Facebook vuole essere come WeChat

facebook-wechat

Facebook vuole essere WeChat

Condividi su:

Mark Zuckerberg ha preparato una nuova direzione per Facebook, ora la sua attenzione va da molte app social ad un unico servizio di messaggistica e shopping che combina tutto ciò che l’azienda ha da offrire. Facebook sta cercando di essere come WeChat di Tencent, il più grande social network in Cina.

Facebook vuole essere come WeChat

Esistono numerose differenze chiave tra i due prodotti, ma gli obiettivi finali sembrano decisamente simili: reti singole e polivalenti che possono essere sfruttate per servire agli utenti tutti i tipi di servizi, dai pagamenti mobili ai giochi, alle linee dirette di contatto con le imprese.

Facebook è stato costantemente perseguitato da violazioni della privacy a causa del suo approccio aggressivo e basato sui feed per il social networking, e negli Stati Uniti, sembra stia perdendo gli utenti più giovani. Un approccio promettente alla privacy per questo servizio di messaggistica si rivolge alle immediate carenze di Facebook, mentre il pacchetto di servizi potrebbe servire a rafforzare ulteriormente ciascuna delle offerte di Facebook.

WeChat è spesso considerata la “app tutto in uno” per i quasi 800 milioni di possessori di smartphone in Cina :

è una console di gioco, una banca e persino un gateway per giganti cinesi dello shopping, consegna di generi alimentari e moda. È disponibile anche in altre nazioni,  WeChat conta una base di utenti attivi mensili di oltre 1 miliardo.

WeChat è un prodotto desiderabile, apparentemente impossibile da replicare per le società di social media. Come app “tuttofare”, sostituisce i produttori di dispositivi come Apple, Samsung e Xiaomi, e quasi fa da sostituto a sistemi operativi come iOS e Android. Niente, inclusi iMessage di Apple o Messenger di Facebook o WhatsApp compatibile con la crittografia, può competere con WeChat in Cina.

PERSINO I SENZATETTO IN CINA USANO I PAGAMENTI MOBILI DI WECHAT MENTRE CHIEDONO L’ELEMOSINA

“Quello che WeChat ha fatto è incorporare un flusso costante di nuovi servizi e funzionalità sulla loro piattaforma. Le nuove funzionalità sfruttano il forte effetto di rete che WeChat ha già, come piattaforma di messaggistica defacto in Cina “, afferma Willy Shih, professore di pratica manageriale presso la Harvard Business School.

Aggiungendo continuamente servizi, WeChat diventa parte integrante della vita quotidiana, ed è più difficile da abbandonare .

“È conveniente per tutto: pagamenti, informazioni, ordini”, aggiunge. Come nota Shih, anche i senzatetto in Cina usano i codici QR supportati da WeChat per accettare pagamenti mobili mentre chiedono l’elemosina.

Le ambizioni di Facebook di costruire una piattaforma di app per fare tutto per un pubblico globale risalgono ad anni fa, iniziando con le acquisizioni del 2012 e del 2014 rispettivamente su Instagram e WhatsApp. Da allora, quando Instagram e WhatsApp hanno superato la concorrenza dei rivali, Messenger ha continuato a progredire nel diventare la piattaforma delle app di Facebook.

Nel successivo mezzo decennio del continuo sviluppo di Messenger, Facebook si è sparpagliata sui giochi, sui robot AI, sulle funzionalità della fotocamera aumentata, sui pagamenti mobili e su numerose altre funzionalità pensate per farti trattare Messenger come un mini-Sistema-Operativo.

Nel 2014, la società ha assunto David Marcus ( un imprenditore di pagamenti digitali di enorme successo che ha supervisionato l’acquisizione strategica di PayPal dalla società madre di Venmo, Braintree) per seguire Messenger, segnalando le ambizioni di Facebook di trasformare la piattaforma in un fornitore di servizi.

Ora, con l’intenzione di mettere in primo piano la messaggistica privata, Zuckerberg potrebbe finalmente creare la versione di WeChat che il mondo fuori dalla Cina non conosce.

Potrebbe richiedere molto tempo e molto impegno, attirando l’attenzione degli utenti nell’app non solo per i compleanni e le chat di gruppo, ma per lo stile e i prodotti (Instagram) e la condivisione di notizie (Facebook e WhatsApp). La mega app di Facebook potrebbe estendersi alla vita quotidiana degli utenti per l’intrattenimento, le notizie e il commercio.

