• 25 Maggio 2024

Le parole che funzionano sui social: Marketing conversazionale

Parole che funzionano sui social

Parole che funzionano sui social

Condividi su:

Tra gli aggiornamenti del GDPR e il raggiungimento della copertura globale di Facebook, gli esperti di marketing sono allerta. Ora più che mai, dobbiamo sapere quali sono le parole che funzionano sui social e quali post attirano l’attenzione su Facebook, per costruire le nostre strategie intorno ad essi.

Per coloro che sono abituati a pensare in termini di tattiche e trucchi, questa notizia può essere un sollievo: relax, amore e umanità sono le chiavi! Nel marketing conversazionale bisogna usare parole che piacciono al tuo pubblico.

In questo articolo esamineremo il potere della conversazione e le parole che il pubblico ama leggere. Imparerai come massimizzare la forza del marketing conversazionale:

I social media riguardano più il ritorno sul coinvolgimento (ROC) e meno il ritorno sull’investimento (ROI). 

Brooke B. Sellas

E, se siamo onesti con noi stessi, concorderemo sul fatto che la chiave per una strategia social di successo è sempre stata l’attenzione per i contenuti. Le modifiche dell’algoritmo di Facebook rafforzano semplicemente la necessità di contenuti di qualità.

Marketing conversazionale: l’antidoto al declino

Ho fatto una ricerca su connessioni di successo, coinvolgimento e strategie sui social media, per preparare un corso di marketing che ho svolto.

La mia ricerca si è concentrata sulla teoria della penetrazione sociale , nota anche come teoria della cipolla. Fondamentalmente, negli anni ’60, due psicologi hanno affermato che gli esseri umani costruiscono relazioni basate sulle rivelazioni che fanno l’un l’altro.

Se voglio conoscerti, divulgherò informazioni su di me nel tentativo di farti divulgare informazioni su di te.

Man mano che gli psicologi approfondivano, si resero conto che non tutte le divulgazioni sono uguali. In realtà abbiamo quattro livelli di divulgazione:

  • i clichè (luoghi comuni)
  • i fatti
  • le opinioni
  • i sentimenti

Come puoi immaginare, quando conosciamo qualcuno, ci spostiamo da ciascuna delle quattro fasi fino a raggiungere livelli sempre più profondi di comprensione dell’altro.

Ovviamente, la maggior parte delle interazioni sui social media si collocano ai livelli uno e due (luoghi comuni e fatti).

La mia ricerca ha esaminato le interazioni dei social media e ha tentato di porre questa domanda: divulgazioni più profonde, come opinioni e sentimenti, portano a interazioni più profonde per i social e le loro comunità?

La risposta breve? Sì.

I luoghi comuni stanno saturando i post

Sono sicuro di non doverti dire che aspetto ha il marketing conversazionale di fascia bassa o cliché.

  • Per i luoghi comuni, pensa a meme o citazioni sovrapposti a belle immagini
  • Per la verità, guarda quasi tutti i post di blog che vengono condivisi sui social media e otterrai qualcosa del tipo: “I grandi contenuti richiedono molta attenzione. Leggi il nostro post su bla bla bla facendo clic qui sotto … “

Non sto dicendo che devi buttare il bambino con l’acqua sporca, ma questo tipo di post riceve clamorosamente un basso coinvolgimento o nessun coinvolgimento sui social.

Il grande aumento dei contenuti sui social media significa che c’è una maggiore competizione basata sulla qualità.

La ricerca continua evidenziando il tipo di contenuto che non ha visto un calo delle condivisioni o del coinvolgimento: il contenuto di qualità. Il marketing conversazionale, per la sua profondità e le discussioni che avvia, si adatta a questa categoria.

I post di qualità sui social media, spesso usano interazioni più profonde come opinioni e sentimenti per ottenere un ritorno sulla conversazione.

L’uso di domande sul tipo di sentimento da generare ti porterà lontano.

  • Qual è la tua convinzione quando si tratta di [argomento]?
  • Cosa ne pensi di [argomento]?
  • Come ti fa sentire [il tuo prodotto / marchio]?
  • Apprezzi [prodotti o servizi simili ai tuoi]?

