispetto al mese precedente.

Occupazione alberghiera nella Cina continentale

Dopo quattro settimane, emergono segni di ripresa per l’occupazione alberghiera in Cina

turismo: occupazione alberghiera in Cina
turismo: occupazione alberghiera in Cina

Il mercato turistico interno della Cina è gigantesco e supporta circa cinque miliardi di viaggi all’anno.

In diversi sondaggi l’industria nazionale Cinese afferma che sta pianificando un recupero del 70% nei prossimi sei mesi. Ma questa ripresa si basa in gran parte sul turismo interno, con la Cina che limita fortemente i visitatori stranieri per assicurarsi che il virus non riemerga.

Gli economisti, tuttavia, avvertono che pochi settori nel resto del mondo, Italia compresa, torneranno presto alla normalità.

Le misure di distanziamento sociale rimarranno per parecchi mesi, e questo vorrà dire: meno posti in aereo, meno posti nei ristoranti e nei bar, limitazioni negli stabilimenti balneari e tante persone che si dovranno abituare all’uso della mascherina in molti momenti della vita quotidiana. E se confermassero che il coronavirus può diffondersi nell’ara?

Condividi su:

valerio sanna

Vsx Blog : il mio punto di vista sul mondo del web, dell'innovazione e della scienza.

Leggi Precedente

Il 5g diffonde il coronavirus: Ecco l’ultima bufala del web

Leggi Prossimo

Si parla di SEO sul blog di Google: Le storie di successo partono dalla SEO

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Social media & sharing icons powered by UltimatelySocial