• 25 Maggio 2024

Le ragazze sentono la pressione delle aspettative da social media

ragazze e aspettative da social media

Le ragazze dicono di sentire la pressione delle aspettative dei social media

Condividi su:

Circa otto giovani adolescenti su dieci affermano che la pressione per le aspettative da social media è una delle principali cause di problemi di salute mentale tra i loro coetanei, secondo un recente sondaggio.

La rivista di lifestyle positivo “Shout”, rivolta a ragazze di 11-14 anni di età, ha condotto un sondaggio nel Regno Unito sulle principali cause di problemi di salute mentale tra gli adolescenti.

I ricercatori hanno intervistato 286 adolescenti con l’89% di intervistati di età compresa tra 11 e 15 anni e hanno scoperto che la maggior parte di essi ha dichiarato di soffrire di ansia, stress e bullismo e si sentiva sotto pressione per ottenere simpatie e follower su app social media come Instagram.

Più di otto su dieci (84 per cento) hanno affermato di ritenere che la pressione per conformarsi a un certo aspetto sia anche una delle principali cause di malessere mentale tra gli adolescenti.

Inoltre, circa il 79% degli intervistati ha affermato di ritenere che gli adulti non abbiano alcuna comprensione delle pressioni che si vivono nell’era dei social media.

I modelli positivi e negativi.

La maggior parte degli intervistati ha dichiarato che considerano figure come l’autrice di Harry Potter JK Rowling e YouTuber Zoella come i loro modelli, mentre personaggi della televisione come Kim Kardashian e Kylie Jenner sono stati visti come modelli di riferimento negativi.

La ricerca ha anche rilevato che quasi i due terzi degli intervistati ha dichiarato di non ritenere che ci fosse abbastanza sostegno alla salute mentale dei giovani.

Non è facile porre un freno ai trend che nascono, soprattutto quando vengono così ampiamente pubblicizzati a livello globale.

Le ragazzine seguono le star no? E le aspettative da social media schiacciano la loro autostima.

I politici hanno chiesto un nuovo rigido regolamento per proteggere i bambini dalle imprese (come ad esempio TikTok) che operano in un “selvaggio West online” , esortando l’Organizzazione Mondiale della Sanità a stabilire se la dipendenza dai social media debba essere classificata come una malattia.

Condividi su:

valerio sanna

Vsx Blog : il mio punto di vista sul mondo del web, dell'innovazione e della scienza.

Leggi Precedente

I 25 paesi più intelligenti del mondo: La classifica

Leggi Prossimo

i 7 motori di ricerca migliori al mondo: Quali sono?

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Social media & sharing icons powered by UltimatelySocial