UNA MEGA APP DI FACEBOOK POTREBBE RICHIEDERE MOLTO TEMPO

Ma costruire quel tipo di rete tentacolare, tutto-in-uno è una sfida immensa, e anche WeChat non lo ha fatto senza un buon aiuto e buona dose di fortuna. In Cina, ha ricevuto sussidi governativi e molti dei suoi concorrenti sono stati bloccati dalla corsa: come Messenger dal 2009, South Korea’s Line dal 2015 e WhatsApp nel 2017, riducendo significativamente il panorama competitivo. Il governo è stato felice di farlo in cambio della possibilità di recuperare messaggi WeChat cancellati per aiutare nelle indagini di polizia. (Tencent nega che memorizzi le cronologie delle chat).

WeChat ha ampiamente bombardato il mondo con i suoi tentativi di trovare il successo oltre il mercato cinese. È stato lento nell’andare all’estero, e quando finalmente è successo nel 2012, Facebook stava già decollando nei mercati in cui WeChat stava cercando di entrare.

L’app internazionale era anche un fantasma del suo essere cinese; la versione globale di WeChat era limitata all’invio di messaggi privati ​​alla gente.

Facebook è già riuscita ad espandersi in tutto il mondo, cosa che potrebbe aiutarlo a riuscire dove WeChat ha fallito. A livello internazionale, Facebook e WhatsApp sono le app di social media più utilizzate, che sminuiscono Snapchat, Twitter, Viber ed altri, secondo un rapporto del Pew Research Center appena pubblicato.

FACEBOOK NON HA SMESSO DI CERCARE DI ESPANDERE LA SUA PORTATA IN TUTTO IL MONDO

La strategia multipla di avere l’app Facebook principale, Messenger, WhatsApp e Instagram significa anche che non è un problema se un paese gravita attorno a un prodotto Facebook rispetto ad un altro.

E Facebook non si è fermato neanche lì. Ha una serie di sforzi di connettività internet nei paesi in via di sviluppo ( tra cui un progetto Wi-Fi gigabit chiamato Terragraph e un’app chiamata Express Wi-Fi) progettati per portare più persone online e convertirli in utenti di Facebook di un tipo o di un altro.

Facebook dovrà affrontare altri problemi, però. La combinazione delle sue app probabilmente riguarderà la Commissione europea, che è turbata dai comportamenti dei giganti della tecnologia.

Allo stesso modo, il Congresso degli Stati Uniti ha interrogato Facebook riguardo il monopolio. Politicamente, la marea si sta rivoltando contro questo tipo di società di mega tecnologia.

Inoltre, non è garantito che un approccio basato sulla messaggistica convincerà gli utenti. In Cina, sono le generazioni più anziane a preferire l’uso di WeChat, dando all’app una sorta di vecchia reputazione non troppo diversa da quella di Facebook tra i ragazzi.

Ricordiamoci che le persone trascorrono più tempo usando i social media di quanto non facciano con qualunque altro passatempo, se vuoi approfondire il Marketing sui Social Media puoi chiederci una consulenza gratuita o leggere questo articolo.

Dopo che Zuckerberg ha esposto i suoi piani per Facebook, abbiamo una buona idea di cosa aspettarci, grazie a WeChat. Siamo anche in grado di anticipare gli ostacoli che un’app unica di Facebook dovrebbe affrontare: rallentamento della crescita degli utenti, una forte dipendenza dalle entrate pubblicitarie e forze regolatrici occidentali che cercheranno di inserirsi.

Le app combinano così tante funzionalità che diventano quasi la stessa cosa e rischiano di perdere ciò che le rende così attraenti proprio perchè specializzate. Ma Facebook ha la possibilità di scrivere la propria storia, se può prendere lezioni da dove WeChat è inciampata.

Condividi su:

valerio sanna

Vsx Blog : il mio punto di vista sul mondo del web, dell'innovazione e della scienza.

Leggi Precedente

Google Pixel 4 : oltre all’ottima fotocamera c’è molto di più

Leggi Prossimo

Violazioni VPN di NordVPN, TorGuard e VikingVPN : cosa c’è da sapere

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Social media & sharing icons powered by UltimatelySocial