• 22 Maggio 2024

8 consigli SEO di Google per arrivare in prima pagina

consigli SEO di Google
Condividi su:

La competizione per un posto nella prima pagina di Google può essere feroce, ma con il giusto lavoro e impegno SEO, è realizzabile. Ecco gli 8 consigli SEO di Google per arrivare in prima pagina.

La SEO si è evoluta in molti modi, ma una cosa che non è cambiata è il valore fondamentale di apparire nella prima pagina dei risultati di ricerca di Google.

Di sicuro, i giorni di dieci semplici link blu e alcuni annunci sono finiti. Anche con tutte le nuove funzionalità SERP , i risultati avanzati e la personalizzazione dei risultati, tuttavia, rimane vero che il posizionamento nella prima pagina per le parole chiave che ti interessano è la posta in gioco dell’acquisizione di traffico organico.

Secondo uno studio recente, la percentuale di clic per un risultato in posizione 10 (in genere la parte inferiore della pagina uno) è del 3,11% . È basso, ma comunque superiore alle normali percentuali di clic sugli annunci.

Sebbene lo studio non sia andato oltre al decimo risultato, non è irragionevole pensare che dopo la prima pagina i clic scendano rapidamente vicino allo zero. Quando è stata l’ultima volta che sei andato oltre la prima pagina per una singola query?

A seconda della query, la competizione per un posto nella prima pagina di Google può essere spietata. Ma con il lavoro giusto e lo sforzo SEO, è realizzabile.

Diamo un’occhiata ad alcuni consigli SEO di Google per aiutare le tue pagine ad arrivarci.

Metto al primo posto i link interni perché è una delle tattiche più facili da implementare che può avere effetti positivi significativi sul tuo ranking.

La struttura di link interna del tuo sito è uno dei modi principali in cui Google valuta di cosa tratta il tuo sito.

E meglio Google capisce che più cose potrebbero classificarti, più è probabile che tu emerga dalla folla.

Inoltre, il collegamento strategicamente applicato tra le tue pagine può portare a creare una migliore autorevolezza per i tuoi argomenti chiave, aumentando la possibilità che Google voglia classificarti più in alto per quegli argomenti.

Fare link building interna strategica significa collegare le pagine tra loro dove ha più senso per i tuoi visitatori.

In altre parole, non si tratta solo di collegare una pagina a un’altra pagina.

Invece, cerca opportunità in cui pagine specifiche aggiungono o migliorano le informazioni sulla pagina su cui arriva un utente.

Non solo i tuoi utenti trarranno vantaggio dall’accesso a informazioni più pertinenti, ma anche i motori di ricerca lo apprezzeranno (e per lo stesso motivo: maggiori vantaggi per i loro utenti).

Questo tipo di interconnessione strategica mostra anche a Google che hai una copertura completa dell’argomento, dando loro più fiducia che gli utenti che inviano al tuo sito ne usciranno soddisfatti e felici.

2. Trova le tue pagine soglia

Le pagine soglia sono quelle che attualmente si posizionano appena sotto la pagina uno (tradizionalmente, le posizioni da 11 a 20).

Probabilmente producono poco o nessun traffico per te, ma con un piccolo ritocco, potrebbero salire alle posizioni “redditizie” della prima pagina.

Dovrebbero essere in cima alla tua lista di priorità perché portare queste pagine alla prima pagina è solitamente più facile che classificare nuovi contenuti.

Inizia utilizzando il tuo strumento di monitoraggio del posizionamento preferito per segmentare le tue pagine con parole chiave classificate nelle posizioni da 11 a 20.

Quindi aggiorna quegli articoli, aggiungi informazioni importanti, collegale meglio, ecco alcuni dei consigli SEO di Google!

3. Ricerca contenuti competitivi

Se hai pagine importanti che non arrivano in prima pagina, c’è una semplice verità che devi accettare: gli altri hanno qualcosa che tu non hai.

Sebbene non conosciamo tutti i ragionamenti utilizzati da Google per decidere perché quelle pagine si posizionano al di sopra della tua, molte cose potrebbero essere evidenti se le analizzi attentamente.

