• 22 Aprile 2024

Come diventare più intelligenti in 6 semplici passaggi

diventare più intelligenti
Condividi su:

Il cervello si sente un po’ pigro? Prova questi consigli per potenziare la tua memoria, la creatività e la capacità di risoluzione dei problemi: Ecco come diventare più intelligenti in 6 step!

Internet è pieno di integratori che promettono di aumentare il tuo QI, mentre una visita all’app store del tuo telefono rivelerà dozzine di giochi di allenamento del cervello che pretendono di renderti più intelligente. Sebbene queste idee rapide possano sembrare promettenti, è molto meglio risparmiare denaro e riporre la propria fiducia nella scienza.

Qui troverai delle semplici istruzioni basate sulla ricerca che ti aiuteranno a diventare più intelligente e a mantenere il tuo cervello acceso e brillante man mano che invecchi.

Gioca ai videogiochi

Non ci sono prove convincenti che le app per l’allenamento del cervello possano aiutare a diventare più intelligenti. Tuttavia, una linea di indagine ha confrontato i giochi di allenamento del cervello con i normali videogiochi, ed è qui che le cose si fanno interessanti.

In uno studio del 2015 che confrontava il gioco di allenamento del cervello Lumosity con il gioco di puzzle in prima persona Portal 2 , i ricercatori hanno scoperto che i giocatori di Lumosity non mostravano miglioramenti nella risoluzione dei problemi e nelle capacità spaziali , ma i giocatori di Portal 2 sì.

Più recentemente, nel 2020, i ricercatori del Karolinska Institutet in Svezia hanno esaminato i dati di circa 9.000 bambini americani e hanno scoperto che i bambini di 9 o 10 anni che giocavano ai videogiochi per un periodo di tempo superiore alla media non mostravano alcuna differenza di intelligenza rispetto con chi ha giocato meno.

Lo studio ha raggiunto 5.000 di quei bambini due anni dopo e ha scoperto che all’età di 12 anni, i bambini che giocavano ai videogiochi avevano 2,5 punti di QI in più rispetto alla media.

Altrove, studi su popolazioni più anziane hanno suggerito che ci sono benefici simili. Ad esempio, uno studio del 2020 su adulti di età compresa tra 60 e 80 anni ha mostrato che giocare a giochi come Angry Birds o Super Mario 3D World ha portato a miglioramenti della memoria nell’arco di quattro settimane.

Sulla stessa linea, uno studio di quasi 45.000 partecipanti pubblicato nel 2019 ha mostrato che mentre c’erano piccoli benefici cognitivi nel giocare a giochi di allenamento del cervello , questi erano trascurabili rispetto agli effetti dei videogiochi in generale.

Fai un pisolino

Abbiamo tutti sentito quanto sia importante una buona notte di sonno per il tuo cervello, ma se fai fatica a ottenere le sette-nove ore raccomandate a notte, allora non c’è niente di sbagliato nell’avere 30 minuti durante il giorno per recuperare il sonno perduto.

Se credi a artisti del calibro di Thomas Edison, Albert Einstein e Salvador Dali, i pisolini ti rendono assolutamente più creativo. Molti famosi scienziati e artisti si sono affidati ai sonnellini per affinare le loro menti, risolvere problemi o generare idee. E la ricerca moderna li convalida, con documenti che mostrano miglioramenti in una serie di abilità cognitive dalla creatività all’apprendimento motorio dopo un pisolino.

La dottoressa Delphine Oudiette del Paris Brain Institute ha ideato uno studio per verificare se un micropisolino potrebbe migliorare la creatività . Ha presentato ai partecipanti allo studio un problema matematico e, se non riuscivano a risolverlo, veniva chiesto loro di sdraiarsi su una sedia e riposare.

Dopo la pausa, le persone che sono scivolate nella fase 1 del sonno – quello stato nebuloso e semicosciente prima del sonno profondo – avevano tre volte più probabilità di risolvere il problema rispetto alle persone che non facevano un pisolino. “Sembra che abbiamo un interruttore creativo lì quando dormiamo”, dice Oudiette, che ci aiuta a diventare più intelligenti.

Sii più aperto

La tua personalità riflette le tue abitudini di pensiero, comportamento ed emozioni mentre si manifestano a lungo termine. È distinto dagli stati d’animo o dagli stati emotivi che variano su scale temporali più brevi di minuti o ore.

Secondo il modello di personalità OCEAN (che in italiano diventa ACEUN) più basato sull’evidenza e ampiamente approvato, le cinque dimensioni principali del tratto sono:

  1. Apertura mentale: quanto sei disposto ad abbracciare nuove idee ed esperienze.
  2. Conscienziosità: quanto è autodisciplinata e ambiziosa.
  3. Extraversione: quanto sei socievole e incline a premiarti.
  4. Una bontà: quanto sei amichevole e fiducioso.
  5. Neuroticismo: quanto sei ansioso ed emotivamente sensibile.

Insieme, questi sono noti come i tratti dei “Big Five”. I tuoi punteggi su di loro sono incredibilmente consequenziali, prevedendo il successo della tua carriera, la felicità e persino la tua longevità. Ad esempio, i forti estroversi tendono a vivere vite più brevi e più felici. Le persone altamente coscienziose tendono a fare meglio sul lavoro. Le persone di mentalità molto aperta sono meno vulnerabili alla demenza.

Più invecchiamo, più tendiamo a diventare di mentalità chiusa; cioè, più bloccato nei nostri modi e convinzioni. Un modo per contrastare questo è cercare deliberatamente nuove esperienze e prospettive: Ecco come diventare più intelligenti.

