• 25 Giugno 2024

Alcune startup stanno affrontando il problema delle microplastiche

il problema della microplastica va risolto

il problema della microplastica va risolto al più presto

Condividi su:

Il problema delle microplastiche, i minuscoli pezzi di plastica che vanno dalle dimensioni di un seme di sesamo a particelle microscopiche, si stanno sempre più accumulando nei nostri oceani, nell’aria e sulle nostre tavole, e questo ha allarmato gli scienziati nell’Unione europea.

Il gruppo dei Chief Scientific Advisors della Commissione europea ha emesso un  parere scientifico che chiedeva una risposta politica più ampia e basata su dati concreti per prevenire i crescenti rischi di inquinamento da microplastiche.

Il parere ha mosso la Commissione europea ad ampliare la politica esistente per prevenire e ridurre l’inquinamento da microplastiche, aumentando allo stesso tempo la cooperazione internazionale per la ricerca, il monitoraggio e la valutazione dei rischi.

La potenziale minaccia della microplastica per l’uomo

Secondo uno studio pubblicato sulla rivista Science, da 5 a 14 milioni di tonnellate di materie plastiche scorrono nei nostri oceani ogni anno. Gli scienziati hanno identificato 144 specie acquatiche che hanno ingerito microplastiche e, più della metà di queste finiscono nei nostri cibi.

Oltre agli effetti negativi che le microplastiche hanno su altre specie e sul nostro ambiente, gli scienziati stanno cominciando sempre più ad esaminarli come fonte di preoccupazione anche per gli esseri umani, potenzialmente dannosi per gli effetti meccanici o chimici che si scatenano dopo l’ingestione.

La ricerca sull’impatto umano è ancora in corso, ma la riduzione generale delle microplastiche sembra essere un’iniziativa che molte persone possono ottenere, come evidenziato da paesi come la Gran Bretagna e la Svezia che vietano in certa misura le microsfere di plastica dal 2018.

Startup europee che affrontano il problema delle microplastiche

Con tonnellate di materie plastiche che entrano negli oceani ogni anno, riciclare e riproporre la plastica è un modo per combattere il problema. Alcune delle tecnologie più innovative provengono da start-up che lavorano al riciclaggio o semplicemente al riutilizzo dei rifiuti di plastica.

  • Secondo il suo sito web, Leitner Technologies , con sede a Bratislava, utilizza un processo di depolimerizzazione termica per riciclare i rifiuti di plastica in “Plastoil”, olio a basso tenore di zolfo che può essere utilizzato come combustibile o per il riscaldamento.
  • APK , una società di Merseburg, in Germania, ha costruito un impianto di riciclaggio che produce plastica nuova, fornendo in effetti una vita più lunga alle materie plastiche riciclate.
  • La startup olandese Ioniqa , che faceva parte del programma Plastic Free Ocean Accelerator di Impact Hub nel 2018, sta cercando di fare lo stesso. La sua tecnologia di depolimerizzazione rimuove le impurità, estrae i coloranti e ricicla la plastica PET (una comune resina polimerica termoplastica) rendendola riutilizzabile.
  • Naturalmente, un altro modo per garantire che le generazioni future possano vedere più pesci nuotare in mare rispetto alla plastica è ridurre l’uso della plastica tutti insieme, un’impresa molto più facile a dirsi che a farsi. Ma la startup olandese Straw by Straw sta cercando di ridurre i 36,4 miliardi di cannucce di plastica che, in Europa, si dice vengano utilizzate ogni anno, sfruttando le scorte di grano cavo rimaste dal raccolto.

Conclusioni

Considerando che una cannuccia di plastica pesa meno di un grammo, si potrebbero evitare 15.000 tonnellate di rifiuti di plastica. Ogni pezzo di plastica che non finisce negli oceani del mondo è un successo, ma rispetto ai 14 milioni di tonnellate di plastica che galleggiano già nel mare a livello globale, le misure messe in atto non sono sufficienti.

Un paio d’anni fa, l’UE ha bloccato le materie plastiche monouso come le cannucce e l’ultimo parere della Commissione europea, si spera, servirà a continuare il dibattito sulla riduzione e l’eliminazione delle microplastiche dal nostro ambiente.

Mentre il problema delle microplastiche sta ricevendo maggiore attenzione da parte dei governi di tutto il mondo, come evidenziato da 57 governi fino ad oggi che hanno assunto l’ impegno di Clean Seas , la questione probabilmente non sarà risolta interamente nel settore pubblico. 

I cittadini e le imprese dovranno anche ridurre l’uso e riciclare meglio le materie plastiche per garantire che i nostri oceani rimangano puliti per le prossime generazioni.

Condividi su:

valerio sanna

Vsx Blog : il mio punto di vista sul mondo del web, dell'innovazione e della scienza.

Leggi Precedente

I 14 principali vantaggi dei social media per la tua azienda

Leggi Prossimo

Post più condivisi su Facebook con questi 5 obiettivi di marketing

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Social media & sharing icons powered by UltimatelySocial