• 27 Novembre 2022

L’oceano continua a assorbire molta CO2 dall’aria, ma durerà?

L'oceano ci aiuta ad assorbire co2

L’oceano assorbe molta anidride carbonica

Condividi su:

L’oceano continua a assorbire molta CO2 dall’aria, ma durerà? Senza alcun beneficio per se stesso, assorbe circa il 30% dell’anidride carbonica in maniera disinteressata e affidabile.

Senza alcun beneficio per se stesso, il vasto mare della terra ha inghiottito circa il 30% degli anidride carbonica emessi nell’atmosfera terrestre nel corso dell’ultimo secolo.

Criticamente, gli scienziati hanno ora confermato che negli ultimi decenni l’oceano ha continuato il suo costante tasso di assorbimento di CO2, piuttosto che lasciare che il potente gas serra saturi ulteriormente i cieli.

La loro ricerca, pubblicata sulla rivista Science , ha rilevato che tra il 1994 e il 2007, gli oceani assorbivano in modo affidabile circa il 31% del biossido di carbonio prodotto dagli esseri umani, anche se le concentrazioni di CO2 salivano ai massimi livelli da almeno 800.000 anni .

Ciò significa che l’oceano sta assorbendo una quantità significativamente maggiore di carbonio, che ammonta a oltre 2 miliardi di tonnellate ogni anno.

Possiamo considerare ciò che l’oceano sta facendo per noi fornendo un servizio, mitigando la CO2 nell’atmosfera,

ha affermato Matthew Long, un oceanografo del Centro nazionale per la ricerca atmosferica che non ha avuto alcun ruolo nello studio.

Per quanto tempo l’oceano continuerà a assorbire molta CO2 dall’aria

Ma una domanda ancora pesante incombe: per quanto tempo ancora possiamo contare sull’oceano per immagazzinare in modo così efficace l’anidride carbonica e prevenire un riscaldamento globale considerevolmente maggiore?

Ad un certo punto la capacità dell’oceano di assorbire carbonio comincerà a diminuire,

ha detto Jeremy Mathis, uno scienziato del clima della National Oceanic and Atmospheric Administration (NOAA) che è coautore dello studio.

Significa che i livelli di CO2 nell’atmosfera potrebbero salire più velocemente di quanto non siano già. È un grosso problema,

ha sottolineato Mathis.

È un grosso problema perché i livelli di anidride carbonica non sono solo anormalmente alti , ma il ritmo accelerato di calore e l’aumento di anidride carbonica di oggi sono quasi impareggiabili sulla terra.

Ciò che è importante riconoscere è che i cambiamenti che l’umanità sta conducendo al momento sono commisurati agli eventi più significativi nella storia della vita su questo pianeta,

ha affermato Long. Ciò significa che, finché continueremo ad emettere quantità di gas intrappolati termicamente, avremo bisogno che l’oceano continui ad assorbire enormi quantità di CO2, affinchè il pianeta non diventi insopportabilmente caldo.

Fortunatamente, c’è ancora tempo. Per i prossimi 50 anni circa, l’oceano continuerà a inghiottire molta CO2 dall’aria, all’incirca la stessa quantità assorbita ora.

L’oceano continua a assorbire molta CO2 dall’aria, ma per quanto?

ha detto Josh Willis, un oceanografo del Jet Propulsion Laboratory della NASA che non ha avuto alcun ruolo nella ricerca.

È come se stesse mangiando ad un buffet davvero grande, molto lentamente. Continuerà ad andare al buffet ancora per molto tempo.

Questa è una buona notizia per noi, una specie le cui emissioni di carbonio probabilmente non raggiungeranno il picco nemmeno per un altro decennio .

Ma è una notizia terribile per l’oceano!

L'oceano continua a assorbire molta CO2 dall'aria
L’oceano continua a assorbire molta CO2 dall’aria

L’oceano continua a assorbire molta CO2 dall’aria ma lo fa a caro prezzo

L’oceano continuerà a ripulire un po ‘del nostro casino, ma lo fa a un prezzo tutto suo,

ha detto Willis.

L’oceano diventa più acido quando aspira CO2.

