• 14 Giugno 2024

Abbiamo la prova che Mark Zuckerberg, CEO di Facebook, NON vuole Privacy

mark zuckerberg CEO Facebook

mark zuckerberg CEO Facebook

Condividi su:

Facebook è sotto pressione da molte parti e il CEO e fondatore dell’azienda, Mark Zuckerberg , vorrebbe farci credere dalla sua recente lettera aperta sulla privacy  , che le sue piattaforme Instagram, WhatsApp e Facebook Messenger con crittografia “end-to-end ” garantiscono la protezione della privacy. Ma qual è la verità?

La verità è che il signor Zuckerberg sta cercando di “preservare le entrate annuali di 10-20 miliardi di dollari spiando tutti”, secondo un pioniere del settore delle criptovalute e delle industrie fintech che si è fatto vedere pubblicamente.

Si tratta di David Chaum, che è ampiamente riconosciuto come l’inventore del denaro digitale (aka criptovaluta) negli anni ’80 ed è stato soprannominato “Il Padrino” della criptovaluta, e recentemente si è offerto di aiutare Zuckerberg – se fosse “serio sulla privacy. “

Secondo ” Crypto e Blockchain for Beginners ” , Chaum ha descritto eCash come “un denaro elettronico crittografico anonimo o un sistema di denaro elettronico, che potrebbe essere utilizzato per trasferire fondi in modo anonimo”.

Resta inteso che il dottor Chaum , la cui piattaforma di messaggistica e pagamento Elixxir sta attualmente distribuendo la sua BetaNet , ha scritto una lettera a Zuckerberg per offrire aiuto e l’ha passata a quello che viene descritto come “un amico comune molto influente” per consegnarla al CEO.

Il miliardario fondatore della piattaforma di social media, con un patrimonio di $ 61,8 (a partire dal 16 marzo 2019), a quanto pare non è riuscito a rispondere finora.

Oppure, forse, ha rifiutato di rispondere o ha ritenuto che non ci fosse bisogno a meno che non provenisse dalle autorità di regolamentazione americane.

Facebook ha recentemente cercato di aumentare il numero di dipendenti nelle sue attività legate alla blockchain , come evidenziato dal sito web della società che elenca 20 aperture di lavoro all’inizio di marzo in un’ampia varietà di ruoli correlati alla tecnologia blockchain.

Per reazione a questo silenzio radio, il dott. Chaum ha  scritto una  lettera  sull’argomento e in particolare perché Zuckerberg ha scritto la sua lettera sulla privacy e “perché non lo aiuterà” .

“Lui [Zuckerberg] sta cercando di fare questo ingannando quelli, per lo più giovani, che dice si stanno spostando da News Feed di Facebook alla messaggistica, credendo che la crittografia end-to-end significhi privacy”, ha scritto il cripto-pioniere nella sua lettera all’inizio di questo mese.

Parlamenti esteri che esercitano pressione

Ma non è la prima volta che il signor Zuckerberg è stato un po ‘evasivo. Era il 16 novembre 2018, quando il Comitato per la cultura, i media e lo sport in Gran Bretagna scrisse una lettera a Zuckerberg chiedendogli se fosse disposto a testimoniare , anche tramite un collegamento video.

La corrispondenza del DCMS affermava che c’erano “questioni importanti da discutere” e Zuckerberg era la persona adatta a rispondere.

“Ti chiediamo ancora una volta di assumerti le tue responsabilità nei confronti degli utenti di Facebook e di parlare con i loro rappresentanti eletti”, ha dichiarato la lettera DCMS, firmata dal presidente di DCMS, Damian Collins , deputato di Folkestone e Hythe, nonché come rappresentanti dei parlamenti stranieri e Bob Zimmer , presidente del Comitato permanente canadese sull’accesso all’informazione , sulla privacy e sull’etica.

Al momento di quella corrispondenza (16 novembre) Facebook aveva rifiutato la richiesta di cinque parlamenti – tra cui Australia, Brasile, Gran Bretagna, Lettonia e Singapore – per Zuckerberg di partecipare a un’audizione di un “Grande Comitato Internazionale” a Londra il 27 novembre dell’anno scorso .

Metadati sono la chiave

I “metadati”, a cui Zuckerberg sostiene che Facebook avrà ovviamente accesso, sono “la chiave di questo pericoloso inganno”, ha sostenuto il cripto padrino.

I metadati sono tutto tranne le parole esatte che utilizzi ,chi scrivi, ma vengono combinati con tutti gli altri dati che Facebook acquisisce e acquista su di te e sui tuoi amici, incluso il monitoraggio della posizione, ha spiegato il dott. Chaum.

“Non importa se le spie riescono a capire ogni parola; ed è probabilmente anche peggio se non possono, dal momento che inizieranno a dedurre cose da tutti gli altri dati “,

ha aggiunto il dott. Chaum.

