• 25 Maggio 2024

La foresta pluviale amazzonica potrebbe diventare un deserto

La foresta pluviale amazzonica può diventare un deserto

La foresta pluviale amazzonica può diventare un deserto

Condividi su:

Il fuoco ha consumato la periferia della foresta pluviale amazzonica di recente. Con l’aumento dei tassi di mortalità degli alberi tropicali, viene da chiedersi: l’ecosistema potrebbe portare ad un ambiente arido e desertico?

La notizia dell’aumento degli incendi nella foresta pluviale amazzonica si è diffusa in tutto il mondo, quando enormi aree sono state incendiate per liberare terreno all’industria agricola. Le cifre emerse hanno scioccato il pianeta: nei primi mesi di quest’anno ci sono stati quasi 50.000 incendi, in aumento dell’84% rispetto allo stesso periodo dello scorso anno. Se questa tendenza continua, l’intero ecosistema della foresta pluviale è a rischio.

La foresta pluviale amazzonica non è attrezzata per affrontare il fuoco. A differenza di altri ecosistemi, come la savana africana, dove gli incendi boschivi sono comuni, la foresta pluviale è troppo bagnata per prendere fuoco naturalmente. Qualsiasi incendio iniziato lì è stato acceso dall’uomo.

Tuttavia, non tutti gli incendi in Amazzonia sono illegali. 

In alcuni stati, i proprietari terrieri sono in grado di richiedere una licenza per disboscare fino al 20% delle loro proprietà, di solito per sgombrare aree da costruire, coltivare o estrarre. Per fare questo, gli alberi vengono abbattuti e disposti sotto il sole caldo. Dopo un certo numero di settimane, sono abbastanza asciutti da bruciare. Ma quest’anno, molti stati hanno emesso un “divieto d’incendio” per prevenire questo metodo di deforestazione. Lo stato dell’Amazzonia aveva il divieto, ma gli incendi non si sono fermati.

In precedenza, le preoccupazioni riguardavano un numero crescente di siccità diffuse, che uccidono milioni di alberi e minacciano la biodiversità della foresta pluviale.

Solo quest’anno, i dati del National Institute for Space Research (INPE) del Brasile mostrano 197.386 incendi in Sud America . La metà di questi erano nella foresta pluviale amazzonica.

Il fuoco viene utilizzato perché elimina completamente gli alberi, appiattendo il terreno per consentire alle grandi macchine agricole di passare agevolmente.

La foresta si riprende da un incendio dopo alcuni anni, anche se gli alberi che ricrescono potrebbero non essere gli stessi, considerando che il fuoco distrugge tutto.

dice Adriane Esquivel-Muelbert, un’ecologa all’Università di Birmingham che studia gli effetti dei cambiamenti climatici sulle foreste, in particolare in Brasile, il suo paese d’origine.

È un circolo vizioso

Man mano che muoiono più alberi, le aree circostanti diventano ancora più calde e asciutte. 

Al momento, la foresta pluviale ha questo “tendaggio naturale” che ombreggia e protegge la vegetazione. Una volta che lo bruci, apri alla luce e al calore del sole tropicale che si riversa dentro.

spiega Esquivel-Muelbert.

Mentre il ciclo continua, lo stato dell’Amazzonia come foresta pluviale potrebbe essere minacciato. Alcuni hanno affermato che ci stiamo avvicinando a un “punto di non ritorno”, in cui la foresta pluviale diventerà irreversibilmente un deserto, un processo che è stato soprannominato “desertificazione”.

Se questa deforestazione aumenta, potrebbe cambiare il clima nella foresta pluviale in uno che è meno favorevole alle specie di alberi tropicali e più favorevole a quelli che si trovano in una savana.

E’ il punto di non ritorno, l’Amazzonia diventerà una savana.

Non solo si tratterebbe di un’enorme perdita di biodiversità vegetale e animale, ma una savana è un generatore di carbonio meno efficace di quello attualmente offerto dalla foresta pluviale .

Il punto di non ritorno è un’ipotesi, spiega Esquivel-Muelbert, ma i ricercatori hanno visto che potrebbe accadere. 

Abbiamo visto un cambiamento nelle specie lì. La siccità aumenta la mortalità di quegli alberi che preferiscono le condizioni della foresta pluviale, mentre le specie più tolleranti alla siccità vengono favorite dal nuovo clima.

Le aree che rimangono nello stato della foresta pluviale sono minacciate dalle condizioni più calde e secche portate dalla savana circostante. È difficile non immaginare questa “desertificazione” come una cosa che consuma tutto, diffondendosi come il fuoco.

Quanto siamo vicini a un punto di non ritorno? Sfortunatamente, è difficile per gli scienziati prevederlo. Dipende da quanto preserviamo la foresta, dobbiamo agire ora per prevenire alti tassi di mortalità e cercare di invertire questo trend.

La maggior parte dell’Amazzonia brasiliana è terra indigena. 

La deforestazione non uccide solo gli alberi, ma uccide le person. Tante culture vivono insieme (in Amazzonia) ma è quasi come un selvaggio West, non ci sono regole, né autorità. Queste persone sono minacciate da minatori illegali e taglialegna. Le comunità che vivono lì devono essere rispettate, devono avere una voce e dobbiamo assicurarci che siano al sicuro.

afferma Esquivel-Muelbert.

Lo stato della foresta pluviale amazzonica è una preoccupazione per il mondo, afferma la dott.ssa Shanan Peters, geoscienziata dell’Università del Wisconsin-Madison. Non solo per l’ossigeno che produce, ma per l’anidride carbonica che elimina.

Dire che l’Amazzonia è “il polmone del pianeta” è un’affermazione incompleta.

Potremmo bruciare ogni cosa vivente sulla Terra, tutti gli alberi, tutta l’erba e non rimanere ancora senza ossigeno per molte, molte generazioni future, ma saremmo devastati dal raddoppio della CO2 che accadrebbe all’istante. 

La storia di ciò che sta accadendo in questo momento nella foresta pluviale è, a mio avviso, articolata dall’impatto che avrà sulla CO2 . Gli incendi in Amazzonia stanno esacerbando la nostra crisi climatica.

Gli incendi di querst’estate sono chiaramente legati alla retorica del presidente del Brasile, che è stato accusato di non aver protetto la foresta pluviale . Ma siamo un po’ tutti responsabili, anche le azioni che svolgiamo, oppure no, qui in Europa riguardano l’Amazzonia. 

Dobbiamo renderci conto che le cose che consumiamo potrebbero provenire da fattorie in Amazzonia. La comunità globale deve rendersi conto che tutti hanno bisogno di aiuto per preservare la foresta pluviale. Il pianeta non è così grande come potrebbe sembrare, se ne danneggiamo una parte lo danneggiamo tutto in maniera irreversibile.

Condividi su:

valerio sanna

Vsx Blog : il mio punto di vista sul mondo del web, dell'innovazione e della scienza.

Leggi Precedente

Come scegliere le migliori cuffie per ascoltare musica

Leggi Prossimo

La regola delle 5 ore usata da Bill Gates, Jack Ma ed Elon Musk

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Social media & sharing icons powered by UltimatelySocial