Ogni ulteriore quantità di CO2 che l’oceano occupa ci protegge dal peggiore dei cambiamenti climatici ma danneggia le piante e gli animali nell’oceano,

ha detto Curtis Deutsch, un oceanografo chimico dell’Università di Washington, che non ha avuto alcun coinvolgimento nello studio.

Quanto danno? 

Questa è una zona calda di ricerca . Si prevede che acque sempre più acide possano dissolvere gli scheletri di grandi strisce di corallo, ad esempio.

Ma non si tratta solo di acque acidificate di cui le creature devono preoccuparsi. Gli oceani assorbono anche circa il 93% del calore creato dall’uomo sulla Terra, il che aumenta le probabilità di mortali ondate di calore marino – il tipo che ha ucciso il 30% dei coralli nella Grande Barriera Corallina in soli nove mesi.

Inoltre, le acque più calde hanno provocato la perdita di ossigeno nei mari, che serve per la sopravvivenza. Questo è un triplo problema ambientale.

Ci aspettiamo che questo abbia un impatto sostanziale sugli ecosistemi marini,

ha affermato Long.

Durante la seconda metà di questo secolo, però, la storia cambierà.

I ricercatori marini si aspettano ancora che gli oceani ingurgitino considerevoli quantità di anidride carbonica, ma questa capacità può gradualmente iniziare a diminuire, ha osservato Long.

Questo perché la circolazione oceanica – in cui acque più profonde, più fredde salgono in superficie e rimpiazzano le acque oceaniche più calde – sarà ridotta. In breve, l’acqua vicino alla superficie avrà assorbito più calore (come il mondo si scalda) e creerà uno strato di mare galleggiante.

Ciò rende sempre più difficile per le acque dolci provenienti dal profondo – che non sono ancora saturate dal carbonio – di circolare in superficie e di assorbire molta più CO2 dall’aria, ha spiegato Long.

Questi cambiamenti, insieme all’acidificazione degli oceani, non saranno facilmente reversibili.

Stiamo essenzialmente facendo dei cambiamenti che saranno molto longevi,

ha detto Long.

Ma gli scienziati non si aspettano alcuna interruzione estrema o catastrofica per l’assorbimento di carbonio dell’oceano in qualsiasi momento nel prossimo secolo, almeno.

L’oceano dovrebbe fondamentalmente smettere di circolare e questo non è possibile.

ha detto Deutsch.

Cambiamenti climatici inaspettati

Tuttavia, gli scienziati marini sottolineano che dobbiamo continuare a monitorare gli oceani per garantire che il mare sia affidabile come pensiamo che sia, e in modo critico, per osservare eventuali cambiamenti inaspettati nel clima in rapida evoluzione della Terra.

Questo non è un compito semplice. La raccolta di questi dati oceanici comporta spesso missioni di ricerca lunghe da sei a otto settimane su vaste distese di mare (come l’Alaska alle Hawaii), in cui gli scienziati raccolgono campioni di acqua ogni 10 miglia.

È complicato e abbastanza costoso, ma dobbiamo continuare a investire nella scienza che ci permette di uscire e fare questi sondaggi. Altrimenti stiamo volando alla cieca – semplicemente non capiamo

ha detto Mathis.

Sebbene gli oceani abbiano indubbiamente sedato una quantità significativa di riscaldamento nel secolo scorso, non possono mai essere il salvatore climatico totale dell’umanità.

Ci sarà troppa anidride carbonica che saturerà l’aria, troppa per il mare da gestire.

L’oceano non impedirà cambiamenti climatici radicali , ondate di calore mortali e danni rovinosi alle colture. In altre parole, non sarebbe bello se raggiungessimo un punto in cui il clima ha sovraccaricato gli oceani con CO2 e calore. Saremmo già in grossi guai!

Condividi su:

valerio sanna

Vsx Blog : il mio punto di vista sul mondo del web, dell'innovazione e della scienza.

Leggi Precedente

Come analizzare il valore SEO di un contenuto

Leggi Prossimo

Come personalizzare la schermata home del iPhone con widget e icone

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Social media & sharing icons powered by UltimatelySocial