Per essere rilevante sui social media oggi, dovrai pensare di più alle conversazioni che stai avendo.

Se condividi solo citazioni e meme di cliché, il tuo coinvolgimento sarà un cliché. Se presenti solo i fatti, probabilmente riceverai in cambio solo informazioni.

Ma se usi il marketing conversazionale per pubblicizzare opinioni e chiedere sentimenti, potresti benissimo ricevere opinioni, sentimenti e interazioni di livello più profondo dalle tue comunità online.

L’amore è il carburante del Marketing conversazionale

Guardando post di qualità sui social media, che attirano alcune di quelle interazioni profonde , ho notato una tendenza forte generata dalla parola AMORE.

Subaru la usa da anni. Dai un’occhiata al loro recente video di Facebook e al modo in cui usano la parola AMORE. Lo so è in inglese ma è di facile comprensione.

DSW è un altro grande marchio famoso per aver usato la parola amore nei suoi post pubblicitari e sui social media. Guarda come combinano la parola (o emoji del cuore per la parola) amore e i contenuti (in secondo piano) dei loro dipendenti che danno “amore” (a cani e gatti, nientemeno!).

Questo è un post che combina una divulgazione di livello più profondo, animali, nella stessa Pagina di Facebook con il marchio nelle magliette che i dipendenti indossano. Non male vero?

Se gli esperti di marketing aprissero gli occhi e guardassero davvero, vedrebbero spunti ovunque cercando di attirare più marketing conversazionale con la più profonda interazione (sentimenti).

Sembra che abbiamo dimenticato che le comunità nascono e prosperano attorno alla comunicazione.

Parole che funzionano

Oltre all’amore, in che modo puoi usare i social per creare interazioni?

Le parole che di solito funzionano con il marketing conversazionale sono cose come:

  • Appassionato (“se sei appassionato di [argomento] come noi, dillo ai tuoi amici!)
  • Accetto (sei d’accordo …?)
  • Pensa (dicci cosa ne pensi …)
  • Senti (raccontaci come ti senti …)
  • Supporto (mostra il tuo supporto entro …)
  • Storia (qual è la tua storia con [prodotto / servizio])
  • Migliora (come possiamo migliorare [argomento]?)
  • Ascolta (vogliamo SENTIRE DA TE!)
  • TU (e molto meno io, io e noi)

E, secondo un recente rapporto di Sprout Social, il 66% dei consumatori afferma che è importante che i marchi prendano posizione pubblica su questioni sociali e politiche. E più della metà (58%) è aperta a questo evento sui social media.

Le principali reazioni emotive del consumatore nei confronti di marchi che utilizzano i social media per prendere posizione sulle questioni sociali e politiche - credit sproutsocial
Le principali reazioni emotive del consumatore nei confronti di marchi che utilizzano i social media per prendere posizione sulle questioni sociali e politiche – credit sproutsocial

In altre parole, le persone vogliono “vedere” l’umano dall’altra parte del loro schermo. Vogliono connettersi con un’altra persona, non con un logo o una mission aziendale.

Vinceranno le aziende più umane.

Mark Schaefer

Abbiamo dimenticato di essere umani?

Infine, mi chiedo se noi esperti di marketing abbiamo dimenticato di essere umani. Sembra un po’ folle che i professionisti del marketing debbano dire agli altri professionisti di agire come un essere umano.

Ci siamo persi così tanto nella tana del bianconiglio degli algoritmi? Clickbait e trucchi di sistema ci hanno fatto scordare che il nostro obiettivo principale è connetterci con altri esseri umani?

Possiamo essere fantasiosi e chiamarlo “marketing conversazionale” o “social media marketing”, ma alla fine della giornata è solo una persona in contatto con un’altra. Teniamolo a mente.

Condividi su:

valerio sanna

Vsx Blog : il mio punto di vista sul mondo del web, dell'innovazione e della scienza.

Leggi Precedente

Ricevi messaggi spam su Instagram? Come individuarli e fermarli

Leggi Prossimo

Strategie Di Roulette Per Manipolare Il Sistema: Funzionano?

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Social media & sharing icons powered by UltimatelySocial