Ciò significa che dovresti dedicare del tempo a guardare le pagine di destinazione per tutti i risultati che si trovano sopra i tuoi e confrontarli attentamente con la tua pagina. Ecco alcune domande da porre su ciascuna pagina dei competitors:

  • Il contenuto è di qualità notevolmente migliore (più completo, trasuda autorità senza parlare del pubblico previsto, include informazioni e fonti più pertinenti)?
  • È scritto meglio?
  • Contiene parole chiave/argomenti che la tua pagina non contiene?
  • Ha un collegamento interno migliore ad altre pagine del loro sito? Altre pagine pertinenti si collegano ad esso?
  • Il profilo del collegamento esterno (backlink) è più grande e/o di qualità superiore?
  • Contiene “extra” che potrebbero essere utili ai visitatori (immagini, grafici, video, tabelle, dati, ecc.)
  • Anche se non vuoi copiare le pagine che ti superano in classifica, quello che stanno facendo può fornire buoni indizi su come migliorare la tua pagina e superarle.

4. Sposta le pagine importanti più in alto nella navigazione del sito

Questa tecnica non può essere utilizzata per ogni pagina del tuo sito, ma può fare molto per le tue pagine più importanti.

Un modo in cui Google valuta l’importanza relativa di una pagina è la sua distanza dalla home page tramite la navigazione interna.

La tua home page in genere ottiene il maggior numero di link esterni e quindi il massimo Page Rank sul tuo sito.

Tale link equity viene convogliata ad altre pagine collegate dalla home page, con quelle collegate direttamente che fanno la parte del leone.

Sposta le pagine importanti più in alto
Sposta le pagine importanti più in alto

Spostando le tue pagine più critiche più vicino alla home page aumenterà la loro autorità e quindi la loro capacità di posizionarsi più in alto.

5. Rendi il tuo sito ottimizzato per i dispositivi mobili

Questo suggerimento dovrebbe essere ovvio, ma se non hai ancora reso il tuo sito ottimizzato per i dispositivi mobili , ora è il momento di farlo.

Abbiamo superato da tempo il punto di svolta in cui la maggior parte delle ricerche inizia sui dispositivi mobili.

L’ ottimizzazione per i dispositivi mobili fa parte dell’aggiornamento di Page Experience ed è logico che Google darà la preferenza ai contenuti predisposti per i dispositivi mobili per le persone che effettuano ricerche su questi dispositivi.

Qualsiasi cosa tu possa fare per rendere il tuo sito più user-friendly è uno dei migliori consigli SEO di Google.

Google ci ha dato molto di più da considerare in questi giorni in termini di ranking (qualità e pertinenza dei contenuti, relazioni semantiche e di entità e altro) ma i buoni backlink vecchio stile rimangono altamente correlati con la capacità di ranking delle pagine.

Guadagnare link significa creare contenuti così validi e autorevoli che altri siti vorranno collegarsi ad essi come riferimento, mentre la creazione di link implica la ricerca attiva di opportunità per link pertinenti da siti affidabili.

7. Segui gli snippet in primo piano

Salire in classifica è un lavoro duro (ma necessario). A volte però puoi diventare direttamente Capo Classe!

Gli snippet in primo piano sono una funzione di Ricerca Google in cui uno dei risultati migliori viene promosso a una casella di rich snippet nella parte superiore della pagina dei risultati di ricerca.

Mentre l’estratto del rich snippet può fare molto per soddisfare la query del ricercatore, l’esperienza di molti SEO mostra che i Featured Snippet spesso generano molto traffico, poiché gli utenti vogliono sapere più di quanto mostrato nello snippet.