Impegnati a provare un ristorante diverso ogni volta che mangi fuori, ad esempio, o visita destinazioni diverse per le tue vacanze piuttosto che tornare sempre nello stesso posto. Prendi in considerazione l’idea di dilettarti in nuove forme d’arte, come la poesia o l’opera, che potresti non aver mai provato prima.

Meno ovvio è lavorare sulla propria forma fisica e mentale, ad esempio facendo passeggiate regolari e completando giochi mentali e puzzle.

Tali attività sono state collegate ad un aumento dell’apertura mentale. La teoria è che aiutano a costruire la tua fiducia e quindi la tua volontà di provare cose nuove.

Fai esercizio fisico

I nostri cervelli sono stati costruiti per spostare i nostri corpi verso il cibo e i compagni e lontano dai predatori. L’esercizio fisico è importante per due motivi:

  1. Quello ovvio è che ossigena il sangue. Il cervello funziona con glucosio ossigenato, trasportato dall’emoglobina nel sangue, e un nuovo apporto di ossigeno fa bene.
  2. La ragione non ovvia è che i nostri cervelli, poiché sono stati costruiti per navigare in ambienti sconosciuti, non funzionano bene quando non sono sfidati dalla necessità di risolvere problemi.

Ogni passo che fai su un tapis roulant o su un’ellittica ti aiuta con il primo di questi due imperativi – ossigenare il sangue – ma non aiuta il tuo cervello a mantenere affinate le sue capacità di navigazione e i suoi sistemi di memoria.

Al contrario, ogni minuto che cammini su un sentiero non asfaltato, sia in un parco che nella natura selvaggia, richiede di apportare centinaia di microregolazioni alla pressione del piede, all’angolazione e al ritmo. Questi aggiustamenti stimolano i circuiti neurali del tuo cervello nel modo preciso in cui si è evoluto per essere utilizzato e aiuta a diventare più intelligenti.

L’area più stimolata è l’ippocampo, quella struttura a forma di cavalluccio marino fondamentale per la formazione e il recupero della memoria. Questo è il motivo per cui così tanti studi dimostrano che la memoria è potenziata dall’attività fisica.

Mangia pesce

Il tuo cervello ha fame. In effetti, è l’organo più affamato del tuo corpo. Nonostante costituisca solo il 2% circa del peso corporeo complessivo, il tuo cervello consuma circa il 20% del fabbisogno energetico totale del tuo corpo. Ma è un errore pensare che sia solo energia quella di cui il cervello ha bisogno per funzionare bene; una serie completa di micronutrienti in quantità sufficienti è essenziale per un cervello sano.

Stanno crescendo le prove che le carenze di questi nutrienti contribuiscono a una cattiva salute cerebrale e mentale. Inoltre, non c’è un solo momento della vita, dal concepimento alla vecchiaia, in cui l’alimentazione non svolga un ruolo importante nella struttura del cervello e nella possibilità di diventare più intelligenti.

Ad esempio, sappiamo che è importante per le donne che cercano di concepire assumere acido folico (una vitamina B) per prevenire difetti del tubo neurale come la spina bifida. Naturalmente, non è solo l’acido folico di cui ha bisogno il cervello in via di sviluppo. Gli acidi grassi essenziali omega-3 formano i mattoni strutturali delle membrane delle cellule cerebrali.

Uno di questi grassi, il DHA, costituisce tra il 10 e il 20 per cento del contenuto totale di acidi grassi del cervello. Il DHA promuove una sana morfologia neuronale e la segnalazione cellulare, consentendo alle cellule cerebrali di comunicare in modo efficiente. Durante la gravidanza, l’accumulo di DHA nel cervello e nella retina è necessario per il corretto sviluppo cerebrale e per la funzione visiva.

Il corpo non è in grado di sintetizzare quantità adeguate di DHA, quindi deve provenire dalla dieta. Fortunatamente, è abbondante nei frutti di mare e nei pesci grassi come le sardine, lo sgombro, il salmone e la trota, e una porzione da 140 g di sgombro fornisce abbastanza omega-3 per una settimana.

Per le persone che non mangiano pesce, il DHA si trova anche nelle alghe. Ci sono integratori algali disponibili sul mercato. Altre fonti vegetali, come semi di lino, semi di canapa, semi di chia, noci e soia contengono un olio chiamato ALA che il corpo può convertire in DHA, quindi è importante che questi vengano consumati come parte di una dieta equilibrata.

Dormi a sufficienza

Cosa ti fa sentire bene quando ce l’hai e male quando ne fai a meno? Esatto: il sonno . Qualcosa che tutti dovremmo dedicare circa un terzo del nostro tempo a fare, ma che in realtà tendiamo a “non fare abbastanza” è proprio dormire, con il risultato di stanchezza e prestazioni insufficienti.

Il sonno può fare miracoli con la nostra capacità di apprendere le abilità motorie, qualsiasi cosa, dall’andare in bicicletta alla digitazione più veloce. Il neuroscienziato dottor Matthew Walker della Harvard Medical School, ha addestrato le persone a toccare una complessa serie di tasti sulla tastiera di un computer e li ha testati 12 ore dopo. Coloro che non hanno dormito tra le due sessioni hanno migliorato le loro prestazioni del 2%, mentre quelli che lo hanno fatto sono stati più veloci del 20% senza perdita di precisione.

Quindi, se dormiamo a sufficienza, i nostri ricordi possono consolidarsi, il che può aiutarci a imparare in modo più efficace e a diventare più intelligenti!

Condividi su:

valerio sanna

Vsx Blog : il mio punto di vista sul mondo del web, dell'innovazione e della scienza.

Leggi Precedente

Cosa sta occupando troppo spazio su disco? Come intervenire?

Leggi Prossimo

ChatGPT ti ruberà il lavoro? La verità è sorprendente

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Social media & sharing icons powered by UltimatelySocial