“E, non fraintendete, quelli che sostengono che loro stessi non hanno nulla da nascondere, o che i pericoli del” terrorismo “sono così estremi che le persone non dovrebbero essere protette nelle loro vite informative private, o che i malvagi svelano scioccamente i loro piani su piattaforme insicure, sono essi stessi a fornire una copertura per il pericolo più insidioso per le nostre libertà “, ha detto.

Un elefante nella stanza

L’elefante nella stanza è l’enorme danno già fatto, ha sostenuto l’esecutivo. Fortunatamente, le persone si stanno rendendo conto che non hanno una privacy digitale. Ma sfortunatamente e in assenza di alternative, “questa consapevolezza stessa ha un impatto negativo enorme e profondo”, è stato sottolineato.

I fornitori di servizi di informazione e altri importanti interessi, ad esempio, potrebbero mantenere il controllo su varie informazioni e canali di distribuzione dei media, consolidando sinergicamente la loro posizione con sofisticate tecniche di marketing che si basano sulla raccolta di informazioni di ampia portata sui consumatori.

“L’informatizzazione ha già consentito a queste e altre organizzazioni di crescere fino a dimensioni e influenza senza precedenti; se l’informatizzazione è proseguita lungo le linee attuali, tale dominio potrebbe essere ulteriormente aumentato “,

ha affermato la sua lettera.

La Privacy è finita? 

“È facile capire perché Zuckerberg probabilmente non ha realmente ruotato attorno alla privacy”, ha aggiunto il cripto pioniere. “Sfruttare i dati e i metadati degli utenti genera la maggior parte delle entrate della sua azienda. E, finché esiste un forte incentivo finanziario e una debole supervisione in merito alla privacy degli utenti, ci si può aspettare che qualsiasi società quotata possa esercitare la propria responsabilità fiduciaria e fare le stesse scelte “.

L’unica vera speranza secondo il dott. Chaum è “trovare un incentivo migliore” e chiedere al pubblico di “impostare la politica corretta”.

Invece, Mike Schroepfer , Chief Technology Officer di Facebook risponderà all’udienza indagando sull’impatto dei social media sulle recenti elezioni. Si potrebbe pensare che se Zuckerberg non ha nulla da nascondere, il fatto di darne prova non sarebbe un problema.

Piattaforme decentralizzate

Invece di un modello centralizzato, unilaterale che “predica il pubblico” estraendo e sfruttando le informazioni che definiscono le loro vite digitali, ha spiegato che: “Abbiamo creato un modello decentralizzato, a due facce che crea valore reale – e si ripaga da sé – dando potere alle applicazioni decentralizzate note come dApps [Applicazioni decentralizzate] per fornire servizi agli utenti. “

Si potrebbe chiedere qui quali sono le dApp. Pensa solo a far lavorare la tua auto, a trasportare le persone mentre sei al lavoro o a utilizzare il computer con la sua capacità inutilizzata per servire aziende e persone in tutto il mondo. Alcuni pensano che un mondo del genere non sia così lontano.

Inoltre, invece di cose come pagamenti, identità e contratti che sono territorio esclusivo delle istituzioni di mediazione (intermediari), le dApp possono essere create da chiunque e rese sicure per gli utenti senza la necessità di un’autorità fidata.

Concludendo la sua lettera con qualcosa che potrebbe essere simile a uno scenario paradisiaco o infernale che sta andando avanti, il dott. Chaum ha affermato: “Nonostante la falsa soluzione di Zuckerberg, oggi che Internet compie trent’anni, siamo a un bivio nel suo sviluppo.

Possiamo continuare sulla strada di Facebook e degli altri giganti della tecnologia, portando a una società sempre più sorvegliata, ma sempre meno sicura, oppure possiamo scegliere un’alternativa decentralizzata e democratica e iniziare a realizzare il pieno potenziale di Internet “.

È qui che è diretto Elixxir, ha affermato, aggiungendo:

“Miriamo a potenziare la tua sovranità digitale e ti invitiamo a unirti a noi.”

Tra questi analisti, l’obiettivo di prezzo medio a 12 mesi (PT) sul titolo attualmente è di $ 191,58 (un rialzo del 17,3% al momento della stesura), con un PT alto di $ 225 (un rialzo del 37,8%) e l’obiettivo basso a $ 115 (29,6% di ribasso).

Condividi su:

valerio sanna

Vsx Blog : il mio punto di vista sul mondo del web, dell'innovazione e della scienza.

Leggi Precedente

La controversa riforma europea del diritto d’autore online è stata approvata

Leggi Prossimo

HTC annuncia il prezzo delle Vive Focus Plus e sono costose

Un Commento

  • mi voglio cancellare da Facebook!

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Social media & sharing icons powered by UltimatelySocial