• 27 Settembre 2022

Una soluzione high-tech per riconoscere le merci contraffatte

Riconoscere le merci contraffatte

Riconoscere le merci contraffatte

Condividi su:

Gli scanner ottici mobili possono verificare l’autenticità di un oggetto con una velocità senza precedenti, potrebbe essere la soluzione definitiva per riconoscere le merci contraffatte.

Come cultura, attribuiamo un grande valore all’autenticità, ma come giudichiamo effettivamente ciò che è autentico da ciò che non lo è? 

La semplice risposta è che ci affidiamo principalmente alle etichette. 

Entra in qualsiasi negozio e troverai una vera galassia di etichette di prodotti che certificano tutto, dal pollo ruspante ai diamanti senza conflitti sanguinari. Solitamente tendiamo a credere a ciò che leggiamo, forse perché è più confortante immaginare la contraffazione come un problema lontano e raro. Ma la verità è che la contraffazione non è mai stata così diffusa.

Le merci contraffatte sono il 3,3 % del commercio globale . 

Anche se le calzature e l’abbigliamento ne comprendono la gran parte, i contraffattori rivolgono sempre più la loro attenzione a settori di nicchia, al traffico di false attrezzature mediche, prodotti farmaceutici e alimentari. 

A febbraio, l’OMS ha emesso un avviso che avvertiva pazienti e medici di un falso farmaco contro il cancro in circolazione negli Stati Uniti e in Europa. Secondo il gruppo di patrocinio Oceana, circa il 25% dei frutti di mare del mondo è etichettato erroneamente. Secondo alcune stime, fino all’80% dell’olio d’oliva italiano è falso. E questi sono solo degli esempi.

E se ci fosse un modo migliore per garantire l’integrità dei nostri beni di consumo rispetto a una semplice etichetta che alla fine è ancora più facile da riprodurre rispetto al prodotto stesso? 

I ricercatori hanno già iniziato a cercare dati sulla lunghezza d’onda e l’analisi delle caratteristiche microscopiche intrinseche alle sostanze come potenziale soluzione all’epidemia di contraffazione.

A differenza dell’etichetta di un prodotto, queste caratteristiche microscopiche e le firme della lunghezza d’onda sono uniche, inalterabili e possono essere osservate in quasi tutte le sostanze nell’universo, ad eccezione dei buchi neri. Nell’analizzare questa firma unica, l’osservatore sta osservando l’essenza molecolare di una cosa. 

L’autenticità, quindi, è assicurata dalla natura stessa dell’oggetto. 

Prendi i diamanti come esempio. Dai tag RFID alle incisioni laser, l’industria delle gemme utilizza una serie di metodi per tracciare i diamanti fisici e garantire che caratteristiche come carati e chiarezza si abbinino a documenti certificati. Ma i tag RFID possono essere rimossi e le incisioni laser possono essere ri-laserate. 

Ciò che non può essere manomesso sono le caratteristiche microscopiche del diamante. Questo è ciò che serve per riconoscere le merci contraffatte.

Naturalmente, questo tipo di analisi non è un concetto nuovo. La novità, tuttavia, è l’avvento della tecnologia miniaturizzata dello scanner, abbastanza piccola da poter essere inserita in uno smartphone, abbinata a modelli di intelligenza artificiale in grado di autenticare i materiali nel mondo reale. 

Una soluzione high-tech per il riconoscimento di merci contraffatte
Finti portafogli Louis Vuitton venduti per strada. Credito: Getty Images

Una soluzione attualmente in fase di valutazione utilizza uno scanner mobile in grado di lavorare con una risoluzione di un micron. Per metterlo in prospettiva, un centimetro quadrato contiene 10.000 micron. Una ciocca di capelli umani è larga circa 82 micron. Ad un solo micron, i batteri diventano visibili. 

Questo sensore è supportato da modelli di AI specializzati, addestrati per aiutare ad identificare caratteristiche microscopiche uniche. L’analizzatore ottico mobile cattura anche i dati della lunghezza d’onda. 

Sia la lunghezza d’onda che i dati microscopici vengono quindi valutati utilizzando modelli di AI. Infine, i risultati vengono archiviati su una rete blockchain, dove proprietà come l’immutabilità assicurano che non possano essere manomessi.

Per essere chiari, non si tratta solo di beni di lusso come diamanti e raffinati oli d’oliva. Stiamo esplorando l’analisi ottica mobile per convalidare farmaci antitumorali, metalli da costruzione, carburanti diesel, chip di computer e alimenti per animali. 

Riconoscere le merci contraffatte non riguarda solo i paesi ricchi.

In effetti, oltre il 70% dei medicinali in Africa sono contraffatti, il maggiore impatto della tecnologia potrebbe quindi essere per i paesi in via di sviluppo.

Un giorno molto presto, gli analizzatori ottici potrebbero essere una funzionalità standard per smartphone, onnipresente nei dispositivi mobili come le fotocamere. 

Sebbene non sia mai facile prevedere con che rapidità verrà adottata la nuova tecnologia, una cosa è già certa: esistono già gli strumenti necessari per combattere la crescente epidemia di contraffazione. Ora è tempo di usarli.

Condividi su:

valerio sanna

Vsx Blog : il mio punto di vista sul mondo del web, dell'innovazione e della scienza.

Leggi Precedente

Come rimuovere i tag da un post di Instagram in cui non vuoi apparire

Leggi Prossimo

Come creare una strategia di Marketing sui Social in 8 passaggi

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Social media & sharing icons powered by UltimatelySocial