• 22 Maggio 2024

La startup Asana ha eliminato l’email interna per migliorare il proprio lavoro

Asana

Asana

Condividi su:

Dustin Moskovitz (cofondatore di Facebook), CEO della startup di produttività Asana, afferma che la maggior parte delle persone trascorre troppo tempo a lavorare sui propri progetti. Cioè, i compiti banali ma necessari, come l’invio di aggiornamenti di stato su progetti condivisi o la raccolta di informazioni dai colleghi, fanno perdere tempo.

Per risolvere questo problema, ha trascorso gli ultimi dieci anni a costruire un’azienda da $ 1,5 miliardi di dollari incentrata sul ripensamento della gestione del lavoro. Poiché la startup ha creato strumenti per aiutare i lavoratori a concentrarsi meglio sul proprio tempo, i 500 dipendenti di Asana hanno compiuto un passo drammatico per dimostrare la strategia dell’azienda:

hanno abbandonato l’e-mail interna.

Sì, il mondo esterno può ancora inviare messaggi di posta elettronica allo staff Asana, ma i dipendenti non li inviano tra di loro, ha spiegato Moskovitz al Summit CIO di Forbes a Half Moon Bay, in California.

“È naturale che tutti stiano organizzando le loro conversazioni sul lavoro che fanno”, ha detto Moskovitz.

“La maggior parte delle volte, quando hai un thread di posta elettronica con i tuoi colleghi, si tratta in realtà di un progetto su cui stai lavorando, o di alcuni elementi o obiettivi che ne fanno parte.”

In Asana, tutto è organizzato in “progetti” o “attività” e ognuno di essi può avere discussioni senza dover uscire dall’attività che si sta svolgendo.

Quindi le conversazioni avvengono all’interno dei progetti stessi.

Sebbene non tutte le aziende siano pronte a bandire completamente le e-mail, oltre 60.000 organizzazioni paganti, da Uber a Air France, hanno aderito all’etica organizzativa di Asana.

La società ha recentemente superato la soglia del reddito annuo ricorrente di $ 100 milioni (ARR), con sondaggi tra i clienti che dimostrano che il prodotto rende i collaboratori il 45% più efficaci nel proprio lavoro.

Alla fine, Moskovitz vede Asana come uno strumento per dare alle persone più controllo sulle loro giornate.

La società è sul punto di rilasciare anche un nuovo strumento per i manager. L’imminente prodotto ” Workload ” ha lo scopo di aiutare i leader a capire quali sono le mansioni che i dipendenti stanno assumendo, in modo che possano aiutare a bilanciare i compiti tra una squadra.

Nonostante i 213 milioni di dollari in finanziamenti totali e una valutazione di 1,5 miliardi di dollari, Asana è ancora molto più piccola di concorrenti pubblici come Atlassian incentrato sugli sviluppatori (capital market da 26 miliardi di dollari) e SmartSheet (capital market da 4 miliardi di dollari), per non parlare di Airtable. Ma Moskovitz spazza via ogni timore competitivo, del resto ha le capacità per farlo.

“Pensiamo al nostro mercato totale come a tutti quelli che lavorano in collaborazione in tutto il mondo, ovvero a un miliardo di persone circa, e oggi solo una minuscola percentuale utilizza noi o qualsiasi nostro competitor, c’è una grande opportunità da sfruttare e ci dobbiamo far trovare pronti”

Condividi su:

valerio sanna

Vsx Blog : il mio punto di vista sul mondo del web, dell'innovazione e della scienza.

Leggi Precedente

Apple e Qualcomm si accordano, l’iPhone 5G può uscire nel 2020

Leggi Prossimo

Instagram potrebbe iniziare a nascondere i conteggi dei Mi Piace

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Social media & sharing icons powered by UltimatelySocial