Non esiste un modo garantito per essere mostrato in uno snippet in primo piano, ma qui ci sono alcune cose che puoi fare per aumentare le tue possibilità:

  • Guarda le varianti della tua parola chiave nella ricerca di Google per vedere se viene mostrato uno snippet in primo piano per qualcuna di esse al fine di identificare le opportunità. Alcuni strumenti SEO identificheranno automaticamente queste opportunità. Gli snippet in primo piano vengono mostrati più frequentemente per le parole chiave con intento informativo o dove la query è una domanda.
  • Dove viene mostrato uno snippet in primo piano, osserva la struttura del contenuto in primo piano. È una tabella, un testo in paragrafi, un elenco puntato, un video o altri tipi? Anche se potrebbe non essere necessario copiare il formato, potrebbe darti un’idea del tipo di contenuto che Google preferisce per questa query.
  • Guarda la tua pagina più in alto nella query. Scopri come puoi migliorarla per renderla più interessante agli occhi di Google e portarlo ad inserirla in uno snippet in primo piano.

Soprattutto, tieni presente che per gli snippet in primo piano , Google desidera contenuti che rispondano in modo chiaro, conciso e accurato all’intento della query.

8. Aggiorna i contenuti di successo

I contenuti di maggior successo hanno un ciclo di vita simile a questo:

contenuti di successo
contenuti di successo

Qualche tempo dopo che il contenuto è stato pubblicato, inizia a crescere nel ranking e quindi nel traffico.

Ma quasi inevitabilmente, nel tempo, il traffico inizierà a decadere.

Perché questo accade? Alcuni possibili motivi includono:

  • Contenuti più recenti, migliori e/o di autorità superiore sono stati pubblicati da altri.
  • L’intento della query è cambiato nel tempo.

Qualunque sia la ragione per cui il tuo contenuto ha perso il suo potenziale di guadagno, ci sono modi per rianimarlo , aggiornarlo e dargli nuova vita nelle SERP.

Suddividi contenuti ricchi di parole chiave

La suddivisione è un metodo da applicare quando i tuoi contenuti stanno ancora funzionando bene. Può aiutare il pezzo a continuare a prosperare piuttosto che sprofondare nel declino.

La tecnica di giunzione prevede l’identificazione delle pagine del tuo sito classificate per un numero di parole chiave superiore alla media.

Potrebbe sembrare una buona cosa, ma in realtà rappresenta opportunità mancate, perché inevitabilmente alcune di queste parole chiave non si classificano come potrebbero.

Identifica le parole chiave meno performanti per la pagina corrente che hanno ancora del potenziale. Queste possono essere query in cui la pagina si posiziona nella seconda pagina dei risultati o in cui si classifica in basso ma c’è una domanda elevata.

Una volta identificate queste opportunità, crea nuove pagine di contenuti focalizzate sull’intento specifico di quelle parole chiave, quindi collega quelle pagine con la tua pagina originale, attualmente classificata.

Ciò offre a Google obiettivi di pagina di destinazione migliori per un gruppo di argomenti in cui hai già dimostrato di essere autorevole e affidabile.

Espandi e arricchisci

Se il tuo contenuto è già nella fase di decadimento del suo ciclo di vita, potresti dover considerare di eliminarlo (soprattutto se è troppo obsoleto o irrilevante per essere ripristinato).

Tuttavia, potresti essere in grado di rianimarlo migliorando la pagina per renderla più competitiva nell’attuale ambiente SERP.

Per fare ciò, cerca le parole chiave principali per le quali desideri posizionare la pagina e dedica del tempo a esaminare il contenuto di tutte le pagine che si posizionano sopra la tua.

Chiediti cosa includono che la tua pagina non include. Ci sono parole chiave, argomenti, funzionalità (immagini, video, ecc.), link o altri elementi che potresti aggiungere alla tua pagina?

L’idea qui non è di copiare esattamente ciò che stanno facendo queste pagine concorrenti, ma piuttosto di avere un’idea di ciò che Google potrebbe vedere su di esse che le rende più preziose della tua pagina attuale.

Condividi su:

valerio sanna

Vsx Blog : il mio punto di vista sul mondo del web, dell'innovazione e della scienza.

Leggi Precedente

Lo studio sugli astronauti gemelli mostra alcune differenze

Leggi Prossimo

Una donna scozzese ha vissuto tutta la vita senza provare dolore

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Social media & sharing icons powered by UltimatelySocial